Dieselgate: trovato l’accordo per i risarcimenti

28 Febbraio 2020
Dieselgate: trovato l’accordo per i risarcimenti

La Volkswagen restituirà 830 milioni di euro a oltre 400mila consumatori tedeschi rappresentati da un’associazione di categoria. 

Il gruppo Volkswagen ha raggiunto un accordo con l’associazione di consumatori tedeschi Vzvb per il risarcimento dei danni ai proprietari di autovetture coinvolte nello scandalo del dieselgate. Si tratta di un risarcimento complessivo di 830 milioni di euro che corrisponde a un valore compreso tra i 1.350 e i 6.257 euro per ciascun consumatore, in base al modello e all’età dell’auto posseduta.

L’associazione Vzvb aveva lanciato una class action contro l’azienda, coinvolgendo circa 400mila proprietari di auto tedeschi. La Volkswagen, per attutire i danni che le sarebbero derivati in caso di condanna, ha scelto la via dell’accordo transattivo con i rappresentanti dei consumatori, che oggi, per come ci informa l’agenzia stampa Adnkronos, ha avuto esito positivo.

“Si tratta di un traguardo particolarmente importante: la Germania è il primo Paese europeo ad aver raggiunto questo risultato”, commenta all’Adnkronos Ivo Tarantino, responsabile delle relazioni esterne Altroconsumo, che però aggiunge: “Esprimiamo il nostro sostegno ai colleghi tedeschi, ma al tempo stesso troviamo sconcertante e ingiusta la disparità di trattamento da parte della casa automobilistica nei confronti delle altre vittime europee dello scandalo Dieselgate. È giunto il momento che tutti gli automobilisti che sono stati lesi da Volkswagen ricevano un giusto risarcimento. Come Altroconsumo diamo voce ad oltre 75mila consumatori che hanno aderito alla nostra class action e che a maggior ragione adesso si aspettano di arrivare il più presto possibile ad una soluzione”.

In Italia la causa promossa da Altroconsumo, con oltre 75mila adesioni, pende davanti al Tribunale di Venezia. L’associazione precisa che “si tratta di un processo lungo e complesso (la prossima udienza è prevista agli inizi di marzo 2020, salvo rinvii), che va avanti a colpi di udienze, atti e perizie tecniche con cui i legali di Altroconsumo stanno rispondendo ai tentativi del gruppo tedesco di contestare la legittima richiesta di risarcimento e il diritto a partecipare degli aderenti”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube