Ringhiere e tettoie: nuove aliquote Iva

22 Febbraio 2020 | Autore:
Ringhiere e tettoie: nuove aliquote Iva

L’Agenzia delle Entrate: possono essere considerati beni finiti in certi edifici e a determinate condizioni.

Iva agevolata al 4% per corrimani e ringhiere dei balconi che rientrano nella legge Tupini e al 10% se posati in edifici assimilati alla Tupini oppure oggetto di restauro e risanamento, ristrutturazione edilizia o urbanistica. Lo ha precisato ieri l’Agenzia delle Entrate [1]. In questo modo, questi beni vengono classificati tra quelli finiti e non come materie prime o semilavorate. Un aspetto che può interessare chi quest’anno ha deciso di beneficiare del bonus facciate del 90%.

In pratica, secondo quanto chiarito dall’Agenzia, deve pagare l’Iva al 4% l’utilizzatore finale dei beni finiti per la costruzione di abitazioni, uffici e negozi che hanno i requisiti della legge Tupini del 1972 [2], mentre l’imposta sale al 10% per i fabbricati assimilati nel caso in cui l’acquirente sia utilizzatore finale e per l’acquisto dei beni per gli interventi di restauro e risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia o urbanistica, ad esclusione delle materie prime e semilavorate. Negli altri casi, l’Iva è al 22%.

L’Agenzia delle Entrate aveva già stabilito che per «beni finiti» di deve intendere quelli diversi dalle materie prime e semilavorate che anche successivamente al loro impiego nella costruzione o nell’intervento di recupero non perdono la loro individualità, pur incorporandosi nell’immobile.

Nello specifico, rientrano in questa categoria:

  • ringhiere per balconi, comprese di corrimano, fissaggio, pilastrini, ecc.;
  • recinzioni e ringhiere per recinzioni, sempre comprensive di ogni elemento;
  • tettoie per balconi e terrazze montate sul pavimento e sulla facciata dell’immobile.

L’unica condizione posta affinché possa essere applicata l’Iva ridotta è che questi beni conservino la loro individualità e autonomia funzionale e possano essere sostituiti autonomamente senza intaccare la struttura dell’edificio, senza perdere le proprie caratteristiche al punto di poter essere riutilizzabili in un altro contesto.


note

[1] Agenzia Entrate risposta n. 71/2020 del 21.02.2020.

[2] DPR n. 633/1972.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube