Come evitare il contagio da coronavirus

22 Febbraio 2020 | Autore:
Come evitare il contagio da coronavirus

Ecco il decalogo diffuso dall’Istituto Superiore della Sanità per prevenire ulteriori casi. Dai comportamenti di base a come evitare inutili paure.

L’arrivo in Italia del coronavirus, le decine di persone già infette ed il primo decesso avvenuto in Veneto hanno spinto l’Istituto Superiore di Sanità a sensibilizzare la popolazione affinché sappia come evitare il contagio da coronavirus e adotti tutte le precauzioni del caso.

Si pensa, certamente, a cosa dovranno fare le aziende, le scuole, gli ospedali ed i responsabili di ogni luogo di lavoro per impedire che il contagio si moltiplichi. Ed abbiamo anche spiegato come capire se hai il coronavirus. È fondamentale, però, sapere pure come evitarlo. Ecco, a questo proposito, il decalogo pubblicato dall’Iss con alcune raccomandazioni basilare per difendersi da un possibile contagio:

  1. lavare spesso le mani: le mani vanno lavate con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol al 60%. Lavarsi le mani elimina il virus;
  2. evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute: mantenere almeno un metro di distanza dalle altre persone, in particolare quando tossiscono o starnutiscono o hanno la febbre, perché il virus è contenuto nelle goccioline di saliva e può essere trasmesso a distanza ravvicinata;
  3. non toccare occhi, naso e bocca con le mani: il virus si trasmette principalmente per via respiratoria, ma può entrare nel corpo anche attraverso gli occhi, il naso e la bocca, quindi evitare di toccarli con le mani non ben lavate. Le mani, infatti, possono venire a contatto con superfici contaminate dal virus e trasmetterlo;
  4. coprirsi bocca e naso se si starnutisce o si tossisce: se si ha un’infezione respiratoria acuta, evitare contatti ravvicinati con le altre persone, tossire all’interno del gomito o di un fazzoletto, preferibilmente monouso, indossare una mascherina e lavarsi le mani;
  5. non prendere farmaci antivirali o antibiotici non prescritti: ad oggi non ci sono evidenze scientifiche che l’uso dei farmaci antivirali prevenga l’infezione da nuovo coronavirus (SARS-CoV-2). Gli antibiotici non funzionano contro i virus, ma solo contro i batteri. Il SARS-CoV-2 è, per l’appunto, un virus e quindi gli antibiotici non vengono utilizzati come mezzo di prevenzione o trattamento, a meno che non subentrino co-infezioni batteriche;
  6. pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o di alcol: i disinfettanti chimici più efficaci sono quelli a base di candeggina / cloro, solventi, etanolo al 75%, acido peracetico e cloroformio;
  7. attento all’uso della mascherina: l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di indossare una mascherina solo se si ha il sospetto di aver contratto il nuovo coronavirus, e si presentano sintomi quali tosse o starnuti, o se ci si prende cura di una persona con sospetta infezione da nuovo coronavirus (viaggio recente in Cina e sintomi respiratori);
  8. non avere paura di prodotti made in China: l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che le persone che ricevono pacchi dalla Cina non sono a rischio di contrarre il nuovo coronavirus, perché non è in grado di sopravvivere a lungo sulle superfici. A tutt’oggi non c’è alcuna evidenza che oggetti, prodotti in Cina o altrove, possano trasmettere il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2);
  9. quando chiamare il numero verde 1500: il periodo di incubazione del nuovo coronavirus è compreso tra 1 e 14 giorni. Chi è tornato da un viaggio in Cina da meno di 14 giorni, o è stato a contatto con persone tornate dalla Cina da meno di 14 giorni, e vengono febbre, tosse, difficoltà respiratorie, dolori muscolari, stanchezza può chiamare il numero verde 1500 del Ministero della Salute per avere informazioni su cosa fare. Indossare una mascherina, se si è a contatto con altre persone, usare fazzoletti usa e getta e lavare bene le mani;
  10. non avere paura degli animali da compagnia: al momento, non ci sono prove che cani e gatti possano essere infettati dal virus. Tuttavia, è sempre bene lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il contatto con gli animali da compagnia.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube