Politica | News

Di Maio: “Italia primo partner dell’Azerbaigian”

21 Febbraio 2020
Di Maio: “Italia primo partner dell’Azerbaigian”

Il ministro pubblica su Facebook il suo intervento alla Farnesina nell’ambito del Business Forum: “Più di 100 aziende nostrane lavorano con il paese asiatico”.

“L’Italia è da anni il primo partner commerciale al mondo dell’Azerbaigian, con un valore totale degli scambi aumentato del 70 per cento in meno di un decennio”.

Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, postando su Facebook il suo intervento in occasione del Business Forum Italia-Azerbaigian. I lavori si sono svolti alla Farnesina, con la partecipazione del presidente azero Ilham Aliyev.

“Oggi – scrive Di Maio – lavorano con l’Azerbaigian oltre cento aziende italiane che prestano servizi, lavori e forniture in molti settori: dal design al turismo, dall’agroindustria alle tecnologie verdi alla connettività e logistica. Conto su questo Business forum perché sia un momento qualificante della reciproca conoscenza delle nostre comunità imprenditoriali. Sono certo che daremo un importante contributo alla crescita delle relazioni dei nostri paesi”.

Un rapporto di lungo corso, quello tra l’Italia e lo stato asiatico che, dal 2013 è il suo primo fornitore di petrolio. Per Di Maio, i rapporti tra Italia e Azerbaigian hanno avuto un “salto di qualità” con la firma del partenariato strategico in occasione della prima visita di stato nel nostro paese del presidente
dell’Azerbaigian Ilham Aliyev.

“I nostri sono paesi amici e i nostri scambi sono basati sul dialogo”, ha detto Di Maio, secondo una nota dell’agenzia di stampa AdnKronos. “L’Italia è il primo partner dell’Azerbaigian”, ha ricordato il titolare della Farnesina, sottolineando che vi sono “tutte le  condizioni” per un aumento della cooperazione in settori come infrastrutture, agroindustriale, agricoltura e rinnovabili.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube