Coronavirus: gite scolastiche bloccate a partire da oggi

23 Febbraio 2020
Coronavirus: gite scolastiche bloccate a partire da oggi

Sospesi da oggi i viaggi di istruzione e le uscite didattiche: lo ha deliberato il Ministero dell’Istruzione per motivi precauzionali.

Il Ministero dell’Istruzione in attesa dell’adozione formale dell’ordinanza prevista dal decreto approvato in Consiglio dei Ministri, per motivi precauzionali, ha informato ora con una nota, diffusa dalla nostra agenzia stampa Adnkronos, che “i viaggi di istruzione vanno comunque sospesi a partire già da oggi domenica 23 febbraio 2020. Si ringraziano le scuole e i dirigenti scolastici per la collaborazione”.

Il Consiglio dei Ministri, nella serata di ieri, ha definito apposite misure per evitare la diffusione del Covid 19 e ulteriori misure di contenimento. Fra le decisioni adottate, c’è anche quella relativa alla sospensione delle “uscite didattiche e dei viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all’estero”.

Ora il Miur ha deciso di anticipare i tempi, senza attendere l’emanazione dell’ordinanza delle autorità di Governo (il decreto prevede che “le autorità competenti sono tenute ad adottare ogni misura di contenimento adeguata e proporzionale all’evolversi della situazione epidemiologica”) e di bloccare le gite scolastiche già programmate e in partenza da oggi stesso, con efficacia immediata. Ieri sera, al termine del Consiglio dei Ministri che ha deliberato il decreto, il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, aveva dichiarato: “Abbiamo adottato provvedimenti urgenti e straordinari sul coronavirus. Le misure approvate consentono la sospensione delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all’estero. Una richiesta che ho portato all’attenzione dei colleghi di governo e che farò in modo di  rendere operativa già nelle prossime ore”, come appunto è avvenuto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube