HOME Articoli

Lo sai che? Casa venduta all’asta: quando devo lasciare l’abitazione?

Lo sai che? Pubblicato il 26 settembre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 26 settembre 2013

Il debitore deve lasciare la propria casa quando il giudice dell’esecuzione pronuncia il decreto di trasferimento della proprietà dell’immobile venduto all’asta.

 

L’interrogativo di chiunque che abbia subito il pignoramento e la messa all’asta della casa, attraverso una procedura intrapresa dal Tribunale, è quello di sapere quando, con precisione, dovrà abbandonare l’immobile.

In realtà, per quanto si dirà qui innanzi, non esistono ragioni di urgenza per pensare che, dopo la notifica di una iscrizione di ipoteca o l’avvio di un pignoramento, si debba necessariamente fare le valigie.

Al contrario, la procedura civile concede al debitore tutto il tempo per regolare i propri affari, trovare eventualmente un accordo con il creditore o, diversamente, pensare a una soluzione alternativa ove andare a vivere. C’è chi riesce anche, attraverso interposta persona, a riacquistare il proprio immobile (benché la legge impedisca al soggetto pignorato di partecipare all’asta del proprio bene).

Vediamo, dunque, come si atteggia tutta la procedura, al fine di comprendere meglio i singoli passaggi e avere un quadro chiaro di cosa si profila per il soggetto esecutato.

 

La vendita all’asta di un’abitazione è solo l’ultimo degli atti che vengono presi al termine della procedura di pignoramento immobiliare [1] che può essere avviata da un creditore per recuperare somme di denaro dovute dal debitore proprietario di un immobile.

La procedura si conclude infatti con il decreto di trasferimento dell’immobile che viene pronunciato dal giudice dell’esecuzione a favore dell’aggiudicatario cioè della persona che ha provveduto al pagamento del prezzo di vendita e si è così aggiudicata il bene espropriato [2].

Con il decreto di trasferimento, il giudice dell’esecuzione trasmette dunque direttamente la proprietà dell’immobile venduto all’asta all’aggiudicatario, il quale diviene a tutti gli effetti proprietario esclusivo dell’abitazione [3].

Nel decreto di trasferimento, il giudice dell’esecuzione inserisce inoltre l’ingiunzione al debitore di lasciare libero l’immobile se è da quest’ultimo ancora occupato.

Il decreto di trasferimento è infatti già di per sé un titolo esecutivo [4], perché è un atto che può essere subito utilizzato da parte dell’aggiudicatario per ottenere l’immediata liberazione dell’immobile da parte del debitore che continua a occupare l’immobile.

L’aggiudicatario ha la possibilità di tentare di trovare un accordo con il debitore, perché può inviargli, almeno in una prima fase, una lettera di diffida a lasciare libero l’immobile entro un determinato termine.

Se entro tale termine l’immobile non viene liberato, l’aggiudicatario ha la possibilità di avviare la procedura di esecuzione forzata finalizzata al rilascio dell’immobile.

La procedura ha inizio con la notifica della copia conforme all’originale del titolo esecutivo, cioè del decreto di trasferimento dell’immobile che va inviato al debitore insieme a un atto che prende il nome di atto di precetto per il rilascio dell’immobile [5].

Nell’atto di precetto l’aggiudicatario ha la possibilità di intimare al debitore che continua a occupare l’immobile la liberazione dei locali, entro un termine non inferiore a 10 giorni [6].

La mancata liberazione dei locali entro il termine indicato consente, a questo punto, all’aggiudicatario di notificare attraverso l’ufficiale giudiziario un avviso con il quale viene comunicato al debitore il giorno e l’ora in cui dovrà lasciare l’immobile [7].

Nel giorno e nell’ora indicati nell’avviso, l’ufficiale giudiziario si recherà pertanto presso l’immobile e potrà procedere alla liberazione dei locali, se ancora occupati dal debitore il quale dovrà pertanto abbandonare in quella data l’abitazione.

Per svolgere tali operazioni, l’ufficiale giudiziario può inoltre servirsi della forza pubblica [8] nel caso in cui il debitore opponga resistenza a sgomberare l’immobile che, una volta liberato, viene di fatto consegnato a tutti gli effetti all’aggiudicatario, il quale subentra nel pieno possesso dell’abitazione.

La procedura di rilascio dell’immobile richiede tempo, perché dal momento in cui viene pronunciato il decreto di trasferimento possono passare in media anche 5 mesi prima di poter ottenere la liberazione dei locali soprattutto quando si incontrano le resistenze opposte dal debitore a sgomberare l’abitazione ed è pertanto necessario l’intervento della forza pubblica.

È altresì opportuno sottolineare che il debitore che occupa un immobile in presenza di una esplicita richiesta di lasciare l’abitazione comunicata dall’aggiudicatario può avere anche delle conseguenze sotto il profilo penale, perché può essergli contestato il reato di violazione di domicilio: può infatti essere condannato alla pena della reclusione fino a tre anni chi occupa un immobile contro la volontà espressa del proprietario [9].

La vendita all’asta può infine interessare locali che sono occupati non direttamente dal debitore precedente proprietario bensì da un terzo, il quale può possedere l’immobile in forza di un valido contratto di locazione [10].

L’aggiudicatario, divenuto proprietario dell’immobile per effetto del decreto di trasferimento, non ha la possibilità di chiedere l’immediata liberazione dei locali quando il terzo è il legittimo conduttore, poiché, in questo caso, si verifica una successione nel contratto di locazione [11] che continua sino alla sua scadenza naturale, a meno che non si possa avviare una procedura di sfratto per morosità derivante dal mancato puntuale pagamento dei canoni [12].

Solo pertanto al termine del contratto, l’aggiudicatario nella sua qualità di nuovo proprietario dell’immobile potrà pertanto richiedere lo sfratto per finita locazione, nel caso in cui il terzo non abbia lasciato liberi i locali [13].

note

[1] Art. 555 cod. proc. civ.

[2] Art. 586 cod. proc. civ.

[3] Art. 2919 cod. civ.; Art. 2896 cod. civ.

[4] Art. 474 cod. proc. civ.

[5] Art. 605 cod. proc. civ.

[6] Art. 479 cod. proc. civ.; Art. 480 cod. proc. civ.

[7] Art. 608 cod. proc. civ.

[8] Art. 513 cod. proc. civ.

[9] Art. 614 cod. pen.

[10] Art. 1571 cod. civ.

[11] Art. 6 Legge 27 luglio 1978, n. 392

[12] Art. 658 cod. proc. civ.

[13] Art. 657 cod. proc. civ.

Il debitore che si vede venduta la propria casa all’asta deve lasciare libera l’abitazione nel momento in cui l’aggiudicatario ottiene dal giudice dell’esecuzione il decreto di trasferimento dell’immobile. Il debitore che non sgombera spontaneamente i locali può essere costretto a lasciare libera l’unità abitativa con la forza da parte dell’aggiudicatario, il quale ha la possibilità di avviare una procedura di rilascio dell’immobile attraverso l’ufficiale giudiziario. Detta procedura può dunque durare anche 4 o 5 mesi.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

90 Commenti

  1. Si vero sciacalli mio marito si e ammalato di tumore non abbiamo potuto più pagare il mutuo dopo anni di sacrificio di lavoro la casa alla’asta, e un trauma odio il sistema bancario mi devono sparare per andare via di qui me e tutta la mia famiglia , chi ha la casa all’azta e perche ha dei grossi problemi vergogna a chi acquista

    1. io e mio marito abbiamo fatto entrambi un ictus e la mia casa è stata appena acquistata all’asta sto lottando per avere una casa popolare DA QUI NON POSSONO BUTTARMI FUORI SE NON CON LA FORZA FINCHE’ NON MI DANNO LA CASA POPOLARE CHE E’ DA 2 ANNI CHE STO LOTTANDO PER AVERLA MA DOVE CAZZO VIVIAMO

  2. Vergogna si sciacalli la mia casa all’asta per un tumore non posso pensarci mio marito buono come il pane ci odio a chi acquista all’asta

  3. La mia casa è stata venduta all’asta, cmq rimangono dei soldi dalla vendita, la mia domanda è mi possono espropriare, quindi farmi lasciare la casa prima che mi diano quello che è rimasto dalla vendita?
    Nel senso la mia casa è stata venduta 699000 il mio debito da 400000, la rimaneza è di 299000, quindi volrvo sapere mi possono cacciare via anche se non mi danno i soldi?

    1. sobo pienamente d’accordo con lei e mi dispiace per suo marito. Anche io ho casa venduta all’asta e due bambine e sono sola l’acquirente lo sapeva ma nn gli è interessato nulla ora vorrei almeno rimane in casa pagando l’affitto per nn turbare psicologicamente le bambine. In futuro mi sposterò spero che almeno questo me lo conceda…. sono distrutta sotto ogni punto di vista! Io maledico chiunque compra casa all’asta e le case all’asta!!!! Scusate lo sfogo

      1. Signora Simona, invece di maledire gli altri lei avrebbe potuto vendere la casa, rinegoziare il mutuo, non contrarre il mutuo.
        La responsabilità personale non esiste? non crede di avere nessuna colpa?
        Il sistema bancario, per quanto riguarda i mutui alle famiglie, funziona grazie a chi paga i mutui. Se tutti si sentissero liberi di poter non pagare un mutuo avremmo tassi esorbitanti.

        1. Scusi ma xké andare a lavorare e comprarsi una casa nuova non sarebbe meglio invece che togliere un tetto ad altri ad un prezzo inferiore ?io sinceramente penso che chi si mangia il pane altrui nn se lo deve godere anzi spero proprio gli venga il peggiore dei cancri con metastasi in bocca!!!

          1. noto con piacere che il significato di responsabilità le è sconosciuto, se una persona o una banca, da una prestazione di lavoro e poi non viene pagata secondo lei cosa dovrebbe fare? Io penso che chi non paga i debiti debba subirne le conseguenze, il che non include il cancro con le metastasi, in molti paesi civili esiste il carcere per debiti ( USA ) fate vobis

        2. carcere per debiti…ed altre amenità , caro mario sarai sicuramente uno dei soliti pescecani delle aste . Si uno dei soliti , . TRA L ALTRO LA BOIATA CHE I TASSI SI ALZEREBBERO … si sei uno dei soliti perche avendo una certa esperienza nei tribunali , gli aggiudicatari e compratori nella stragrande maggioranza sono sempre gli stessi …ma guarda un pò . Certamente è da riformare e rivedere alcune cose delle aste e in molti casi , concordo ,le maledizioni sarebbero il meno . Nella mia esperienza diretta la banca ha rifiutato la mediazione di parenti vicini , casa all asta , di 100 su 150 di debito nel 2015 . marzo 2017 ,venduto alla 6 asta, a 65 . Ovvio e chiaro che la possibilita economica di persone a me vicini era svanita in quanto al rifiuto di stralcio hanno investito su altro immobile . Quindi carissimo mario , poi non dovremmo maledire … Molto probabile , che l immobile , sarà devastato , magari ..qualche balordo …una notte ..un 50 di danni…sai comè …tranquillo mario , a me a sto punto fanno un baffo , certo magari mi imputano i danni che pagherò coi peli del pube. Quindi carissimo mario , non parlare e non parliamo generalizzando . Ho fatto tutto , mediazione , ecc eccc …azzi e mazzi .Non solo , considerando che l immobile , del 2005 , valutato perizia 225 venduto a 65 in ottima posizione è stato causa da parte mia pure di opposizione per eccessivo ribasso .Considerando che il debito salito 165 , immobile venduto a 65 come descritto sopra I requisiti per la sospensione ed altro c erano …ma sai comè caro mario il giudice delegato , magari va a braccetto, flirta con l avvocato dell istituto di credito in questione …e boccia TUTTE LE OPPOSIZIONI LEGITTIME e poi non ammetti che UNO NON SI INFIAMMI e MALEDICA :::: CONCLUSIONE , potrei essere concorde con te , Ma nel mio caso mi sono moralmente assolto nel devastare la mia casetta , mi divertirò assai prima di esser cacciato fuori . Per cui di quelli come te , caro marietto , me ne sbafo , e credimi caro squalo siamo in molti ad agire e pensare cosi . Buona fortuna procacciatore di sfortune . Leggi la storiella cone una favola semiseria di una notte insonne di primavera ….

          1. a me hanno venduto dopo 7 aste a 60000 la banca non mi ha voluto riconcedere il mutuo mio marito e malato di ictus non parla ha l’afsia globale e un figlio di anni 12 ma quale giustizia non esiste niente siete solo degli sciacalli

          2. Caro maxi m.Se non sei stato in grado di mantenere accordi presi con banche,è solo colpa tua!!Non dovevi prenderli.E se sei sfortunato come dici non è colpa altrui.I debiti si pagano.

          3. caro Maxim sono d’accordo con te, non danno piu possibilita’ , io ho provato con un saldo e straccio ma non ce stato nulla da fare, mio marito anche lui malato di tumore, dovrebbero almeno venire incontro a chi ha avuto seri problemi, invece ti rovinano, io sono stanca ,lotto per i miei figli, ma sono stanca, dovro’ anche pagare il debito con la banca, è poi ci viene detto che è giusto ? non si cercano le malattie, mio caro Mario, non sai neppure cosa significa tumore.Non parlare neppure signor Mario…va a farti benedire!!!!!!!!!!

          4. esiste una legge che chi e debitore con la banca e
            e ha un ipoteca sulla propia villetta a schiera e la banca la messa all’asta di poter dare la possibilita’ ai propietari di poter riscattare la propia abitazione anche se l’asta e vicinissima

        3. No Mario non è così….io avevo una Srl, sono stato truffato e nel momento in cui dovevo rivolgermi ad un avvocato per recuperare i miei crediti, non avevo abbastanza soldi per avviare la pratica!!!!! ( perché in Italia ottieni giustizia solo SE TE LA PUOI PERMETTERE!!!) Le banche hanno ipotecato la mia casa e ora è stata venduta. La mia unica colpa è stata quella di fidarmi dei miei clienti ( ingenuamente??? può darsi..).
          Lasciamo perdere le banche, loro falliscono e poi ci pensa il governo a dare loro ossigeno…..sempre a scapito del cittadino!!!!!

        4. Ma non rompere che è evidente che tu problemi non li hai
          mai avuti se uno si è fatto un c…. tutta la vita per farsi una casa di un certo valore e paghi il mutuo quasi sino alla fine e mancano poche rate e non puoi più pagare la banca vende all’asta per l’importo che rimane ricava quello che dovevi finire di pagare e se ne frega dei tuoi sacrifici e tu perdi tutto è successo a me e ti giuro non c’e giustizia per questo chi ci guadagna sono tutti il giudice il delegato il perito l’ufficiale giudiziario gli avvocati e la banca oggi farei una strage .

        5. Signor Mario , io non sono una debitrice , ma ho la mia casa all’asta , e tutta la mia vita intera che svanisce ,
          e le posso garantire che sono sciacalli quasi tutti quelli che girano intorno alle aste , c’è un gioco d’interessi che non tiene conto delle faccende personali di chi si trova in queste situazioni , ma di certo la legge non potrebbe farlo ,questo è il dramma , e vince sempre chi ha più soldi ,non ragione ,volendola ricomprare devo pagare molto di più per le spese dell’IGV e per i rialzi di quelli che si divertono a comprare alle aste .Io non maledico nessuno ,peccato perché almeno mi sarei sfogata ,invece soccomberò in qualche modo . Saluti

        6. se tutti quelli che partecipano regolarmente alle aste
          fossero per prima cosa controllati, su ogni vendita che
          fanno degli immobili acquistati tassandoli al 60% sul valore della plusvalenza; se gli mettessero telefoni
          sotto controllo, e fossero pedinati e registrati i suoi
          incontri clandestini, e gli fosse impedito di vendere
          l’immobile intascandosi parte dei soldi a nero,
          se per turbativa di asta si mettesse una pena di 10 anni
          ma dentro non hai domiciliari, e una multa da 2.000.000 di euro.
          quelli come te ce ne sarebbe molti meno

        7. E gia perche le banche ti darebbero questa possibilita non credo proprio sono assetate di soldi i muri non gli interessano i soldi si

      2. Inutile prendersela coi compatori, quando un bene viene pignorato è come se fosse della Banca creditrice, semmai dovreste prendervela con la banca….tra l’altro la colpa ce l’ha chi ha ‘evaso’ e si è indebitato. A livello morale posso capire chi ha la prima casa pignorata che magari si troverebbe in mezzo ad una strada….ma chi ha anche villette al mare e altri beni pignorati l’ha fatta grossa e quindi non lo giustifico minimamente.

      3. ha pienamente ragione , mi spiace della sua posizione in cui si trova simile alla mia , anche a me ieri e’ arrivato un atto di pignoramento e procederanno tra poco la casa verra’ venduta all’asta dopo anni di sacrifici… sono dei luridi bastardi e’ tutto il sistema bancario italiano che non funziona,
        pensano solo a salvare le banche … pezzi di merda !!!!

      4. non devi maledire nessuno,devi darti la colpa a te stessa,senza le solite frignate appoggiandoti alle bambine,potevi trovare prima un appartamento in affitto,visto l’offerta del tuo appartamento a pagare l’affitto ,o l’appartamento dove abiti o un altro e la solita cosa o no

  4. Le banche sono assassini…pur avendo possibilità di rimettermi in pari ….loro no ….300.000 in 6 mesi ….ma dico….se avevo tutti questi soldi non avrei fatto un mutuo in precedenza noo…..cosi casa alle 3 vendita All asta e 2 bambini fuori dalla casa dove ci sono nati…forza Italia! Cosi si fa

  5. Buongiorno,
    premetto che mi dispiace moltissimo per chi ha avuto la casa pignorata per problemi REALI ma vorrei dare la mia testimonianza.
    Io ho acquistato casa all’asta e non me ne vergogno affatto perché gli occupanti vivono sulla pelle dello stato e di altri onesti cittadini.
    Lavorano e si tolgono ogni sfizio. Telefoni, macchine, viaggi… però i soldi per il mutuo non ci sono. Spese condominiali mai pagate. Ora arrivo io e devo pagare i loro insoluti.
    Gli altri condomini hanno dovuto sopperire o evitare di fare dei lavori grazie a questa gente che non paga.
    Diciamo che una grossa fetta di persone che perde la casa è perché è un gran furbo e pensa di vivere sulla pelle dello stato.

    1. i classici datteri che si attaccano e ti succhiano tutto …..il mutuo e’ un rischio !…se non vuoi rischiare andate in affitto ….conosco gente che spende soldi alle macchinette marito e moglie al bar ;)….per pagare i soldi non ci sono mai bravi che siete ….moto 500 cc macchina nuova io vecchia biciclette super lusso unghie colorate capelli tinti e tatuaggi sul corpo …mah sara’ cosi’ che si vive …io domani vado a lavorare col badile tutto il giorno …

    2. prima di chiedere mutui di 250.000 euro fare bene i conti non sarebbe male …esistono case che si possono affittare senza problemi piccoline ma sempre case ….poi bisogna mettere in conto il rischio del lavoro 1….tatuaggi 2….moto di grossa cilindrata 3 ..spritz delle 5 con gli amici 4….acconciature di vari colori delle mogli 5…..unghie 6…soldi per le macchinette 7..sigarette 8…macchina ..io utilitaria altri macchine di grossa cilindrata …devo continuare ?….mi dispiace per chi si e’ ammalato e su questo non dico niente la malattia non guarda in faccia nessuno :(…ho imparato in questi anni dopo aver gia’ pagato il mio mutuo di 15 anni e probabile me ne apro un altro visto che partecipero’ ad un asta per un altro appartamento ..che dopo aver lavorato tutto il giorno bisogna lavorare ancora e quando si hanno in tasca 50 euro cercare il modo di portare a casa almeno 40 …

  6. “e sarei io la demolirei prima di consegnarla”

    Complimenti per l’italiano.
    Gran civiltà comunque signora, complimenti vivissimi!

  7. Signor anonimo non dica cazzate Io ho perso la casa all asta Io avrei potuto venderla e guadagnare bene Ma se un cretino di ex marito non ha voluto firmare il compromesso Lei che è cosi intelligente mi dice cosa potevo fare visto che non lavorando non potevo pagare il mutuo? Cmq chi compra all asta non ha le palle Non vantatetevi x gli acquisti fatti, il detto dice ridi adesso piangi poi…

    1. cara mery nn so se e’ il nome che ci accomuna ma chi nn si trova in certe situazioni nn puo’ capire
      io sono separata due figli a carico stipendio partime immagina quanto….. nn riesco a far fronte al mutuo solo perche’ il padre dei miei figli nn passa le spese
      certo vendere la casa .ma la meta’e’ sua….
      tanto lui vive con un altra…..
      dobbiamo superare problemi enormi e la legge dove dovrebbe agire nn agisce
      maledetto d.. soldo

  8. casa venduta all’asta con all’interno i miei genitori ottantenni con mia madre invalida al 70% e mia sorella invalida al 100%, nessuna pietà da parte del curatore e tribunale e indovinate chi ha acquistato la casa? un direttore di banca ………………………
    devono morire tutti chi specula sulle disgrazie altrui, soprattutto quando ci sono delle persone deboli……..
    il prossimo mese arriveranno con le forza pubblica a metterli in mezzo alla strada ….. voglio vedere con che coraggio lo faranno

  9. Sono un straniero (Rep Ceca) e ho una famiglia e nn ho molta possibilita di trovare la casa in affitto perche è difficile trovare la casa che vuole i stranieri e con i figli nonostante da quando sono in Italia lavoro con il contratto al tempo indet., percio da 4 anni continuo a pagare affitto di 800 euro, se un giorno smettesi pagare proprierio mi manderebbe secondo mese sulla strada (giusto) e tornavo da dove sono arrivato.
    Perche piuttosto di trovare affitto piu economico riesco ad avere mutuo sto cercando di comprare la casa all’asta (libera – non occupata dal debitore) perche 40K euro in 4 anni in affitto erano buttati, vorrei solo dire a tutti i debitori che ovviamente mi dispiace molto per quelli che l’hanno perso la casa dopo aver perso lavoro, dopo malatia ecc ma si lamentano dei sciacalli che la casa fino quando nn la avete pagata, nn è vostra, è della banca, se la casa si vende al 7ttima vendita e solo colpa vostra, perche anche molti sciacalli cercano combattare la crisi e vogliono comprarsi la prima casa all’asta (e probabile che come avete fatto in passato anche voi) e non vogliono aspettare 3 anni dopo la aggiudicazione quando la casa si liberera (magari non distrutta come ho letto), cercano le case gia libere e se qcuno alla fine la casa occupata compra, la compra ovviemente solo al molto basso costo, se l’ho pagata 200K e si vende al 50K e perdo 150K nn vedo nessun motivo di lamentarmi se la casa 7 anni fa con (mutuo di banca) l’ho pagata 200K, a banca l’ho pagato 40K di interessi e dopo la vendita 50K e mi manchera ancora da pagare 150K che ha perso comunque anche la banca (e poi citadini italiani che alla fine pagano queste perdite di banche).
    Non dovrei lamentarmi se la casa occupavo per 5 anni mentre passavano 7 vendite che occupandola mi hanno abbassato il prezzo e di affitto l’ho risparmiato minimo 70K.
    Per me quando avete perso la casa, debitore se ne dovrebbe prima della prima vendita andare, dovrebbe cercare pagare affitto come tutti altri e aspettare quando si vende la casa al costo piu alto (di mercato) cosi nessuno perde troppi soldi, il resto che mancava banca riceve dal vendita e voi potete provare a comprarsi un altra casa.

  10. Dovrebbe esistere l’obiezione di coscienza!… o sono tutti Pilato…. compreso la chiesa.
    La metastasi in bocca mi piace, ma è troppo poca per scicalli, giudici, delegati, custodi… aggiungerei la maledizione per l’eternità!!!

  11. Ho la casa all’asta il 22 dicembre, ho fatto richiesta di istanza di sospensione appellandomi al decreto antidebitamento, ma il giudice non ha ritenuto sospendere l’asta. Stamattina sono andato con il mio avvocato dal giudice per avere una proroga di tre mesi per cercare di risolvere i problemi con i creditori, ma il giudice non mi guardava in faccia e non mi faceva nemmeno parlare. Non c’è niente da fare la legge dovrebbe difendere i le famiglie in difficoltà e non i più potenti.
    E’ una vergogna e sono sciacalli quelli che acquistano le case all’asta. VERGOGNATEVIIIII

  12. Premetto che io non ho comprato casa all asta e non ne ho una di proprietà ma non potevo non commentare questi post da ignoranti. Le malattie vengono a tutti i problemi ce li abbiamo tutti ma non mi sembra giusto che una persona che non paga il mutuo non debbano fargli nulla, non è concepibile perché se tutti facessero così il paese andrebbe in rovina. Oggi ci troviamo in questa situazione nel nostro paese proprio perché c è gente che non paga le tasse, mutui, spese condominiali ecc .ecc. e chi copre quei buchi? le persone oneste che pagano tutto e che quindi per colpa di chi non paga si vede a sua volta tassare sempre di più le proprie proprietà, averi, cose, persone ecc. quindi spiace dirlo ma fanno bene a pignorarvi la casa se non pagate il mutuo,fanno bene a pignorare la vostra auto se non pagate le rate, fanno bene e fanno bene perché se no devo pagare io e chi come me che paga le tasse.
    E poi non dite che avete pagato per una vita e che vi rubino i soldi dati perché tanto se non avevate un mutuo un affitto dovevate sempre pagarvelo.
    Quindi fate come me se non vi potete permettervi una casa e far fronte ad un mutuo e tutti i relativi rischi, andate in affitto che sarete anche più tutelati.

  13. Avete qualche consiglio per me – io ho fatto la stuppidagine di aver cointestato la casa mia con un mutuo sopra a una croata – questa donna dopo due mesi e sparità nel nulla – io vorrei vendere la casa dato che sono andato in sofferenza con la Banca – si son fatti avanti dei Recupero crediti – come posso fare?

  14. nel 2005 una mia sorella mi convince a farmi fare un prestito da amici bancari che lei conosceva nn so come ha fatto visto che nn aveva reddito a ottenere 50 mila euro per un mutuo di 15 anni pagavo io il mutuo ma la casa era intestata a lei dopo tante vote a dirgli di farmi l atto della al decimo anno di mutuo questa mi dice che io nn pagavo un mutuo ma un affitto a questo punto mi rifiuto di continuare a pagare e mi manda la lettera dell avvocato mi fareva vivere in una casa di 70 metri divisa in due piani piu magazzino che usufruiva lei e mi ha impedito di far mettere il motorino di mio fratello ho contattato la banca per saldarla in saldo stralcio per gli ultimi 5 anni di mutuo equivalenti a meno di 25 mila euro proponendo di pagare 18 mila euro in contanti nel 2015 anzichè a rate di 350 euro nel 2020 il banco che ha fatto il prest ito mi ha rifiutato la proposta ora rischio lo sfratto bastardi merde

  15. Buongiorno a tutti, vorrei un aiuto da qualche anima pia.
    I miei genitori hanno la casa all’asta (a causa del fallimento della soc. di mio padre) , in realta’ è meta’ all’asta, e meta’ di prop. di mia madre (sep. dei beni).
    Qualche giorno fa il notaio ci ha chiamato dicendoci che per movimentare il mercato immobiliare, la devono lasciare, perche una casa vuota è piu’ facilmente vendibile, e c’e’ un nuovo protocollo del comune che lo stabilisce. I miei sono dispostissimi a lasciarla, anzi, siamo stati anche fin troppo onesti leggendo varie storie, ma come è possibile lasciare una casa di cui sei proprietario, per spostarsi in affitto da qualche altrra parte, e magari poi pagare tutte le tasse doppie ??
    Inoltre qualcuno sa dove posso reperire questo nuovo protocollo ? Grazie in anticipo

  16. Buongiorno a tutti, vorrei un aiuto da qualche anima pia.
    I miei genitori hanno la casa all’asta (a causa del fallimento della soc. di mio padre) , in realta’ è meta’ all’asta, e meta’ di prop. di mia madre (sep. dei beni).
    Qualche giorno fa il notaio ci ha chiamato dicendoci che per movimentare il mercato immobiliare, la devono lasciare, perche una casa vuota è piu’ facilmente vendibile, e c’e’ un nuovo protocollo del comune che lo stabilisce. I miei sono dispostissimi a lasciarla, anzi, siamo stati anche fin troppo onesti leggendo varie storie, ma come è possibile lasciare una casa di cui sei proprietario, per spostarsi in affitto da qualche altrra parte, e magari poi pagare tutte le tasse doppie ??
    Inoltre qualcuno sa dove posso reperire questo nuovo protocollo ? Grazie in anticipo

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI