L’esperto | Articoli

Camper: ultime sentenze

5 Aprile 2020
Camper: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: ospitalità di camper in aziende di agriturismo; aree camper attrezzate gestite dalla società; furto commesso di notte in un camper.

Regole per il turismo camperistico gratuito di 24 ore

E’ illegittimo il regolamento che, nella Regione Toscana, deroga agli standards di servizi e di sicurezza (dispositivi antincendi) fissati, in linea generale, con riferimento all’ospitalità di camper in aziende di agriturismo, sulla base di un criterio discretivo che si esaurisce nella breve durata (fino a 24 ore) della sosta

Consiglio di Stato sez. III, 14/05/2019, n.3130

Furto commesso in camper

Ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 624-bis c.p., il camper costituisce luogo di privata dimora quando ne sia in concreto accertata la destinazione all’espletamento di attività tipiche della vita privata, diverse dal mero utilizzo come mezzo di locomozione.

(Fattispecie in tema di furto commesso di notte in un camper che stazionava in un’area di parcheggio, mentre la vittima dormiva).

Cassazione penale sez. V, 24/09/2018, n.2670

L’imposta di soggiorno dovuta dagli utenti

Il Comune ha un interesse diretto, concreto e attuale all’ostensione dei documenti richiesti al gestore di una struttura ricettiva (nella specie, dei tabulati estratti dal software di gestione delle entrate e delle uscite dei mezzi nel periodo aprile 2015-dicembre 2017 e dei dati identificativi dell’imprenditore che ha installato il software), non potendo altrimenti esigere l’imposta di soggiorno nei confronti degli ospiti che pernottano nelle aree camper attrezzate gestite dalla società.

T.A.R. Venezia, (Veneto) sez. III, 10/05/2018, n.505

I Comuni possono vietare la sosta dei camper?

I Comuni non possono genericamente vietare la sosta dei camper sul proprio territorio. Specialmente se non risultano problematiche di ordine tecnico circa la dimensione di questi veicoli.

T.A.R. Catanzaro, (Calabria) sez. I, 20/12/2017, n.2093

Camper: può essere considerato luogo destinato a privata dimora?

In tema di furto in abitazione, il camper non può essere considerato luogo destinato in tutto o in parte a privata dimora solo in virtù della sua strutturale idoneità a svolgere una funzione abitativa, in aggiunta alla sua oggettiva caratteristica di mezzo di locomozione su ruote, occorrendo, piuttosto accertare che, in concreto, in esso siano state espletate attività tipiche della vita privata, diverse dalla sua mera utilizzazione come mezzo di locomozione, sempre possibile.

Cassazione penale sez. V, 19/02/2016, n.38236

Area destinata alla sosta di camper

La prevista realizzazione di una piccola struttura in legno per la fornitura di acqua ed energia elettrica per la rigenerazione dei servizi determina, nel complesso, un utilizzo duraturo del territorio quale area attrezzata per la sosta di camper e roulotte che si pone di per se in contrasto con la destinazione agricola e di zona di salvaguardia e di interesse ambientale prevista dal piano regolatore, senza che rilevino i materiali impiegati, l’eventuale precarietà strutturale e la mancanza di fondazioni, non essendo previsto in progetto un uso contingente e limitato nel tempo di tali elementi, con successiva effettiva rimozione delle strutture.

T.A.R. Lecce, (Puglia) sez. III, 17/09/2015, n.2811

Realizzazione di un’area attrezzata per la sosta dei camper

La realizzazione in zona agricola, mediante S.C.I.A., di un’area attrezzata per la sosta di camper comporta certamente un’alterazione permanente dello stato dei luoghi, rilevante sotto il profilo edilizio e paesaggistico, non essendo condivisibile la tesi secondo cui le piazzole di sosta non comporterebbero alcuna modifica al terreno in quanto lo svolgimento di tale attività agricampeggistica avviene esclusivamente a piano di campagna, posto che la realizzazione di un’area attrezzata per la sosta agricampeggistica di camper comporta, invece, inevitabilmente, la sistemazione del terreno interessato, che non può essere lasciato allo stato naturale non essendo possibile – in pratica – far sostare dei camper sul terreno vegetale, senza la previa effettuazione di una serie di interventi (quantomeno) di sbancamento e livellamento del terreno stesso, indispensabili per la realizzazione delle piazzole di sosta e sicuramente rilevanti sotto il profilo edilizio e paesaggistico, assoggettati ad autorizzazione paesaggistica ai sensi del d.lg. 22 gennaio 2004, n. 42.

T.A.R. Lecce, (Puglia) sez. III, 04/06/2015, n.1858

L’incendio del camper

La responsabilità di cui all’art. 2051 c.c. ha natura oggettiva ed è esclusa solo dal caso fortuito: rimane a carico del custode il fatto ignoto, in ordine alla effettiva incidenza della condotta del danneggiato sull’accaduto.

(Nella specie, accertata la morte del figlio dell’attore ed il nesso eziologico tra la stufa accesa e l’evento dannoso, il Trib. ha accolto la domanda risarcitoria proposta dal genitore nei confronti del convenuto, quale custode della stufa accesa da cui era scaturito l’incendio del camper e la conseguente morte dei giovani addormentati all’interno).

Tribunale Reggio Emilia sez. II, 18/03/2015, n.426

Spese di manutenzione del camper

Il cointestatario deve pagare le spese di manutenzione del camper, anche se non lo utilizza; infatti, presupposto della debenza delle somme non è la disponibilità del mezzo, ma la sua contitolarità.

Cassazione civile sez. III, 12/03/2013, n.6094

Vendita di un camper

L'”aliud pro alio” dà luogo all’azione contrattuale di risoluzione o di adempimento, ai sensi dell’art. 1453 c.c., svincolata dai termini di decadenza e prescrizione previsti dall’art. 1495 c.c., e ricorre qualora il bene venduto sia completamente diverso da quello pattuito in quanto, appartenendo a genere, specie o categoria economica diversi da quelli convenuti, si riveli funzionalmente del tutto inidoneo ad assolvere la destinazione economico-sociale della utilità richiesta, con la precisazione che il genus della cosa pattuita va determinato alla stregua di quei criteri merceologici in base ai quali si stabilisce la collocazione di un bene in una categoria o tipologia commerciale del tutto diversa rispetto alle altre.

(Nel caso di specie la Cassazione conferma la pronuncia della corte di appello che aveva ritenuto non sussistenti gli estremi dell'”aliud pro alio” con riguardo alla vendita di un camper caratterizzato da un avanzato stato di usura nonché da una serie di ossidazioni, crepe, fessurazioni, opacizzazioni ed altre difformità idonee a determinarne il deprezzamento e comprometterne la fruibilità).

Cassazione civile sez. II, 09/10/2012, n.17227

Danno da vacanza rovinata: onere della prova

Il c.d. danno da vacanza rovinata non può essere risarcito in difetto di elementi probatori che consentano di individuare il progetto forzatamente abbandonato e le eventuali ricadute economiche, conseguenti a scelte alternative, forzatamente adottate (nel caso di specie, la Suprema Corte rigetta la domanda di risarcimento avanzata dall’acquirente di un camper per i fastidiosi incombenti, le perdite di tempo e per la mancata possibilità di andare in vacanza a seguito della risoluzione del contratto per inadempimento del venditore).

Cassazione civile sez. II, 09/10/2012, n.17227

Dimora abituale in un camper

La residenza anagrafica non è oggetto di concessione e/o autorizzazione da parte dei Comuni, ma solo di attività di accertamento: non può quindi esservi contraddittorietà nel comportamento di un Comune che da una parte abbia preso atto del fatto che il ricorrente aveva stabilito la propria dimora abituale in un camper e in due roulottes collocati in un terreno agricolo e, dall’altra parte, abbia deciso di ordinare lo sgombero dell’area ed il ripristino della medesima.

T.A.R. Torino, (Piemonte) sez. I, 05/10/2012, n.1036



2 Commenti

  1. Capita a volte di confondere la roulotte con il camper; in realtà la differenza è netta: la roulotte (o caravan) è priva di motore, pertanto necessita di essere trainata da altro veicolo (ad esempio, da un’automobile); il camper, al contrario, è motorizzato, quindi ci si può mettere alla sua guida per condurlo dove si vuole. La roulotte, dunque, è un rimorchio.

  2. L’utilizzo e il parcheggio di roulotte e camper, così come per le case mobili, è disciplinato da regole ben precise che vietano al proprietario di dislocare tali mezzi ovunque e, soprattutto, in modo stabile e a “tempo indeterminato”. Per la stessa ragione non è possibile collocare una roulotte priva di ruote su un terreno pubblico; diversamente si avrebbe una illegittima occupazione del suolo demaniale.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube