Diritto e Fisco | Articoli

Come risparmiare con Ryanair

27 Febbraio 2020 | Autore:
Come risparmiare con Ryanair

I giorni in cui conviene prenotare per pagare di meno. Cosa fare con i servizi aggiuntivi. E qualche trucco sulla destinazione e sulla ricerca dei voli.

Occasioni da prendere al volo. Potrebbe essere proprio questo lo slogan di chi vuole viaggiare in aereo a prezzi stracciati o, quanto meno, economici. Oggi che si ha la percezione di quanto sia piccolo il mondo e di quanto si siano accorciate le distanze rispetto a una volta, farsi un week end in una capitale europea può risultare meno caro e meno dispendioso anche in termini di tempo rispetto a trascorrerlo in una città italiana. A contribuire a questa mobilità più fluida verso l’estero ci hanno messo del loro le compagnie low cost, una su tutte Ryanair, che per prima ha capito e messo in pratica l’affare: portare i passeggeri da un Paese all’altro a prezzi che ai tempi suonavano ridicoli. Poi, da quando la compagnia irlandese è diventata leader nel suo settore, la convenienza non è più così scontata (è proprio il caso di dirlo). Quindi, come risparmiare con Ryanair?

Ci sono diversi modi. Uno, sicuramente, è stare attenti a quando fare la prenotazione. Ti sembrerà incredibile, ma non è detto che il lungo anticipo sia sempre un vantaggio per ottenere un biglietto ad un prezzo migliore. Come ci possono essere dei momenti più favorevoli di altri nell’arco della stessa giornata. Insomma, se ti chiedi come risparmiare con Ryanair, devi sondare bene i prezzi e non prendere la prima offerta che ti si presenta. Perché, come scoprirai tra poco, la logica dei prezzi dei biglietti non esiste. Non almeno secondo i criteri umani.

Altro trucco che vedremo tra poco è quello di stare ben attento a tutte le proposte che Ryanair ti fa sul suo sito: noleggio di auto, prenotazione di alberghi, valigia da acquistare per avere la certezza di poterla imbarcare, ecc. Sicuramente la compagnia vorrà il suo guadagno su delle cose che puoi procurarti da solo altrove ad un prezzo migliore.

Se hai in mente di farti una vacanza e vuoi sapere come risparmiare con Ryanair, continua a leggere questo articolo.

Risparmiare con Ryanair: con quanto anticipo prenotare?

Penserai che l’anticipo per prenotare un biglietto aereo nel tentativo di risparmiare con Ryanair possa essere relativo. Non hai tutti i torti. E sai perché? Perché il meccanismo dei prezzi delle compagnie low cost (come tante altre cose al mondo) è gestito da un algoritmo. Sì, quell’invisibile e sofisticato «essere» del web che, ora dopo ora, modifica i parametri della vita degli internauti. Anche di chi vuole comprare un biglietto aereo a suo piacimento. O meglio, in base a delle logiche che non capiremo mai perché non le conosceremo mai.

Quindi, chiedersi con quanto anticipo conviene prenotare è come giocare alla roulette russa: non saprai mai quale sarà la tua sorte. Puoi accontentarti di acquistare il biglietto quattro mesi prima ad un prezzo che ti sembra stracciato, a patto che non ti arrabbi se due mesi dopo lo trovi alla metà. Anche se può capitarti pure di trovarlo al doppio di quello che ti hai speso e mettere il cuore in pace.

In conclusione: quando prenotare per risparmiare con Ryanair? L’ideale è muoversi con tempo. Dare un’occhiata al sito, se vuoi, anche quattro mesi prima ma non cadere nella tentazione di acquistare subito il tuo posto sull’aereo. È vero che già il giorno dopo puoi trovarlo un po’ più caro, ma è anche probabile che con l’avvicinarsi della partenza ti costi di meno: la compagnia vorrà riempire l’aereo.

Non solo: un centinaio di giorni prima della data del volo, l’algoritmo si mette in modo. Da quel momento in poi – almeno solitamente – le tariffe iniziano a scendere. Anzi, secondo uno studio dell’agenzia di viaggi online ChepAir.com, mediamente è consigliato prenotare 76 giorni prima della partenza, qualsiasi sia il giorno della settimana, ma non più tardi di 21 giorni prima. Lo studio è ancora più preciso e fornisce (con le dovute cautele) qualche consiglio a seconda della stagione dell’anno, ovvero:

  • in primavera, conviene 84 giorni prima della partenza;
  • in estate, 99 giorni prima;
  • in autunno, 69 giorni prima;
  • in inverno, 94 giorni prima.

Risparmiare con Ryanair: quando viaggiare?

Se vuoi farti un fine settimana all’estero e passare fuori casa due notti, cioè arrivare di venerdì e tornare indietro di domenica, preparati a spendere un po’ di soldi: è in assoluto la soluzione più cara. Semplicemente perché è la soluzione più richiesta.

Se, invece, vuoi risparmiare con Ryanair, ti conviene «giocare» con le date precedenti. Di solito, i voli più economici si trovano a metà settimana, al massimo di giovedì. Venerdì i prezzi si impennano fino a domenica, mentre già lunedì e, soprattutto, martedì, scendono di nuovo per il ritorno. Una buona soluzione, quindi, sarebbe ad esempio partire di giovedì e tornare di lunedì, a meno che tu non abbia qualche giorno libero in più a disposizione per partire un giorno prima o tornare un giorno dopo.

Vanno, inoltre, evitati i giorni a ridosso di eventi importanti. Lo sanno bene i tifosi delle squadre impegnate nelle competizioni europee. Se, ad esempio, volessi andare a fine maggio a vedere una semifinale o, peggio ancora, una finale di Champions League all’estero, nei giorni immediatamente prima e dopo la partita troveresti dei prezzi molto più elevati rispetto a quelli disponibili a distanza di una o due settimane. Ad esempio, per la finale dell’edizione di Champions 2020 a Istanbul di sabato 30 maggio, Ryanair ha un volo diretto da Bologna. Partendo il giorno prima, cioè venerdì 29 maggio, e tornando domenica 31 maggio il biglietto più economico costa circa 312 euro andata e ritorno. Il fine settimana precedente, cioè da venerdì 22 a domenica 24 maggio, il prezzo del biglietto è di 182 euro. Una bella differenza.

Lo stesso vale per Natale, Pasqua o Ferragosto, altre date molto ricercate dai viaggiatori.

Se ci fai caso, inoltre, potrai risparmiare con Ryanair sui biglietti se scegli un volo di prima mattina o in tarda serata. Quelli negli orari centrali sono più cari. Occhio, però, ad eventuali collegamenti dall’aeroporto al tuo albergo o al luogo finale di destinazione: arrivare troppo tardi potrebbe comportare non trovare un bus o un taxi a disposizione.

Risparmiare con Ryanair: i servizi aggiuntivi

Non solo biglietti: Ryanair cerca di compensare i prezzi ridotti dei voli con una catena di servizi aggiuntivi decisamente poco economici. Ad esempio, sono sempre più severe le restrizioni sul bagaglio a mano, che deve essere di dimensioni molto ridotte. A meno che tu paghi la priorità: in quel caso, puoi portare in cabina un bagaglio a mano in più (una borsa o un trolley, comunque, piccolo). Se la valigia supera le dimensioni stabilite, tocca spedirla in stiva, e anche in questo caso non si paga poco.

Ad esempio. Un giorno di marzo trovi un biglietto di andata da Milano Bergamo a Madrid a 33,84 euro. Se porti solo una borsa piccola che ci stia sotto il sedile dell’aereo, il prezzo resta quello. Ma se ci aggiungi anche un bagaglio fino a 10 kg, devi aggiungere 20,85 euro in più (con posto prenotato in automatico). Che diventano 28 euro in più se, invece del bagaglio da 10 kg, devi spedire una valigia fino a 20 kg. Infine, oltre al biglietto, paghi altri 73,84 euro per poter viaggiare con la borsa piccola e il bagaglio a mano da 10 kg, avere la priorità, passare il controllo da una corsia preferenziale, poter modificare le date di andata e di ritorno e poter prenotare liberamente qualsiasi posto. Molto comodo, ma anziché 33,84 euro vai a pagare 107,68 euro. Cioè il triplo. E questo solo per l’andata.

Il ritorno costa 56,99 euro. Le tariffe dei servizi aggiuntivi sono le stesse anche per il volo di ritorno tranne l’ultima, cioè quella più completa, che non è di 73,84 euro ma di 67,85 euro. Questo perché sul volo di ritorno non hai la possibilità di modificare la data. In totale, insomma, nel caso più economico paghi 56,99 euro per il ritorno, mentre con tutte le comodità vai a spendere 124,84 euro. Che sommati ai 107,68 euro fa un totale di 207,32 euro. Mentre i soli biglietti di andata e ritorno ti costerebbero 90,83. Meno della metà.

Se vuoi risparmiare con Ryanair e fare un paio di giorni di viaggio, forse ti conviene uno zainetto da poter infilare sotto il sedile dell’aereo.

Risparmiare con Ryanair in base alla destinazione

Altro trucco per chi si chiede come risparmiare con Ryanair è quello di valutare attentamente la destinazione. Per spiegarlo in modo più semplice, facciamo questo esempio: chi arriva dall’estero per fare visita a dei parenti di Piacenza, deve viaggiare su Milano o su Bologna? Bisognerà valutare al momento della prenotazione quanto costa atterrare nel capoluogo lombardo e quanto in quello emiliano, tenuto conto di un eventuale spostamento in treno.

Altro esempio può essere quello di chi è interessato a fare le vacanze sulla Costa de la Luz, la zona più occidentale dell’Andalusia, al confine con il Portogallo (zona da consigliare, peraltro). Sicuramente avrà pensato di noleggiare un’auto per potersi muovere autonomamente durante il soggiorno e visitare più luoghi. A questo punto, avrà pensato in automatico di prenotare il volo per Siviglia, a circa 100 km dalla sua meta. Ma in pochi valutano la possibilità di atterrare a Faro, in Portogallo: la distanza è esattamente la stessa. Per risparmiare con Ryanair, quindi, vale la pena vedere quale delle due soluzioni è la meno costosa, visto che la percorrenza dall’aeroporto al luogo di villeggiatura sarà pressappoco la stessa.

Nulla ti vieta, inoltre, di arrivare in una città e ritornare da un’altra facendo due prenotazioni, nel caso l’andata fosse più economica – in questo caso – su Siviglia ed il ritorno meno costoso da Faro, o viceversa. Purché ti metta d’accordo con l’agenzia del noleggio auto su dove restituire la macchina.

Risparmiare con Ryanair cancellando i cookies

Un trucco che forse non molti usano per fare più ricerche nel tentativo di risparmiare con Ryanair: quello di cancellare i cookies. Hai presente quel messaggio che compare ogni volta che entri per la prima volta in un sito? Bene. I cookies non fanno altro che registrare ed archiviare la tua attività. Quindi, se oggi entri sul sito di Ryanair per cercare dei voli ma non trovi nulla di conveniente e domani ci riprovi ancora, il sito ricorderà quello che hai già cercato e potrebbe proporti dei prezzi più alti. Significa che un’altra persona che viaggerà nel sedile accanto al tuo e che ha fatto la prenotazione nello stesso momento in cui l’hai fatta tu potrebbe pagare di meno per lo stesso biglietto.

Conclusione: prova a cancellare i cookies quando ritorni sul sito e verifica che i costi non siano cambiati nell’arco di pochi giorni.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube