Salute e benessere | Articoli

Coronavirus, medici in prima linea e sempre più a rischio

25 Febbraio 2020
Coronavirus, medici in prima linea e sempre più a rischio

Il coordinatore delle relazioni con gli organismi sanitari internazionali: “Devono tutelarsi”. Il segretario della Federazione medici di Medicina Generale: “Vanno messi in condizione di proteggersi”.

In prima linea e sempre più esposti. Sono già 13 i medici di famiglia in quarantena nelle zone più colpite dal coronavirus: 12 sono in isolamento, uno si è ammalato. È l’agenzia di stampa Adnkronos a metterci al corrente dei rischi che i camici bianchi stanno correndo per cercare di debellare un virus di cui ancora troppo poco si sa.

Professionisti che si prendono cura dei pazienti ‘a mani nude’, spiega l’agenzia, senza che il sistema pubblico li doti di dispositivi di protezione. “Un numero destinato a crescere se gli operatori non verranno dotati di strumenti per tutelarsi”. Risponde così Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di Medicina Generale a Walter
Ricciardi, coordinatore per la task force italiana delle relazioni con gli organismi sanitari internazionali, che durante il punto stampa alla protezione civile a Roma, in merito alle richieste dei medici di essere dotati di strumenti di protezione, ha affermato che anche gli
stessi professionisti “si devono tutelare“.

“È il sistema pubblico che deve provvedere alla protezione dei suoi operatori e dei cittadini – ha ricordato Scotti, sottolineando che le mascherine sono introvabili ed è difficile, per chi cerca di contrastare l’emergenza, autoproteggersi -. Noi siamo e ci sentiamo parte del Sistema sanitario nazionale”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube