Politica | News

Renzi dà un’altra spallata al Governo

20 Febbraio 2020
Renzi dà un’altra spallata al Governo

Presentando il piano sbloccacantieri, il leader di Italia Viva lancia un monito alla maggioranza e chiede di incontrare il premier Conte. «Un chiarimento si dovrà fare», avverte.

Subito dopo aver dettato le condizioni al Governo, ieri sera durante la trasmissione televisiva Porta a porta, oggi Matteo Renzi torna all’attacco al Senato, dove ha presentato il piano “Italia Shock”, un decreto per sbloccare i cantieri di opere pubbliche già finanziate ma i cui lavori non sono ancora iniziati.

Un piano shock per l’Italia che il leader di Italia Viva aveva già preannunciato da tempo, del valore di 120 miliardi di euro, ma che oggi ha avuto poche precisazioni – al di là della proposta di mettere nei cantieri ”Cento commissari per salvare il Paese” – ed è sembrato piuttosto un’occasione per parlare di altro, riprendendo l’attacco alla maggioranza di Governo e in particolare al premier Conte.

“Si pone il tema di una qualche forma di chiarimento”, dice Matteo Renzi nella conferenza stampa al Senato seguita dalla nostra agenzia Adnkronos, e chiede un incontro con Giuseppe Conte: in questi giorni “ci siamo scritti” e “credo che la cosa più pulita e seria è quella di vederci di persona. Noi porteremo il nostro ‘sblocca cantieri’ e lui farà le valutazioni che crede su questo e noi faremo le valutazioni che crediamo sul tutto il resto. La prossima settimana conto che si possa mettere la parola fine a questo teatrino”.

Poi la stoccata, con un preciso avvertimento: ” Noi non abbiamo il desiderio di rompere, ma cerchiamo di trovare dei compromessi finché sarà possibile. Poi un chiarimento si dovrà fare. Io mi ero dato tempo fino a Pasqua, forse sono stato troppo morbido… Ho chiesto di vedere Conte la settimana prossima”.

Le priorità di Italia Viva in questo momento sono quattro – spiega Renzi ai giornalisti in Transatlantico di palazzo Madama -:”l’elezione diretta del sindaco d’Italia, ovvero il premier scelto dal popolo; la trasformazione del reddito di cittadinanza da sussidio a aiuto fiscale per le imprese e i lavoratori; lo sblocco dei cantieri e il grande tema della giustizia garantista”.

Un piano che però trova gelidi i soci della maggioranza, che non gli offrono nessun appiglio, nonostante la mano tesa al governo, ma condizionata: “il piano Italia shock è una ‘proposta che offriamo al governo. Il nostro obiettivo è dare una mano sia che continuiamo a stare in maggioranza sia che all’opposizione, se arriveranno i responsabili. Noi comunque daremo questo nostro lavoro al governo”, dice Renzi.

I “responsabili” sarebbero i senatori disposti a sostituire Renzi in caso di uscita dal governo, fornendo sostegno alla maggioranza; i loro nomi ed il loro numero sono ancora incerti. In proposito Renzi dice: “Chi sono i responsabili? A chi mi chiede: ‘lei dove ha visto questo?’, rispondo che basta leggere i giornali dove ci sono, non smentite, alcune dichiarazioni di persone avvicinate e poi c’ è una posizione del tutto legittima di una parte importante della coalizione, alcuni dei maggiori pensatori del Pd che hanno detto ‘sostituiamo Italia Viva con i responsabili”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. I soliti 4 gatti che condizionano la politica di una nazione. Ma questi non sono stati cacciati nelle ultime elezioni? Caspita che legge elettorale seria ha l’Italia! complimenti.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube