Cronaca | News

Coronavirus: grande sbalzo in Italia verso il vaccino

28 Febbraio 2020 | Autore:
Coronavirus: grande sbalzo in Italia verso il vaccino

Isolato al Sacco di Milano il ceppo italiano del Covid-19. Grazie alla sequenza genetica, può partire lo studio di vaccini e cure contro il virus.

Ricercatori dell’ospedale Sacco di Milano hanno isolato il ceppo italiano del coronavirus. Si tratta della seconda volta che succede, dopo il successo della biologa precaria dello Spallanzani di Roma.

L’annuncio arriva dal professor Massimo Galli, ordinario di Malattie infettive all’Università degli Studi di Milano e primario del reparto di Malattie infettive III. «Abbiamo isolato il virus in quattro pazienti di Codogno», spiega il professor Galli. «Siamo riusciti a isolare virus autoctoni, molto simili tra loro ma con le differenze legate allo sviluppo in ogni singolo paziente».

Che cosa significa questa scoperta? Grazie al lavoro dei ricercatori milanesi, sarà possibile seguire le sequenze molecolari e tracciare ogni singolo virus per capire cos’è successo, come ha fatto a circolare e in quanto tempo. Per poi studiare lo sviluppo di anticorpi e poter arrivare ai vaccini e alle cure.

In Italia esiste già un progetto per un vaccino contro il coronavirus grazie ad un frammento di sequenza genetica del virus inviato dalla Cina. La sperimentazione prima su animali e poi sull’uomo sta per prendere il via: si spera che abbia inizio a metà marzo. Purtroppo, però, qualche ricercatore teme intoppi burocratici: secondo qualche ricercatore, la normativa italiana è più lenta e farraginosa rispetto a quella di altri Paesi europei. Se tutto filasse liscio, entro un mese sarebbe possibile avere i primi risultati e passare alla fase in cui si verifica se il vaccino riesce a debellare il coronavirus.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube