Tech | Articoli

Come evitare che si veda online su WhatsApp

5 Aprile 2020
Come evitare che si veda online su WhatsApp

Se hai necessità di salvaguardare la tua privacy su WhatsApp, sei nel posto giusto. In questo articolo ti spieghiamo come celare il tuo stato online sulla più amata app di messaggistica istantanea.

Il mondo della comunicazione negli ultimi anni è indubbiamente stato travolto dal ciclone WhatsApp, celeberrima applicazione di messaggistica istantanea, disponibile nella stragrande maggioranza dei dispositivi mobile, che quotidianamente ci permette di comunicare rapidamente con amici, parenti e colleghi, con diverse modalità, che spaziano dalla chat a singola a quella di gruppo, passando per le amate/odiate note vocali o le chiamate audio e video.

La sorprendente facilità con cui riusciamo a comunicare rapidamente con persone potenzialmente sparse in ogni angolo del globo ha però anche un rovescio della medaglia, dato dalla naturalezza con cui anche il prossimo contatta noi, anche in momenti inopportuni o indelicati. Naturalezza che viene acuita dal nostro stato online sull’applicazione, che suona a molti come un implicito consenso a essere contattati. Come evitare che ci si veda online su WhatsApp? Nel prosieguo di questa nostra guida risponderemo analizzeremo questa necessità, fornendoti indicazioni rapide e precise per salvaguardare la tua privacy su questa app.

Lo stato online su WhatsApp: le premesse

Prima di scendere nel dettaglio, ci teniamo a fare qualche precisazione. Nel momento in cui scriviamo, a causa della struttura di WhatsApp non esiste un trucco o una pratica per celare al prossimo la scritta Online sul nostro profilo, che compare quando scriviamo o leggiamo messaggi, all’interno di ogni conversazione singola o di gruppo a cui ci partecipiamo. L’unica piccola carta a tua disposizione in questo senso è quella di avviare WhatsApp con il dispositivo in modalità aereo e aver disattivato Wi-Fi e connessione dati. Così facendo, ti sarà possibile consultare tutte le tue conversazioni senza avere lo stato Online sul tuo profilo, ma non potrai né inviare né ricevere nuovi messaggi.

Tieni a mente che sugli smartphone moderni l’uscita dall’applicazione WhatsApp non è sufficiente a fare sparire la scritta Online sul tuo profilo, dal momento che l’app rimarrà comunque aperta in background per un non trascurabile periodo di tempo. Per fare scomparire questa dicitura, occore quindi una chiusura totale dell’applicazione.

Se stai utilizzando un telefono Android, premi sull’icona del multitasking, che si distingue per un’icona composta da due rettangoli sovrapposti visibile in uno dei due angoli inferiori del tuo schermo. Scorri quindi l’elenco delle applicazioni fino ad arrivare a WhatsApp e infine trascina verso un bordo del display la relativa finestra, fino a farla scomparire definitivamente.

Se stai invece utilizzando un iPhone, tocca per due volte il tasto home (nel caso in cui tu abbia un iPhone 8 o un modello inferiore) o trascina il tuo dito dal basso fino al centro dello schermo (se stai invece utilizzando un iPhone X o successivo). Così facendo, comparirà la lista di tutte le applicazioni attive in questo momento sul tuo smartphone Apple. Cerca quindi WhatsApp e sposta la relativa schermata verso l’alto, fino a farla totalmente svanire.

Vediamo adesso nel dettaglio le opportunità a tua disposizione per salvaguardare la tua privacy all’interno di WhatsApp.

Bloccare qualcuno su WhatsApp

La prima opzione a tua disposizione per impedire a una o più persone di sapere che sei online su WhatsApp in un preciso momento è quella più brutale, cioè il blocco. Questa eventualità può tornare utile soprattutto quando qualcuno mina gravemente e ripetutamente la nostra tranquillità e il nostro modo di intendere la vita e i rapporti interpersonali.

La funzione di blocco, se usata in modo mirato e per brevi periodi di tempo, può però servirti anche per impedire a una specifica persona di conoscere il tuo stato online su questa celeberrima applicazione di messaggistica istantanea. I numeri di telefono da te bloccati infatti non possono inviarti messaggi privati di nessun tipo, e non possono neanche vedere il tuo stato online su WhatsApp.

Ogni eventuale messaggio a te inviato riporterà accanto una singola spunta grigia, segnale che è stato inviato ma non ricevuto. Se desideri celare il tuo stato online a qualcuno per piccoli lassi di tempo, puoi quindi decidere di bloccarlo temporaneamente, ricordandoti ovviamente di sbloccarlo quando il blocco non è più necessario, in modo da non rischiare di compromettere solidi rapporti personali. Vediamo di seguito come fare.

Sia su iPhone, sia su Android, comincia lanciando l’app di WhatsApp, riconoscibile dall’inconfondibile icona a forma di telefono bianco su sfondo verde, e prosegui portandoti all’interno del menu Privacy, raggiungibile con un tap su Impostazioni, seguito da una pressione sull’opzione Account. A questo punto, premi sulla voce Bloccati. All’interno della successiva schermata, ti è possibile vedere i contatti o i numeri di telefono che hai già bloccato, ma ovviamente puoi anche optare per bloccarne altri. Per mettere in pratica il tuo desiderio, ti occorre pigiare sull’opzione Aggiungi…, selezionando successivamente un contatto da bloccare presente sulla tua rubrica del telefono, che WhatsApp aprirà automaticamente.

Nel caso in cui tu decida di sbloccare qualcuno, sarà invece sufficiente premere dal medesimo menu su uno dei numeri di telefono precedentemente inseriti in questa sorta di lista nera, per poi pigiare sulla voce Sblocca contatto, visibile al termine della scheda del contatto.

Disattivare le conferme di lettura su WhatsApp

Se il blocco di un contatto è una strada troppo drastica per i tuoi gusti, o non vuoi correre il rischio di rovinare rapporti, puoi scegliere un approccio più morbido, che consiste nella disattivazione delle conferme di lettura su WhatsApp. Prima di procedere oltre, facciamo un ripasso di come funziona il sistema di spunte di WhatsApp. Se accanto a un messaggio compare una singola spunta grigia, significa che la comunicazione è stata inviata, ma non è ancora arrivata a destinazione.

Quando, invece, comapre una doppia spunta grigia, il messaggio oltre a essere stato correttamente inviato è stato anche ricevuto dal destinatario. Se invece compaiono due spunte, colorate entrambe di blu, il messaggio è stato inviato, ricevuto e anche letto.

Non c’è bisogno di sottolineare che consentendo a una persona di conoscere se e quando leggi un messaggio a te inviato, le stai indirettamente permettendo anche di sapere la data in cui l’hai fatto, e di conseguenza il momento del tuo accesso a questa celeberrima app di messaggistica istantanea.

All’interno del menu Privacy di WhatsApp, che abbiamo visto poc’anzi, puoi impedire comodamente tutto questo. Per farlo, ti basta pigiare sulla piccola levetta che vedrai di fianco all’opzione Conferme di lettura. Così facendo, chi ti invierà un messaggio troverà all’interno della vostra conversazione solo due segni di spunta di colore grigio, e di conseguenza non saprà mai con certezza se e quando tu leggerai la comunicazione.

C’è anche un rovescio della medaglia: disabilitando la conferma di lettura, non potrai a tua volta visualizzare le conferme di lettura degli altri. Pensa perciò attentamente a cosa conta di più per te fra la lettura e l’invio delle conferme di lettura e prendi di conseguenza la tua decisione sulla gestione delle conferme di lettura prima di prendere una decisione in proposito.

Disattivare l’ultimo accesso su WhatsApp

Come abbiamo detto in apertura di questa guida, non si può impedire a qualcuno di sapere quando sei online su WhatsApp se non bloccandolo. Si può, invece, fare in modo che gli altri non sappiano il momento del tuo ultimo accesso a WhatsApp.

Per fare ciò, se stai utilizzando WhatsApp su un iPhone, portati sul menu Impostazioni, visibile in basso a destra sul tuo display, e premi sulla voce Account. Nel successivo menu, pigia sull’opzione Privacy e subito dopo sull’opzione Ultimo accesso. Dovrai, quindi, scegliere fra tre semplici opzioni. La voce Tutti consentirà a chiunque di conoscere la data e l’ora del tuo ultimo accesso su WhatsApp. L’opzione I miei contatti invece lo consentirà soltanto a chi è presente nella rubrica del tuo telefono. L’opzione Nessuno celerà invece a tutti il momento del tuo ultimo accesso su WhatsApp.

Se stai invece utilizzando WhatsApp su Android, occorre procedere in un altro modo. Dopo aver lanciato WhatsApp, premi sull’icona con tre pallini, che vedrai nell’angolo in alto a destra del tuo display. Fai quindi un tap su Impostazioni e poi pigia in sequenza sulle voci Account, Privacy e Ultimo accesso. Anche stavolta, potrai scegliere fra tre alternative: l’opzione Tutti consentirà a chiunque di conoscere la data e l’ora del tuo ultimo accesso. La voce I miei contatti lo consentirà solo a chi è presente nella rubrica del tuo telefono. La voce Nessuno impedirà a chiunque di avere dettagli sul tuo ultimo accesso.

Come abbiamo già visto per le conferme di lettura, vale il principio secondo il quale ciò che nascondi agli altri sarà nascosto anche a te. Di conseguenza, impedendo al prossimo di conoscere la data e l’ora del tuo ultimo accesso su WhatsApp non potrai a tua volta avere accesso a questa informazione sugli altri account. Anche in questo caso, valuta quindi di conseguenza qual è la scelta migliore da fare in modo da avere l’esperienza più piacevole e appagante sulla più importante applicazione di messaggistica istantanea.

Dal momento che hai manifestato interesse per alzare il tuo livello di privacy su WhatsApp e che questa nostra guida ti è certamente stata di aiuto in questo senso, potresti essere interessato ad approfondire anche le conseguenze legali di ciò che avviene all’interno di questa celeberrima app.

Ti consigliamo, quindi, la lettura dell’articolo “WhatsApp: i rischi legali della chat“, in cui troverai utili indicazioni sulle precauzioni e sui comportamenti da adottare nel corso del tuo utilizzo di WhatsApp.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube