Diritto e Fisco | Articoli

Cosa serve per aprire una ludoteca?

19 Marzo 2020 | Autore:
Cosa serve per aprire una ludoteca?

Ami i bambini e ti piace giocare con loro? La tua passione potrebbe diventare un vero e proprio lavoro. Vediamo come fare per realizzarlo.

Hai mai pensato di creare uno spazio dedicato al gioco e al divertimento? Se hai sempre amato stare in compagnia dei bambini questo è l’articolo giusto per te. Ti spiegheremo, infatti, come puoi trasformare il tuo entusiasmo in una vera e propria attività professionale. Se trovi questa idea allettante, proviamo a vedere insieme cosa serve per aprire una ludoteca.

Per ludoteca si intende il luogo più o meno grande dedicato allo svago dei più piccoli: è una vera e propria attività di impresa che deve rispettare gli standard richiesti dalla legge. Ricordati che la caratteristica principale di tale iniziativa è lo scopo ricreativo. Devi, quindi, dotare la struttura di tutto il materiale necessario ai bambini per socializzare divertendosi. Il fine tipico della ludoteca permette di distinguerla facilmente dagli asili, ossia dai luoghi privilegiati per l’apprendimento e l’educazione dei più piccoli.

In questa guida ti indicheremo, in particolare, quali sono i costi e le procedure da seguire per avviare la tua attività.

Le procedure per aprire una ludoteca

Per aprire una ludoteca non è richiesto il possesso di specifici titoli di studio. A differenza di quanto avviene per gli asili, infatti, non devi aver frequentato corsi abilitanti alla professione. L’ingrediente principale per fare questo lavoro è lo spirito creativo accompagnato da tanta pazienza. Tuttavia, se è vero che tu non devi avere delle competenze particolari, è anche vero che esistono delle indicazioni precise sulle caratteristiche che devono possedere i luoghi da adibire a ludoteca. Inoltre, come spesso accade in Italia, sono previsti degli adempimenti burocratici dai quali non ti puoi sottrarre. Esaminiamo entrambi gli aspetti.

Le caratteristiche dei luoghi

Il primo passo da compiere è quello di individuare i locali che rispettino gli standard imposti dalla legge, nazionale e regionale, e da eventuali regolamenti locali. In linea di massima, si richiede che gli spazi siano a misura di bambino: ciò significa che devono essere areati, luminosi, confortevoli e con una dimensione minima di 80 mq. Particolari accorgimenti devono essere adottati per evitare incidenti durante la fase di gioco: il pavimento deve essere, quindi, dotato di mattonelle in gomma e le pareti e i pilastri devono essere ricoperti di materiale antiurto.

Ma non è tutto: all’interno della ludoteca devono essere presenti dei bagni (compreso quello per disabili) facilmente accessibili ai bambini, uno spogliatoio per il personale e, se si consente l’accesso ai genitori, un’accettazione di almeno 4 mq. Devono, inoltre, essere eliminate tutte le eventuali barriere architettoniche che rendano difficile la partecipazione di soggetti con handicap fisico: è quindi preferibile, anche se non indispensabile, che la ludoteca sia collocata al piano terra e affacci sulla strada.

Imprescindibile è il possesso del certificato di agibilità dei luoghi rilasciato dal Comune in cui ha sede la ludoteca nonché la certificazione anti incendio dei vigili del fuoco.

Individuato il luogo da destinare alla tua attività, devi preoccuparti di acquistare tutto il materiale necessario per realizzare i laboratori e le iniziative ricreative che hai in mente. Bada bene: non devono essere presenti giochi, attrezzi e oggetti di qualsiasi natura che possono mettere a repentaglio la salute dei bambini che fanno accesso all’area gioco. Fai attenzione anche alla qualità dei materiali che compri: tutto ciò che utilizzi deve possedere il certificato di garanzia dell’Unione Europea, deve essere atossico, ignifugo, lavabile e antiscivolo.

Gli adempimenti burocratici

Il lavoro che stai pensando di intraprendere costituisce una vera e propria attività di impresa. Per questo motivo, in via di estrema sintesi, ti possiamo ricordare che devi recarti, da un lato, all’Agenzia delle Entrate per munirti di partita Iva e, dall’altro, presso il Registro delle Imprese competente per richiedere l’iscrizione della tua azienda. Ovviamente, vi sono tutta una serie di regole di natura previdenziale, fiscale e assicurativa che devi prendere in considerazione e che ti possono essere suggeriti da un professionista esperto in consulenza di impresa, al quale ti consigliamo di rivolgerti.

I costi da sostenere per aprire una ludoteca

Le spese per la creazione di una ludoteca non sono particolarmente elevate e sono rapportate alle dimensioni della struttura, alla presenza di personale dipendente e alla quantità di arredi acquistati. Sul punto,valuta la possibilità di adottare una nuova tipologia contrattuale che ti consente di abbattere i costi, ossia il franchising. Attraverso tale formula, infatti, puoi rivolgerti a società specializzate nel settore dell’intrattenimento e chiedere di aderire al pacchetto “tutto incluso” da loro fornito. Le opportunità offerte sono molteplici e hanno un costo variabile a seconda della tipologia di servizi che si intende attivare: si va dalle fornitura delle attrezzature, alla consulenza di impresa, all’accompagnamento nella predisposizione dell’idea progettuale, al marketing pubblicitario.

Ricorda, infine, di dotarti di una adeguata polizza assicurativa, di dare comunicazione al Comune competente dell’inizio dell’attività e di dotarti di un terminale (il pos) che consenta di effettuare i pagamenti con carte di credito o moneta elettronica. Se decidi di somministrare alimenti e bevande devi, altresì, conseguire la certificazione HACCP che attesti il rispetto dei requisiti igienici previsti per legge.

Alcuni suggerimenti utili

L’adozione di alcuni accorgimenti ti permette di realizzare più serenamente la tua attività e di essere più concorrenziale sul mercato. Anche se non imposto per legge, è auspicabile la frequenza a corsi di aggiornamento che ti permettano di adottare l’approccio psicologico e fisico più adatto ai bambini con cui ti relazioni. È soprattutto indispensabile la partecipazione ai corsi che insegnano le manovre di intervento in caso di soffocamento per ingestione di corpi estranei e l’utilizzo dei defibrillatori automatici in caso di arresto cardiaco.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. La ludoteca è un servizio socio educativo con finalità pedagogiche. Per lavorarci serve specifica formazione professionale e adeguata competenza!

    1. Certamente è auspicabile e fortemente consigliato che tutti coloro che operano con bambini, in qualsiasi ambito e contesto, siano in possesso di tali competenze. Cionondimeno, le ludoteche possono essere aperte (diversa è la condizione di chi lavora al loro interno) sia da soggetti pubblici sia da soggetti privati; tra questi ultimi, possono risultare ludocatari tanto singoli individui quanto nuclei associativi.

      1. Esatto, per aprire una ludoteca non servono titoli specifici, come non servono per aprire un asilo nido privato….diversa è la condizione di chi ci lavora all’interno.

Rispondi a Tiziana Costarella Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube