Diritto e Fisco | Articoli

Vietate le t-shirt fasciste allo stadio o durante manifestazioni sportive

26 settembre 2013


Vietate le t-shirt fasciste allo stadio o durante manifestazioni sportive

> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 settembre 2013



È reato presentarsi alla manifestazione sportiva con la maglietta che inneggia al fascismo; sanzionata la t-shirt del Duce: il reato di cui alla legge Mancino scatta per l’uso dei simboli del regime anche senza adesione ai gruppi nazionalisti.

Neanche per scherzo”! Commette reato chiunque indossi una maglietta con l’immagine del Duce o altri simboli richiamanti il regime fascista se si trova nel corso di una manifestazione sportiva. Il nostalgico non può, quindi, esternare il proprio “credo” politico neanche per gioco.

A dirlo è una sentenza di ieri della Cassazione [1] che ha condannato, per violazione della legge Macino, un tifoso di hockey a pagare una ammenda di 2.280 euro per aver indossato, allo stadio, una maglia con stampato il volto di Mussolini.

Ricorda la Cassazione che indossare una maglietta o altro capo di abbigliamento richiamante motti, scritte o simbologia del partito fascista integra un reato, e ciò a prescindere

– sia dall’intenzione di discriminare ed offendere l’altrui dignità

– sia dall’appartenenza ad eventuali gruppi nazionalisti.

Il reato sussiste per il solo fatto di trovarsi in luoghi di svolgimento di manifestazioni agonistiche recando con sé emblemi o simboli di associazioni o gruppi razzisti e simili, anche se non vi si è iscritti.

note

[1] Cass. sent. n. 39860/2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI