Diritto e Fisco | Articoli

Posso svolgere un altro lavoro se sono in cassa integrazione?

26 settembre 2013 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 settembre 2013



Sono un cassaintegrato e mi è stato proposto un lavoro part-time: posso accettare il posto senza perdere l’assegno della cassa? Se si, a quali condizioni? Ci sono altre alternative?

La legge Italiana non impedisce ad un lavoratore in cassa integrazione di aumentare le proprie entrate accettando un altro lavoro, sia subordinato che autonomo. Tuttavia è necessario rispettare alcune condizioni.

Innanzitutto, la nuova attività lavorativa che si intraprende deve essere temporanea. Durante tale periodo, l’integrazione salariale è sospesa e, con essa, anche il versamento dei contributi da parte del datore di lavoro con il quale si è cassa integrati.

La sospensione si chiede informando l’Inps, il proprio datore di lavoro e il Centro per l’Impiego, tramite raccomandata a.r., dell’inizio della nuova attività a tempo determinato.

Terminato il periodo in cui si è svolta tale occupazione, il lavoratore dovrà comunicare all’Inps la conclusione della nuova attività, allegando alla comunicazione il contratto di lavoro o una dichiarazione del datore di lavoro che attesti la cessazione della collaborazione. L’Inps, valutata la documentazione ricevuta, provvederà quindi a ripristinare la cassa integrazione precedentemente sospesa.

La mancata comunicazione all’Inps e all’impresa dalla quale si è cassa integrati, in forma cartacea a mezzo raccomandata a.r., dell’inizio della nuova attività non comporta più la decadenza dal diritto di integrazione salariale [1] (leggi l’articolo “Cassa integrazione e mobilità: addio notifica all’Inps“).

Qualora invece la nuova occupazione sia a tempo indeterminato, dopo il periodo di prova, il rapporto di lavoro con l’azienda di provenienza cessa definitivamente e non vi è più possibilità di rientrare in cassa integrazione. È invece ammesso il rientro qualora non si dovesse superare il periodo di prova.

Possibilità di cumulare la cassa con il nuovo stipendio

Il lavoratore part-time cassintegrato può cumulare in modo pieno l’integrazione salariale della cassa integrazione con una seconda attività lavorativa part-time a patto che questa ulteriore occupazione si svolga in orari diversi rispetto a quelli del rapporto di lavoro sospeso. Se, ad esempio, con la prima azienda si lavorava solo la mattina, con la nuova azienda sarà possibile lavorare part-time il pomeriggio o la sera, senza perdere la cassa integrazione. In sostanza, i due orari non devono accavallarsi.

Il lavoro occasionale accessorio, o prestazione occasionale, è compatibile con la cassa integrazione e non la fa decadere, a patto che i guadagni di questa seconda attività non superino i 3.000 euro l’anno.

Il lavoro occasionale è retribuito attraverso i buoni lavoro (cosiddetti voucher). I buoni lavoro vengono utilizzati per remunerare quelle prestazioni eseguite al di fuori di un normale contratto di lavoro in modo discontinuo e saltuario. In questo modo, il datore di lavoro può, in base alle necessità della sua azienda, ampliare occasionalmente l’organico nella piena legalità;  il lavoratore, invece, può aumentare le proprie entrate con un compenso esente da ogni imposizione fiscale e che non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato.

Il compenso dei buoni lavoro dà diritto all’accantonamento previdenziale presso l’Inps e alla copertura assicurativa presso l’Inail ed è totalmente cumulabile con i trattamenti pensionistici.

note

[1] Inps messaggio n. 15079 del 25 settembre 2013.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI