Infarto: per prevenirlo può bastare una pillola

20 Febbraio 2020
Infarto: per prevenirlo può bastare una pillola

Un noto farmaco già in commercio, il ticagrelor, è in grado di proteggere il cuore: lo dimostra un nuovo studio della Scuola Sant’Anna di Pisa.

Un noto farmaco già da tempo in commercio si rivela ora capace di proteggere il cuore dall’infarto e dallo scompenso cardiaco: è il risultato di uno studio condotto dall’Istituto di Scienze della vita della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, in collaborazione con la Fondazione Toscana G. Monasterio e il Cardiocentro Ticino di Lugano.

Si tratta del ticagrelor, un anti-aggregante che si assume per via orale, in forma di pillola: lo studio svolto – pubblicato su ‘Scientific Reports’ e di cui ci parla l’agenzia stampa Adnkronos Salute – dimostra che funziona nella prevenzione dell’infarto se viene “somministrato con modalità diverse rispetto a quelle comunemente usate”, come spiegano gli studiosi nel descrivere questo fenomeno di ‘riposizionamento’ di un farmaco a favore di altri pazienti a rischio.

Il ticagrelor, infatti, si è dimostrato capace di creare un nuovo “meccanismo di protezione del cuore“, che riesce a rendere le cellule cardiache (cardiomiociti) più resistenti alla morte programmata da carenza cronica di ossigeno: proprio quella che avviene nel cuore infartuato, quando si verifica l’improvvisa ostruzione dei vasi sanguigni che forniscono l’indispensabile nutrimento al muscolo cardiaco.

In altre parole, il medicinale riesce a intervenire efficacemente su “un danno presente nelle persone che presentano un albero coronarico malato, incapace di irrorare il tessuto cardiaco in modo adeguato”; con il vantaggio collaterale di limitare anche altri effetti dannosi, come sanguinamenti e difficoltà respiratorie.

“Un medicinale che, però, non potrà essere assunto con il “fai da te”, ma che necessita di una prescrizione appropriata, secondo il dosaggio che sarà elaborato dagli esperti. I cardiologi lo “hanno sotto gli occhi da anni per altre ragioni”, essendo comunemente usato come anti-aggregante nella coagulazione sanguigna, ma adesso grazie ai nuovi studi compiuti potrà essere utilizzato per combattere l’infarto e le patologie collaterali.

“Una dose del farmaco ticagrelor più bassa rispetto a quella convenzionale è già sufficiente e rivelare l’inatteso potenziale cardioprotettivo del farmaco”, spiega Vincenzo Lionetti, docente della Scuola superiore Sant’Anna e coordinatore dello studio. “L’uso di dosaggi più bassi di ticagrelor – aggiunge – garantisce una cardioprotezione non invasiva, più efficace e sicura, e ora sappiamo il perché”.

Cosa succederà ora, e quando il farmaco sarà reso disponibile ai pazienti per consentirgli di beneficiare di queste nuove applicazioni? “Un colosso farmaceutico svedese si è subito interessato alla nostra ipotesi, supportando la ricerca con un finanziamento incondizionato”, risponde la ricercatrice Valentina Casieri. Ci saranno dunque nel prossimo futuro ulteriori studi e sperimentazioni, dove il ticagrelor sembra essere favorito in pole position, perché “la ricerca ha dimostrato che altri farmaci anti-aggreganti orali non inducono lo stesso meccanismo cardioprotettivo”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube