Tech | News

Internet: arriva un nuovo operatore ma è diverso dagli altri

20 Febbraio 2020
Internet: arriva un nuovo operatore ma è diverso dagli altri

Fornisce servizi di connettività Iot per far dialogare i dispositivi tra loro: autoveicoli, container, cassonetti dei rifiuti, contatori elettrici e molti altri. 

Il nome è strano e assomiglia a una targa automobilistica estera, ma ha già venduto oltre un milione di Sim card in 5 mesi dal lancio: è 1NCE GmbH, il nuovo operatore tedesco (ha sede in Germania, a Colonia), che si contraddistingue perché opera nel settore dell’Internet of Things, l’internet delle cose, che collega le “classiche” comunicazioni in rete al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti.

Una tecnologia che mette in comunicazione non più soltanto le persone, ma le persone con le macchine e addirittura gli apparecchi e i dispositivi tra loro, che così possono dialogare senza l’intervento umano. Ma hanno sempre bisogno di un canale di trasmissione. Per questo serve un particolare tipo di connettività, offerta adesso da alcune società specializzate, che ove occorre si appoggiano agli operatori tradizionali per far viaggiare i propri dati sulla loro banda di traffico.

Intanto 1NCE offre già oggi una tariffa fissa per interconnettere dispositivi “intelligenti”, dai serbatoi, ai contatori ai veicoli telematici, in oltre 60 Paesi nel mondo e conta di arrivare presto a 103, tra cui l’Italia.

Il piano tariffario flat rate “ha un costo accessibile”, spiega la società in una nota stampa diffusa dall’agenzia Adnkronos.  “Al costo di 10 euro i clienti IoT collegano i loro dispositivi per 10 anni”. Questa formula unica (non ci sono piani alternativi) e all inclusive (tutto compreso) “include 500 Mb di volume dati, 250 SMS e accesso gratuito al portale per la gestione della connettività 1NCE tramite Internet e API. Per fornire il servizio, 1NCE collabora con Deutsche Telekom AG e i suoi partner per il roaming, nonché con China Telecom Global Limited e supporta tutti gli standard comuni di comunicazione mobile (2G, 3G, 4G, NB-IoT)”.

Se 5o0 Mb sembrano pochi, a chi ormai è abituato a vedersi proporre manciate di Giga in offerta, la società ricorda che “è molto più di quanto sia necessario per lo scambio di informazioni essenziali nelle applicazioni IoT senza voce”. Si tratta infatti di una connettività che richiede pochi segnali ed impulsi codificati e dunque consuma poco in termini di traffico; anche per questo il costo dell’abbonamento è decisamente contenuto.

Resta da capire, per il grande pubblico, cosa si potrà fare con questa connettività: sul sito della società si scopre che le applicazioni in atto vanno ben oltre le normali esigenze domestiche e riguardano la localizzazione dei container in viaggio, il controllo a distanza dei contatori e dei misuratori di energia, che possono riportare il consumo all’azienda fornitrice, la gestione delle flotte aziendali di veicoli, per sapere dove si trovano, in che condizioni sono e come vengono utilizzati, le luminarie stradali che segnalano quando hanno bisogno di sostituzione e i contenitori di rifiuti che lanciano un messaggio quando sono pieni e hanno bisogno di essere svuotati.

Grazie alla sua forte specializzazione, la società si distingue chiaramente dai grandi operatori di rete. “Come operatori di rete specializzati in IoT, stiamo creando un nuovo standard del settore che consentirà per la prima volta una crescita significativa nell’Internet of Things e nella comunicazione machine-to-machine”, ha dichiarato l’amministratore delegato di 1NCE, aggiungendo che “presto ogni prodotto sviluppato disporrà di capacità radio e sarà così in grado di comunicare”.

Gli esperti della GSM Association, l’associazione del settore di provider di telefonia mobile a livello mondiale, stimano che entro il 2025 ci saranno 25 miliardi di dispositivi wireless che richiederanno questo tipo di comunicazione.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube