Diritto e Fisco | Articoli

Internet: i minorenni potranno cancellare i loro dati imbarazzanti e compromettenti

26 Settembre 2013
Internet: i minorenni potranno cancellare i loro dati imbarazzanti e compromettenti

Dal primo gennaio del 2015, tutti gli under 18 potranno imporre a siti e piattaforme di cancellare immediatamente dal web foto, testi e ogni altra informazione che li riguardi.

Errori di gioventù: li abbiamo commessi tutti. Per fortuna, ai nostri tempi, vigeva una regola vecchia quanto il mondo: “il tempo cancella tutto”, anche la memoria. Ma non quella di internet, purtroppo. Così, una foto su un social network, una lettera d’amore contenuta in una email o postata su un blog, un commento offensivo o, peggio, un video imbarazzante rimane per sempre, benché frutto di un atto impulsivo dovuto alla giovane età. Una gogna elettronica di questo tipo non si cancella più. Con effetti devastanti per i ragazzi che, una volta cresciuti, si trovano un passato ingombrante e impossibile da eliminare. Con il rischio di rovinare un c.v. di tutto rispetto.

Così, il Governatore della California ha appena varato la cosiddetta “legge-gomma” che entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2015. In forza della nuova normativa, gli adolescenti under 18 della California potranno imporre a siti e social network di eliminare, in un solo colpo, tutte le informazioni e contenuti a loro attinenti. Insomma, gli errori di gioventù verranno spazzati via dalla rete a semplice richiesta.

Siti e piattaforme hanno ancora due anni per adeguarsi alle mutate regole, anche se Facebook ha già fatto sapere di essere pronto alla novità, avendo predisposto una funzione ad hoc tra le regole della privacy.

Ad essere protetti, ovviamente, saranno solo i giovani californiani. Non gli adulti. Occhio quindi agli errori di vecchiaia.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube