Politica | News

Governo: che ne pensano gli italiani dopo il coronavirus

1 Marzo 2020
Governo: che ne pensano gli italiani dopo il coronavirus

Il primo sondaggio svolto dopo le misure straordinarie adottate dal Consiglio dei ministri per contenere l’infezione: le opinioni sono molto divise.

Qual è l’opinione degli italiani sui provvedimenti adottati dal Governo per la gestione dell’emergenza coronavirus? Negli ultimi giorni ci sono state grandi polemiche per la diffusione dei contagi nonostante le misure urgenti e straordinarie  adottate dal premier Conte e dal ministro della Salute, Roberto Speranza, inserite dal Consiglio dei ministri nel decreto legge che la Camera ha approvato quasi all’unanimità.

Il sondaggio Ipsos svolto per il Corriere della Sera e diffuso oggi dalla nostra agenzia stampa Adnkronos – il primo svolto dopo il varo di questi provvedimenti (le interviste sono state svolte tra il 25 e il 27 febbraio) – riflette la spaccatura degli italiani che appaiono molto divisi nei loro giudizi: l’indice di consenso nei confronti del Governo scende al 42%, con 3 punti in meno rispetto alla precedente rilevazione di fine gennaio.

Anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, risente della flessione: perde il 2% rispetto al mese scorso, anche se mantiene il 48% dei gradimenti. Molti italiani non sembrano, dunque, aver gradito la sua sovraesposizione televisiva con numerose dichiarazioni rese nei momenti più nevralgici dell’emergenza ed alle quali è seguito un dibattito molto controverso.

Ma non è il solo ad aver risentito del fenomeno del calo di fiducia agli occhi degli italiani: nella graduatoria dei leader di partito, perdono consensi anche Matteo Salvini e Giorgia Meloni ora quasi affiancati, il primo con il 38% e la seconda con il 37%, ma entrambi in calo di 4 punti percentuali ciascuno).

Viceversa, beneficiano di un leggero aumento delle preferenze i personaggi più defilati in questa fase, come Dario Franceschini (31% e Nicola Zingaretti (29%) che crescono di 2 punti ciascuno.

Distanziati gli altri, come il ministro della Salute Speranza (21%); c’è un gruppetto di leader tutti affiancati al 19%, che vede personaggi molto eterogenei tra loro: Luigi Di Maio, Silvio Berlusconi, la ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, e il guardasigilli Alfonso Bonafede.

In coda alla classifica dei leader di partito c’è Matteo Renzi, con il 10% delle preferenze, e che perde un ulteriore 3% rispetto alla precedente rilevazione; la sua recente spallata al Governo evidentemente non è piaciuta agli italiani in questo momento, al punto che lui stesso ha poi frenato, proponendo una tregua politica.

Nessuna grossa sorpresa, invece, per quanto riguarda i partiti: la Lega mantiene il primo posto con il 31,6%, seguita dal Pd al 19,6%, dal Movimento 5 Stelle stabile al 14% e dai Fratelli d’Italia che però crescono dell’1,3% e arrivano al 13,3%, il risultato più alto di sempre.

Molto distanziati, invece, Forza Italia (6,3%) e Italia Viva, che scende al 3,8%. Tutti gli altri partiti sono sotto il 3%. C’è da segnalare però un altissimo numero di indecisi e di astenuti: il 40,6% degli italiani non ha un’opinione chiara, e la loro percentuale è cresciuta dell’1,5% nell’ultimo mese.


1 Commento

  1. E’ da troppo tempo che questo popolo dorme. O si sveglia subito o sarà il disastro totale. No credo si possa aggiungere altro.
    Alfio Beggio – Padova

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube