Cronaca | News

Ilva: ultimatum per bloccare gli impianti

28 Febbraio 2020
Ilva: ultimatum per bloccare gli impianti

Il sindaco di Taranto minaccia la cessazione delle attività se gli stabilimenti non elimineranno le emissioni ambientali nocive. L’Ilva impugnerà il provvedimento.

Mentre sono in corso le trattative con ArcelorMittal per arrivare a un accordo risolutivo prima della prossima udienza fissata davanti al Tribunale di Milano per il 7 marzo, arriva l’ultimatum del sindaco di Taranto, che, con un’ordinanza, impone alla società che gestisce lo stabilimento ex Ilva di eliminare le emissioni nocive.

Il sindaco concede un termine massimo di 30 giorni per farlo, altrimenti disporrà – entro e non oltre 60 giorni – ”le procedure di fermata dei seguenti impianti: altiforni, cokerie, agglomerazione, acciaierie”.

L’ordinanza è già stata trasmessa a Arcelor Mittal Italia, a Ilva spa in amministrazione straordinaria e al ministero dell’Ambiente. Ora però i commissari dell’ex Ilva sono intenzionati ad impugnarla, per come ci comunica l’agenzia stampa Adnkronos.

“Fermi restando gli accertamenti che saranno effettuati sulla natura e la provenienza delle emissioni su cui si fonda il provvedimento”, afferma Ilva spa in amministrazione straordinaria in una nota “ritiene illegittima, inappropriata e sproporzionata l’ordinanza che incide sull’esercizio di uno stabilimento d’interesse strategico nazionale e su interessi che devono trovare la loro composizione e il loro bilanciamento attraverso l’appropriato uso degli strumenti ordinari. Ilva in As si riserva quindi di impugnare l’ordinanza dinanzi alle autorità competenti”.

L’Ilva spa in amministrazione straordinaria sostiene che il provvedimento”interviene in un momento in cui ci si sta prodigando per l’auspicata riconversione dello stabilimento nell’ambito del generale progetto per la città di Taranto, a favore della quale, com’è noto, il Governo profonde numerose energie”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube