Diritto e Fisco | Articoli

Cani escrementi legge

25 Aprile 2020 | Autore:
Cani escrementi legge

Hai lasciato il bisognino del tuo cane proprio lì, dove l’ha fatto? Sai che puoi aver commesso un reato? Vediamo cosa dice la legge sulla raccolta delle feci del cane.

Ti è mai capitato di essere costretto a fare lo slalom per le vie della tua città a causa degli escrementi dei cani lasciati per terra? La cattiva abitudine dei padroni di abbandonare negli spazi pubblici le feci dei propri animali è un male ricorrente, tanto da indurre già nel 2017 alcune associazioni animaliste a fare delle campagne sociali per identificare e denunciare i trasgressori. In quella occasione, le segnalazioni arrivarono a quota 24.000 in poco più di 2 settimane, ma ancora oggi il trend non pare diminuire. Ma cosa dice la legge in materia di escrementi del cane? E quali sono, nella pratica quotidiana, le cose che il padrone deve fare per non trasgredirla?

Quando il proprietario porta il cane fuori da casa, l’animale, per quanto possa essere bene educato, approfitta dell’occasione per fare i propri bisogni. Infatti, l’espletamento delle necessità fisiologiche del cane è un istinto non sopprimibile né gestibile, con la conseguenza che l’unica cosa che può fare il padrone è pulire dove l’animale ha sporcato. Non è una scusa valida per trasgredire all’obbligo, ad esempio, il fatto che nell’area in cui viene portato il cane non esistano contenitori di raccolta. Infatti, il padrone ha il dovere di raccogliere gli escrementi del cane nel sacchetto di plastica e portarli con sé fino al primo punto utile in cui cestinarli. Ma vediamo insieme, nello specifico, cosa dice la legge sulla raccolta dei bisogni dei cani e quali sono le sanzioni in caso di violazione.

Escrementi del cane: cosa dice la legge?

La normativa [1] è chiara nello stabilire che, in via generale, il padrone del cane deve assumersi la responsabilità delle azioni del proprio animale. La stessa regola, di fatto, viene applicata quando la legge [2] stabilisce l’obbligo dei padroni di raccogliere i bisogni fisiologici che i cani lasciano, ad esempio, sulle vie pubbliche, nei parchi o sui mezzi pubblici di trasporto. Dunque, il proprietario del cane, e non altri, deve pulire là dove l’animale ha sporcato.

Ecco perché, per evitare le sanzioni previste per i trasgressori, il padrone di un cane:

  • deve sempre raccogliere gli escrementi che il cane fa nei luoghi pubblici, come condomini, marciapiedi, strade e giardini;
  • deve sempre avere con sé il cosiddetto kit di igiene del cane, cioè la busta e la paletta, per raccoglierne le feci. Il dovere vige anche nelle aree di sgambamento dedicate ai cani, cioè nelle zone recintate e presenti in alcune parti della città in cui l’animale può correre libero insieme agli altri suoi simili;
  • dovrebbe portare con sé anche una bottiglietta di acqua, per pulire la pipì del cane quando imbratta un bene altrui, come il muro di un condominio o la ruota di un’auto.

Cosa succede se non raccolgo gli escrementi del cane?

Ma cosa accade se il padrone non adempie a questi obblighi di legge? Chi non raccoglie i bisogni del proprio cane può essere ritenuto colpevole del reato di imbrattamento [3] e rischia:

  • una multa fino a 103 euro, se l’oggetto altrui deturpato o sporcato dal cane è un bene mobile, come una gomma o una bicicletta;
  • una multa da 300 a 1.000 euro e la reclusione da 1 a 6 mesi, se l’oggetto imbrattato dall’animale è un mezzo pubblico di trasporto, come bus e treni, oppure un immobile, come una casa o le scale di un condominio;
  • una multa da 1.000 a 3.000 euro e la reclusione da un minimo di 3 mesi, se il bene immobile è un sito storico, archeologico o artistico;
  • in ogni caso, la multa stabilita da eventuali ordinanze del Comune per i casi di violazione dell’obbligo di raccogliere le feci o di lavare la pipì nei territori di propria competenza.

Devo pulire la pipì del cane?

E cosa accade quando, invece, il padrone non si preoccupa di pulire la pipì del cane? Anche in questo caso, chi lascia la pipì del proprio animale sulle cose di altre persone, può essere responsabile del reato di deturpamento e imbrattamento delle cose altrui e può ricevere le stesse sanzioni che abbiamo visto poc’anzi.

Se il tuo cane fa la pipì sul muro di un palazzo, ricorda di provvedere alla sua pulizia, magari versando dell’acqua per risciacquare la parte interessata.

Cosa succede se non porto busta e paletta?

Come abbiamo detto, oltre al Codice penale, anche i Comuni possono prevedere delle regole precise in materia di raccolta delle feci dei cani nel territorio che amministrano e stabilire le sanzioni per chi le viola. Una delle norme che viene disposta più spesso dalle ordinanze comunali è quella relativa all’obbligo dei padroni di portare con sé sempre sacchetto e paletta. Obbligo disposto dal Comune di Asti [4], il quale, in caso di violazione, ha previsto multe che vanno da 50 a 500 euro .

Cosa faccio se vedo qualcuno non raccogliere gli escrementi del cane?

Quando ti accorgi che qualcuno lascia le feci del proprio animale sulla strada pubblica o nell’androne del tuo palazzo, non puoi fare altro che segnalare l’accaduto alla Polizia municipale della tua città e chiederne l’intervento. Ricorda che quando comunichi ciò che hai visto è bene che:

  • fornisci i tuoi dati identificativi e una copia del tuo documento di identità;
  • racconti i fatti, per come si sono verificati, non dimenticando nessun particolare, come il tipo di cane che veniva condotto a passeggio, il luogo e l’orario in cui è avvenuta la trasgressione ecc.;
  • fornisci i dati del trasgressore, se lo conosci, o quanto meno una sua descrizione e le informazioni che possiedi per la sua identificazione:
  • indichi eventuali altre persone che, in qualità di testimoni, possono confermare la tua versione dei fatti.

note

[1] Art. 2052 cod. civ.

[2] Ord. Ministero della salute del 03.03.2009 sulla tutela dell’incolumità pubblica all’aggressione di cani.

[3] Art. 639 cod. pen.

[4] Ord. del Comune di Asti n. 15 di gennaio 2019.


2 Commenti

  1. Quando esco con il mio cane,raccolgo sempre gli escrementi ma il problema e’ ke da quando ce’ la differenziata,il comune ha tolto tutti i cestini di ogni genere.io la raccolgo sempre con sacchetto la chiudo e lascio il sacchetto a terra dove prima cerano i bidoni della spazzatura.volevo sapere se posso farlo,visto ke in tt il paese non ce’ un contenitore o commetto un reato?se commetto un reato,ke alternativa ho.?Grazie

    1. Ti suggeriamo la lettura dei seguenti articoli:
      -Cosa rischia chi non raccoglie gli escrementi del cane? https://www.laleggepertutti.it/388137_cosa-rischia-chi-non-raccoglie-gli-escrementi-del-cane
      -Legge sulla raccolta degli escrementi dei cani https://www.laleggepertutti.it/400069_legge-sulla-raccolta-degli-escrementi-dei-cani
      -Escrementi del cane non raccolti: cosa si rischia? https://www.laleggepertutti.it/230747_escrementi-del-cane-non-raccolti-cosa-si-rischia

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube