Diritto e Fisco | Articoli

Vittime di mafie e terrorismo, in arrivo borse di studio

28 Febbraio 2020
Vittime di mafie e terrorismo, in arrivo borse di studio

Sono 800 e serviranno per sostenere la formazione di studenti universitari e della scuola primaria e secondaria che hanno vissuto drammi sulla propria pelle.

Due bandi di concorso per assegnare borse di studio alle vittime del terrorismo, delle mafie e del dovere. Li ha indetti la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sono destinati entrambi agli studenti: uno specificamente a quelli delle scuole primaria e secondaria, l’altro agli universitari. Le domande vanno presentate entro il 19 marzo alla Presidenza del Consiglio con posta elettronica certificata o con raccomandata con ricevuta di ritorno.

Chi può richiedere le borse di studio?

Per vittime del dovere, del terrorismo e delle mafie si intende chiunque sia morto o abbia subito un’invalidità permanente per effetto di lesioni, di qualsiasi entità, in azioni di eversione dell’ordine democratico, atti di terrorismo o di criminalità organizzata. Possono quindi fare domanda per ottenere le borse di studio le vittime intese come superstiti danneggiati da eventi di questo tipo. Anche i familiari di chi è morto nell’adempimento del dovere o ha subito attentati terroristici/mafiosi sono da considerarsi vittime. La domanda per le borse di studio, quindi, può essere presentata anche da orfani di vittime; figli di vittime; altri soggetti a carico di vittime; coniugi, genitori, parenti e affini a carico nei tre anni precedenti il fatto che abbia comportato il riconoscimento dello status di vittima e unici superstiti; altri soggetti, né parenti né affini, ma a carico della vittima nei tre anni precedenti il fatto che abbia comportato il riconoscimento dello status di vittima.

Studenti di scuola primaria e secondaria

Sono disponibili, per l’anno scolastico 2018/2019, 300 borse di studio da 305 euro ciascuna, destinate agli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado e 300 borse di studio dell’importo di 615 euro ciascuna, destinate agli studenti della scuola secondaria di secondo grado. Il 10% di ciascuna categoria di borse di studio sarà riservata ai disabili. Gli importi delle borse possono essere proporzionalmente aumentati nell’eventuale carenza di aspiranti e/o idonei. Hanno diritto alle borse di studio gli studenti che abbiano conseguito la promozione alla classe superiore o l’ammissione alla prima classe della scuola secondaria di primo grado o il diploma di scuola secondaria di primo grado o il diploma di scuola secondaria di secondo grado o titolo equiparato, nell’anno scolastico di riferimento e non abbiano compiuto 40 anni al momento della domanda.

Studenti universitari e Afam 

Sono da assegnare 150 borse di studio dell’importo di 2.100 euro ciascuna, destinate agli studenti universitari e studenti dei corsi delle istituzioni per l’alta formazione artistica, musicale e coreutica (Afam); 50 borse di studio dell’importo di 2.100 euro ciascuna, destinate agli studenti delle scuole di specializzazione per le quali non è prevista retribuzione. Anche in questo caso il 10% delle borse andrà ai disabili e le cifre disponibili possono aumentare per carenza di candidati/idonei. Ne hanno diritto gli studenti che abbiano superato, nell’anno accademico 2018/2019, alla scadenza del bando, almeno due esami i cui crediti complessivi non siano inferiori a 20, o conseguano la laurea o il diploma accademico entro l’anno accademico successivo a quello dell’ultimo esame sostenuto; non abbiano già una laurea specialistica/magistrale o diploma accademico di secondo livello, fatta eccezione per gli iscritti a corsi per il prosieguo degli studi di livello superiore; non abbiano compiuto 40 anni al momento della domanda.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube