Diritto e Fisco | Articoli

Come risparmiare denaro

13 Marzo 2020 | Autore:
Come risparmiare denaro

Hai uno stipendio fisso e non riesci ad arrivare a fine mese? È facile dare la colpa alla crisi economica, ma hai provato a chiederti se sei tu che gestisci male le tue risorse? Ecco qualche suggerimento

Il passaggio dalla lira all’euro ha provocato dei cambiamenti importanti nello stile di vita degli italiani, soprattutto di carattere economico. La fase di adattamento al nuovo regime è stata piuttosto lunga e, ancora oggi, alcune persone rimpiangono la vecchia moneta. Forse anche tu sei tra i nostalgici e ritieni che le tue difficoltà economiche siano imputabili esclusivamente al nuovo sistema. Quindi, credi che le cause dei tuoi mali siano soltanto l’ingresso in Europa e la moneta unica.

In realtà, le cose non stanno esattamente così: la voglia di tornare al passato è collegata a una errata valutazione dell’attuale contesto finanziario. Sappi che il ritorno alla lira, per una serie di ragioni molto tecniche, non ti permetterebbe di gestire con maggiore facilità le spese quotidiane.

Ma proviamo a guardare la situazione da un’angolazione diversa: hai provato a chiederti se effettivamente le cause delle tue difficoltà economiche siano da ricercare all’esterno della tua vita familiare? Hai provato ad analizzare con attenzione il tuo stile di vita? Proviamo a verificare insieme se gestisci correttamente il tuo stipendio e a chiederci come risparmiare denaro. Spesso, anche se non sempre, per fare un po’ di economia è sufficiente adottare dei piccoli accorgimenti.

Fatte salve le dovute e importanti eccezioni ricollegabili esclusivamente all’attuale crisi economica, è bene evidenziare come le difficoltà di gestione del proprio stipendio possono derivare, delle volte, dall’incapacità di assumere le giuste decisioni. Vediamo, quindi, insieme quali sono le spese che maggiormente ti affaticano, perché sono inevitabili, e come puoi fare ad abbattere i costi. Per fare ciò dobbiamo, anzitutto, verificare quali sono le principali voci che incidono pesantemente sul tuo budget familiare.

Le spese inevitabili: quali sono?

Ogni giorno sei costretto, tuo malgrado, a sostenere delle spese che non puoi evitare senza compromettere la salute fisica e mentale tua e dei tuoi cari. Nell’arco della settimana devi, infatti, occuparti di tutte le esigenze della tua famiglia e dei suoi singoli componenti: devi, quindi, fare la spesa e pagare regolarmente tutte le utenze (energia elettrica, gas, tassa sui rifiuti, servizio idrico). Inoltre, se hai dei figli devi premurarti di acquistare, almeno ogni mese, dei nuovi capi di abbigliamento: i bambini, si sa, crescono in fretta e necessitano di un continuo rinnovo del proprio guardaroba. Ci sono poi le spese scolastiche e assicurative, gli abbonamenti televisivi, i costi di benzina e la manutenzione dell’appartamento, i piccoli imprevisti della giornata. Per non parlare poi delle spese condominiali, dell’abbonamento della palestra, delle spese sanitarie.

Se dai una rapida occhiata all’elenco che ti abbiamo appena proposto ti rendi da subito conto di come, da un lato, esistono delle spese alle quali non puoi sottrarti, e, dall’altro lato ci sono dei costi che puoi facilmente ridurre, se non addirittura evitare. Vediamone alcuni.

  1. abbonamenti televisivi. È ormai prassi consolidata quella di sottoscrivere degli abbonamenti annuali per avere rapido accesso a una serie infinita di programmi e spettacoli televisivi. Si tratta, senza dubbio, di un valido aiuto per chi non può fisicamente recarsi al cinema o allo stadio e deve rinunciare a seguire la propria squadra del cuore. Tuttavia, se stai leggendo questo articolo, probabilmente hai necessità di contenere i costi. Un primo passo da compiere potrebbe essere proprio questo: disdire il tuo abbonamento e utilizzare i servizi offerti dalla televisione pubblica. Se, infatti, è vero che le spese sono rateizzate per i dodici mesi dell’anno, è anche vero che la somma totale delle quote versate porta a un risultato significativo. Forse allora è più opportuno, oltre che interessante, dedicarti a una salutare lettura o a un hobby meno costoso;
  2. sport e palestre. Lo sport fa bene alla salute e mai ti si potrebbe chiedere di rinunciarvi. Tuttavia, ci sono delle soluzioni economiche a basso costo o addirittura gratis. Se, invece, di chiuderti in palestra decidi di dedicarti a una corsetta mattutina? Il risultato è lo stesso, se non addirittura migliore. La corsa consente di scaricare lo stress e di respirare aria fresca e pulita, soprattutto se vivi sulla costa e puoi beneficiare di un lungomare;
  3. spese automobilistiche. Altro tasto dolente è quello della circolazione stradale. Per spostarti da casa al lavoro, per accompagnare i figli a scuola, per andare a fare la spesa hai necessità di almeno una macchina, non puoi fare diversamente. Ed essere proprietario di un’autovettura oggi ha dei costi esorbitanti. Ma, bada bene, anche qui c’è la possibilità di risparmiare. Pensa, ad esempio, alle compagnie assicurative on line che ti offrono dei preventivi ridotti o alle pompe bianche che ti consentono di fare rifornimento a basso costo. Inoltre, tutte le volte in cui non è strettamente indispensabile, ti consigliamo di utilizzare i mezzi pubblici: ne traggono beneficio sia le tue tasche sia il clima e l’ambiente.

Piccoli accorgimenti utili

Alcune spese non possono essere evitate. Che fare allora? Magari si tratta di costi eccessivi che bruciano letteralmente tutto il tuo conto in banca. Purtroppo, non possiamo certamente consigliarti di evadere il Fisco (è illegale) o di non pagare le utenze (rischi delle sanzioni) o di non curarti se stai male, ma possiamo suggerirti qualche piccolo accorgimento. Con riferimento alla spesa, ad esempio, potresti evitare i prodotti alimentari non necessari e, soprattutto, poco salutari: è veramente essenziale dissetarti con le zuccheratissime bibite gassate o forse è più opportuno bere dell’acqua naturale? Lo stesso può dirsi per le merendine preconfezionate: è preferibile fare i dolci in casa perché costano di meno, li puoi gustare in più giorni e non contengono conservanti.

Inoltre, ricorda che molte catene di supermercati riconoscono dei benefici ai loro clienti affezionati: pensa, ad esempio, alle offerte last minute (tipico esempio: “prendi tre e paghi due”) ai buoni sconto o al sistema dei coupon che ti permette di prendere gratis alcuni prodotti.

Analogo ragionamento può farsi per le spese di abbigliamento e per quelle sanitarie relative ai classici malanni stagionali. Nel primo caso, infatti, devi chiederti se è indispensabile acquistare il vestito firmato all’ultimo grido o puoi raggiungere lo stesso risultato con beni meno esosi; nel secondo caso, devi interrogarti sulla opportunità di acquistare e usare un numero spropositato di farmaci per un banale raffreddore o forse è più salutare consentire al corpo di attivare le proprie difese immunitarie.

Questi sono soltanto alcuni esempi, ma se inizi a scremare i beni utili da quelli dannosi, ti rendi subito conto di come ne trai anche un beneficio economico. Senza dubbio, devi evitare ogni vizio. Le sigarette, ad esempio, ti rubano la media di cinque euro al giorno: prova a fare il conto di quanto ti costano nell’arco di un intero anno solare.

Ricorda, infine, che il nostro servizio assistenziale è attento alle situazioni di difficoltà. Ci sono tutta una serie di bonus che puoi richiedere e che ti aiutano nella gestione economica: pensa, ad esempio, al bonus libri o al bonus bebè per i neo-genitori.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube