Diritto e Fisco | Articoli

Posso disdire una prenotazione per il Coronavirus?

23 Febbraio 2020
Posso disdire una prenotazione per il Coronavirus?

Cosa succede se viene annullato un evento, una fiera, uno spettacolo o un viaggio per timore del contagio da Coronavirus?

Tempo fa, hai prenotato un viaggio in aereo o un soggiorno in un albergo e ora vuoi disdire tutto perché temi il contagio da Coronavirus? Se è vero che, davanti alla salute, qualsiasi svago o impegno di lavoro può aspettare, è anche vero che potresti aver interesse a chiedere quantomeno la restituzione dei soldi versati in anticipo. Ma è tuo diritto pretenderli? In molti si stanno domandando, in questi giorni di emergenza: posso disdire una prenotazione per il Coronavirus? 

L’Italia è diventata il Paese, tra Europa e Usa, con il maggior numero di contagi da Coronavirus. Chissà per quale ragione dobbiamo essere il fanalino di coda anche quando si trattano l’igiene e la tutela sanitaria. Questo non significa, però, che non esista una tutela per i diritti dei consumatori se uno spettacolo viene annullato, se un treno non parte o non ferma ad una stazione, se un volo aereo viene annullato. Ecco allora quando è possibile disdire una prenotazione per il Coronavirus e ottenere la restituzione dei soldi.

Se sei tu a decidere di disdire il viaggio, il soggiorno o la partecipazione a un evento per tua maggiore sicurezza e precauzione, non hai alcun diritto al rimborso dell’anticipo o della caparra già versata. Si tratta, infatti, di una scelta personale che, se anche giustificata dalla situazione, non prevede alcuna tutela da parte della legge. Solo un caso di forza maggiore, come ad esempio una malattia o un grave infortunio non voluto – ad esempio, la rottura di una gamba o un intervento chirurgico urgente – consente la risoluzione del contratto e la restituzione del prezzo. Tale principio è stato affermato ormai da numerosi giudici secondo cui, anche in assenza di un’assicurazione sul viaggio, quando la partenza è dovuta a una causa indipendente dalla volontà del consumatore, questi ha diritto alla restituzione del prezzo. 

Al contrario, la precauzione di non partire per timore del Coronavirus dipende da un libero apprezzamento del consumatore (esagerata o meno che sia la precauzione) e, quindi, non c’è diritto alla restituzione dei soldi. 

Diverso è il discorso se l’annullamento della partenza è determinato da un provvedimento dell’autorità, come ad esempio il blocco di un volo aereo, di una manifestazione a pagamento, di una fiera, ecc. Chi ha raccolto la prenotazione non può pretendere il pagamento e dovrà restituire l’anticipo senza poter trattenere alcuna penale. 

Se, invece, è l’organizzatore dell’evento che annulla la manifestazione (si pensi a una fiera importante) allora sarà questi a dover rimborsare ai partecipanti tutte le spese sostenute per via della partecipazione all’evento. 

I fatti si stanno evolvendo giorno per giorno. Pertanto, prima di prendere qualsiasi decisione, è bene informarsi presso il sito della Farnesina per i viaggi verso l’estero, presso le autorità nazionali e locali in tutti gli altri casi. 

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

40 Commenti

  1. È vero, la stessa cosa la diceagenzia con cui abbiamo prenotato un viaggio in Giappone. Peccato che la Farnesina non aggioni neppure il sito, si limita a cambiare la data…
    Buongiorno e grazie per il servizio che ci fornite ogni giorno.

    1. Idem per crociera ai caraibi. E’ vero che li non ci sono casi ma devo arrivarci e oggi con la situazione in Italia siamo sicuri che non siamo già infetti?

    2. Buongiorno,
      Io ho prenotato un pernotto a Milano dal 2 al 5 maggio (con volo Ryanair e Pullman Terravision e Flixbus, tutto già pagato).
      Dovevo andare lì per vedere una partita dell’Inter che non si sa se giocherà il sabato o domenica (i biglietti non sono ancora vendibili).
      Per la questione rinvii, l’inter in quel giorno giocherà in trasferta e ora mi ritrovo ad aver prenotato un viaggio senza poter vedere la partita.
      Cosa posso fare? Posso richiedere il rimborso a qualcuno o mi devo piangere i soldi?

        1. Salve ,ho prenotato per palma de maiorca.
          La Lombardia chiede la 40ena.
          Non posso.devo tornare a Napoli.
          Posso chiedere il rimborso?o cambiare restando in italia?

  2. Ho volo aereo (Ryanair) e soggiorno (Booking) prenotati, e c’è un’ordinanza del Ministero della Salute che parla di “emergenza epidemiologica” con relativi provvedimenti per la sicurezza. Neanche questo è sufficiente ad avere diritto ad un rimborso?

    1. Gent. Sig. Alessandro,
      dipende dalla destinazione del Suo soggiorno: se esso riguarda una delle “zone rosse” ove sono individuati i focolai, è probabile che il rimborso Le verrà concesso. Mi riporto a quanto scritto in risposta agli altri commenti.

  3. ho prenotato un soggiorno di 3 notti in struttura in alto adige…ho versato caparra di euro 200 ,posso richiedere restituzione ?per raggiungere la località ci sono problemi per via del virus

    1. Gent.ma,
      purtroppo non esiste un provvedimento statale che obbliga tutti gli esercenti un’attività commerciale o turistica alla restituzione della caparra. La situazione si evolve di ora in ora e dipende dall’effettiva emergenza epidemiologica presente nella Regione. Il consiglio è di chiamare direttamente la struttura, esporre la problematica e attendere risposta. In teoria, Lei sarebbe legittimata senza dubbio al rimborso se la struttura fosse del tutto inaccessibile: si pensi a chi abbia prenotato nelle “zone rosse” dei focolai.

  4. Buongiorno,
    nel caso la disdetta dovesse essere conseguenza di un annullamento di seduta di laurea a causa appunto dell’emergenza sanitaria in corso la struttura sarebbe tenuta al rimborso?

    1. Gent.le Sig.ra,
      dal punto di vista strettamente giuridico, il contratto che ha stipulato con la struttura ricettiva non contiene i motivi per cui la prenotazione è stata effettuata: di conseguenza, se dovesse venir meno la ragione del soggiorno, la struttura non sarebbe tenuta al rimborso, poiché le motivazioni sono estranee al rapporto giuridico sorto tra cliente e albergo.
      Dunque, se non è stato previsto qualcosa del genere nel contratto, ovvero se manca un provvedimento di legge che espressamente conferisce il diritto al rimborso, questo non verrà concesso al cliente, a meno che la struttura non voglia di propria iniziativa restituire le somme già incassate.
      Pensi solamente a questo esempio: la partita Juventus-Inter del primo marzo verrà giocata a porte chiuse per decisione congiunta di Governo e Lega Calcio; ciononostante, pare che la Juventus non rimborserà i biglietti già acquistati da tempo.

  5. salve.il 30 marzo io e il mio compagno abbiamo una crociera che fa il giro dell europa. io vorrei annullarla per ovvi motivi,ma la costa crociera non vuole sentire ragioni..come posso procedere per risolvere questo problema.

    1. Anch’io ho prenotato una crociera con Costa solo di tre giorni fino a Barcellona per il mese di aprile. Ho telefonato per rinunciare per lo stesso motivo e mi hanno risposto che nel caso avessi prenotato tutto compreso (assicurazione, tour, medico di bordo, ticket bevande, ecc.) in questo caso mi avrebbero fatto pagare una penale che va dal 30% in su (dipende dai giorni che mancano alla partenza). Se invece il pacchetto era nudo e crudo come nel mio caso avrei divuto pagare una penale del 100%.
      Devo dire che a mio parere tutto ciò è legalmente ingiusto vista la situazione di emergenza e di rifiuto di alcuni Paesi anche europei ad accoglierci non come ospiti ma come appestati insieme a cinesi, vietnamiti, coreani. Considerando poi che ci sono persone ultra 65enni con gravi patologie e ad alto rischio di infezioni con difese immunitarie deboli, tutto ciò sembra doppiamente ingiusto e spero che presto possano correggere dei vuoti legislativi in relazione appunto a quanto sta succedendo anche nel nostro Paese.

      1. Gent. Sig.
        le associazioni a tutela dei consumatori si stanno muovendo per far ottenere ai consumatori il rimborso delle prenotazioni. Per quanto non sia un percorso facile, il codice civile fornisce un appiglio: si tratta della risoluzione del contratto per forza maggiore, secondo l’art. 1463 del codice. Secondo questa norma, nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità della prestazione dovuta non può chiedere la controprestazione, e deve restituire quella che abbia già ricevuta, secondo le norme relative alla ripetizione dell’indebito.

    2. Gent. Sig.ra,
      può provare a chiedere il rimborso alla Ryanair invocando la risoluzione del contratto per forza maggiore, secondo l’art. 1463 del codice: secondo questa norma, nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità della prestazione dovuta non può chiedere la controprestazione, e deve restituire quella che abbia già ricevuta, secondo le norme relative alla ripetizione dell’indebito.

  6. Ho un volo Ryanair Milano Bergamo – Londra il 29 febbraio con ritorno il 3 marzo per 4 persone e, viste le restrizioni del governo inglese per i viaggiatori provenienti dal Nord Italia, chiedevo se è possibile posticipare la data del viaggio senza dover pagare il supplemento per la modifica (35/50+IVA € a persona in base al periodo), ma solo l’eventuale differenza di prezzo del nuovo volo

  7. Buonasera,
    ho un volo da Bergamo a Napoli il 20 marzo con Ryanair (io sono di Brescia, zona gialla), ci sono limitazioni? E’ meglio annullare il viaggio?

  8. Buongiorno, ho prenotato un volo di andata (5 marzo) e ritorno (7 marzo) con Ryanair per svolgere un concorso al comune di milano. Il comune ha sospeso tutti i concorsi e rinviato la prova a data da definirsi. Posso richiedere il rimborso del biglietto? In caso affermativo a chi lo devo chiedere?

    1. Buongiorno,
      può provare a chiedere il rimborso alla Ryanair invocando la risoluzione del contratto per forza maggiore, secondo l’art. 1463 del codice. Secondo questa norma, nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità della prestazione dovuta non può chiedere la controprestazione, e deve restituire quella che abbia già ricevuta, secondo le norme relative alla ripetizione dell’indebito.

  9. Buongiorno, dovevo partecipare in data 28/02 01/03 ad un master in campania. L’evento purtroppo è stato annullato a causa di un’ordinanza della regione Campania.
    Ho prenotato su booking hotel e già pagato, con cancellazione a pagamento.
    Posso chiedere il rimborso alla struttura?
    Grazie.
    Cordiali saluti.
    Gianfranco

    1. Gent. Sig. Gianfranco,
      come detto in risposta agli altri commenti, purtroppo non esiste una direttiva unica fornita dallo Stato; in altre parole, il decreto legge emanato per fronteggiare l’emergenza Coronavirus non prevede alcun rimborso per i consumatori. Le associazioni a tutela dei consumatori (Codacons) si stanno muovendo per favorire la risoluzione dei contratti per causa di forza maggiore. L’articolo di riferimento è il 1463 del codice civile, secondo cui, nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità della prestazione dovuta non può chiedere la controprestazione, e deve restituire quella che abbia già ricevuta, secondo le norme relative alla ripetizione dell’indebito.
      Provi ad avanzare richiesta formale di rimborso per risoluzione contrattuale dovuta a causa di forza maggiore, inoltrando l’istanza alla struttura e citando l’art. 1463 c.c.
      Avv. Mariano Acquaviva

      1. Grazie mille avvocato.
        Ho fatto come consigliato richiesta formale all’agenzia di booking che gestisce prenotazioni per la struttura e hanno provveduto a girare richiesta al titolare…Essendosi verificati altri casi oltre al mio tenteranno una soluzione…magari un buono per successivo soggiorno in altra data…Grazie e buon lavoro.Cordiali saluti.
        Gianfranco Martello

  10. Buongiorno, avevo prenotato un albergo a Torino tramite booking in data 1 marzo 2020 a valle dell’evento Juve-Inter allo stadio la stessa sera e dove hanno deciso che avverrà a porte chiuse per l’emergenza Coronavirus. Appena appresa la notizia ho prontamente disdetto la prenotazione dell’albergo ma fuori tempo massimo secondo le condizioni dettate dalla struttura per cui si sono tenuti tutto l’importo del pernottamento. Ho chiesto alla struttura di conciliare tale importo anche dimezzandolo per motivi non dipendenti dal sottoscritto ed hanno rifiutato la proposta.
    In questo caso si riesce ad ottenere il rimborso? Da chi?
    vi ringrazio in anticipo

  11. Buonasera,
    Avendo prenotato un volo e un resort in vietnam che prevede la quarantena obbligatoria per tutti gli italiani che entrano bel paese ho diritto al rimborso totale?
    Grazie

  12. Buongiorno,
    alla luce del DPCM emanato il 4 marzo, si raccomanda alle persone affette da malattie pregresse o immunocompromesse di restare in casa e non frequentare luoghi pubblici affollati; Rientrando io in una di queste categorie, avrei titolo per chiedere il rimborso di una caparra per una prenotazione in un hiotel in Alto Adige?
    Grazie
    buon lavoro

  13. Oggi 11-3-2020 la Msc crociere, tramite agenzia, comunica che la crociera nei caraibi dal 14 cm al 21 cm partenza da Miami, è stata annullata. Il costo della crociera è di circa 5.000 euro e Msc propone un voucher di tale importo per prossime crociere valido fino al 2021 dicendo che tale possibilità gli è data dai decreti emessi per il coronavirus. Per la verità io non trovo alcun articolo nei decreti che lo sancisca. Essendo over 75enne, voglio, per ovvi motivi, la restituzione di quanto versato per una prestazione non ricevuta. Ho delle ragioni per pretenderne la restituzione oppure lasciar perdere o ricorrere all’art. 1463 del c.c.? Grazie per la cortese risposta e cordiali saluti.

  14. Buonasera
    sono nel panico. A settembre ho il matrimonio di mio figlio e a tal proposito abbiamo una prenotazione presso una location per celebrare l’evento, bloccato regolarmente da versamento caparra. Ora a vedere la piega che stanno prendendo gli avvenimenti non sappiamo se ci sarà libertà di riunirsi per settembre ( si parla di una graduale ripresa per maggio a quanto ho capito) e a settembre non sappiamo se ci sarà la facoltà di celebrare con riunioni numerose. Qualora ci fosse ancora il blocco ho letto che sono tutelata da un provvedimento e che la caparra mi sarebbe restituita. Il problema si pone qualora il blocco non ci fosse, qualora sarebbe dato il via alle riunioni numerose: abbiamo amici che sono fermi con le loro attività già da un mese, si prospetta una crisi e già ci stanno anticipando che non parteciperanno! La location prevede un numero minimo di partecipanti in sala di 100 persone: visto che per forza maggiore non possiamo più assicurare quel numero, in tal caso la caparra andrebbe persa? Ci troviamo tra l’incudine e il martello…mai avrei pensato di vivere una circostanza tanto assurda…

    1. L’epidemia di Coronavirus ha colpito l’Italia come un fulmine a ciel sereno. Siamo passati dall’essere un Paese quasi immune al virus a uno dei più colpiti al mondo. Le prenotazioni ad alberghi, viaggi, eventi e manifestazioni possono essere annullate per causa di forza maggiore. Il cliente ha diritto alla restituzione dei soldi senza il pagamento di penali ma il decreto legge del Governo ha stabilito, in alternativa al rimborso, un voucher di pari importo da utilizzare per un successivo viaggio o soggiorno. Leggi https://www.laleggepertutti.it/381417_coronavirus-tutti-i-rimborsi-e-le-agevolazioni
      Il Coronavirus ha avuto un risvolto non da poco anche sotto il profilo economico: le misure cautelative poste in essere dal Governo per fronteggiare l’emergenza hanno costretto molte persone a rinunciare ai viaggi e ai soggiorni già prenotati per timore di entrare in contatto con persone già contagiate. Come annullare una prenotazione a causa del Covid-19? È possibile ottenere il rimborso del prezzo già pagato? Se cerchi risposte a queste domande, leggi il n ostro articolo sul modello per disdire una prenotazione per Coronavirus. https://www.laleggepertutti.it/372405_modulo-disdetta-prenotazione-per-coronavirus

  15. Buongiorno, io avrei un quesito. Ho prenotato una casa per la fine di luglio versando una caparra. Ora ho chiesto all’agenzia di case in affitto come devo fare per disdire non trovando nessun riferimento in caso di disdetta nel contratto.
    Mi hanno risposto che non è previsto e che dovrei anzi pagare tutto l’importo anche non andando.
    Volevo sapere se è possibile ciò. Grazie mille

  16. abbiamo prenotato una vacanza in un hotel per la settimana 23/30 maggio 2020 prima del corona virus. l’albergo ha sospeso la nostra prenotazione impegnandosi ad emettere voucher per le somme anticipate. Il 3 di maggio il governo ha stabilito la riapertura degli alberghi non ha riaperto e non riaprirà nemmeno per giugno a quanto ci hanno detto. In questo caso possiamo richiedere in dietro la somma anticipata e non accettare il voucher, essendo la controparte non in grado di fornirci la prestazione richiesta?

  17. abbiamo prenotato una vacanza in un hotel per la settimana 23/30 maggio 2020 prima del corona virus. l’albergo ha sospeso la nostra prenotazione impegnandosi ad emettere voucher per le somme anticipate. Il 3 di maggio il governo ha stabilito la riapertura degli alberghi non ha riaperto e non riaprirà nemmeno per giugno a quanto ci hanno detto. In questo caso possiamo richiedere in dietro la somma anticipata e non accettare il voucher, essendo la controparte non in grado di fornirci la prestazione richiesta? io penso di sì.grazie

  18. Ho prenotato una vacanza alle maldive x 27 marzo 2021 il mese di maggio 2020 quando si pensava che sarebbe finito tutto a breve.Con la situazione attuale potrei partire o sarei comunque obbligato a dare il saldo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube