Diritto e Fisco | Articoli

Legge cani e luoghi pubblici

21 Aprile 2020 | Autore:
Legge cani e luoghi pubblici

Cosa puoi fare se, scendendo sulla spiaggia col tuo cane, vieni fermato perché è vietato condurre gli animali? Scopri cosa dice la legge.  

Hai portato a passeggio il tuo cane nel giardino pubblico da sempre frequentato ma scopri che il Comune ha vietato l’accesso agli animali, anche se custoditi e, quindi, condotti dai proprietari. Molto probabilmente, a parte la rabbia del momento per l’amara scoperta, ti limiterai a fare dietro front e a portare il tuo cane dove gli è permesso camminare. Ma una domanda sorge spontanea: il Comune può impedirti di accedere col cane nelle aree pubbliche, qual è un parco? Cosa puoi fare in questi casi? Per conoscere le risposte, ti invito a leggere questo articolo in cui ti spiegherò cosa dice la legge su cani e luoghi pubblici.

L’argomento ti interessa particolarmente, anche perché in quale altro posto potresti mai portare a passeggio il tuo cane se non negli spazi comunali? Nonostante questa condivisibile critica, tuttavia, negli ultimi anni, sono state tante le ordinanze comunali che hanno disposto il divieto di accesso di cani su spiagge e aree verdi. Nell’articolo, analizziamo assieme le regole sulla conduzione del cane fuori di casa e, passo per passo, approfondiamo il possibile divieto di accesso ai cani che Comune o Regione possono disporre sui luoghi pubblici.

Cosa devo fare quando porto il cane fuori casa?

Quando il padrone porta con sé il cane fuori casa, deve rispettare delle regole stabilite dalla normativa per la tutela della sicurezza pubblica, sotto pena di applicazione delle sanzioni. In particolare, la legge [1] dispone che, quando il cane deve uscire dall’abitazione privata in cui vive, ad esempio per fare la passeggiata o accompagnare il proprietario verso qualche destinazione, il padrone deve:

  • portare il cane con guinzaglio e senza museruola oppure con la museruola e senza guinzaglio nei luoghi pubblici, come i giardini pubblici, i marciapiedi, le strade, le piazze ecc.;
  • portare il cane con guinzaglio e senza museruola oppure con la museruola e senza guinzaglio nei luoghi aperti al pubblico, cioè aperti a tutti ma nel rispetto di predeterminate condizioni, come il pagamento di un ticket, l’esibizione di una tessera ecc.;
  • portare il cane con guinzaglio e museruola nei locali pubblici, come pub, ristoranti o taverne, e anche nei mezzi pubblici di trasporto, come bus, tram, metro o treni;
  • avere sempre con sé il kit d’igiene del cane, cioè sacchetti e paletta, da usare per prelevare i bisogni del cane e poi cestinarli;
  • portare preferibilmente con sé una bottiglietta d’acqua da usare per pulire le parti sporcate dall’urina del cane, come muri condominiali, cancelli privati ecc..

Come porto il cane nei luoghi pubblici?

La prima cosa che devi imparare per non rischiare di ricevere una multa è la differenza tra luogo pubblico e luogo aperto al pubblico. In particolare, la legge definisce:

  • luoghi pubblici, i luoghi di proprietà dello Stato a cui può accedere il pubblico, come le vie, i giardini pubblici, i marciapiedi, le piazze, le spiagge ecc.;
  • luoghi aperti al pubblico, quelli di proprietà privata ma a cui può accedere il pubblico, purchè rispetti le regole e le limitazioni del proprietario. Sono luoghi aperti al pubblico i bar, i ristoranti, i negozi, i condomini ecc..

La differenza tra i due concetti è importante perché, come hai potuto leggere, mentre nel luogo pubblico il cane può essere condotto con guinzaglio oppure con museruola, al contrario nel luogo aperto al pubblico, il cane deve indossare sia il guinzaglio che la museruola.

Quindi, se devi portare il tuo animale a passeggio nel giardino pubblico o nelle aree di sgambamento dei cani o, ancora, sui marciapiedi ricorda che le regole che dovrai seguire sono quelle relative ai luoghi pubblici.

Posso portare il cane al parco?

Come hai potuto leggere, la normativa a livello nazionale non vieta l’accesso degli animali nelle aree verdi o nei luoghi pubblici ma richiede il rispetto di poche regole quali l’obbligo del guinzaglio quando i cani sono sulle vie o in altro luogo pubblico, di idonea museruola per i cani non condotti al guinzaglio e del kit d’igiene per cani, cioè paletta e sacchetti igienici per raccogliere le deiezioni dell’animale e non disperderle nell’ambiente.

Tuttavia, le Regioni o i Comuni possono stabilire altre regole specifiche sulle modalità di accesso con il cane nei giardini e nei parchi, definiti zone a verde pubblico. Ecco perché, prima di portare in viaggio con te il cane è importante che ti informi dell’eventuale presenza di limitazioni.

Devi sapere che i giudici [2], almeno fino ad oggi, hanno stabilito che non sono legittime le ordinanze comunali che dispongono il divieto di accesso dei cani nei giardini o nelle aree verdi comunali. Il limite, infatti, viene considerato dai giudici come eccessivamente restrittivo alla libertà di circolazione delle persone, per l’appunto i padroni dei cani, e sproporzionato rispetto alla necessità di tutelare l’igiene pubblica, che si può ottenere con la sola attivazione dei mezzi di prevenzione, di vigilanza e controllo nonché di sanzione delle violazioni in mano alla Pubblica Amministrazione.

Posso portare il cane in spiaggia?

Per quanto riguarda la normativa sul cane in spiaggia devi sapere che non esiste alcuna legge dello Stato che regola l’accesso degli animali sulle spiagge libere. Tuttavia, possono esistere provvedimenti regionali, comunali o delle Autorità marittime, come la Capitaneria di porto, che hanno il potere di limitare l’accesso degli animali sulle spiagge per motivi di igiene e pulizia.

Invece, se non esistono provvedimenti locali che te lo impediscono, puoi portare con te il cane sulla spiaggia libera avendo cura di portare paletta e sacchetto per la raccolta delle feci del cane. Inoltre, dovrai far indossare all’animale guinzaglio o museruola. Un altro consiglio è quello di portare sempre anche il libretto del tuo cane, che rappresenta una sorta di carta di identità, in caso di controllo delle Autorità locali. Le uniche eccezioni al divieto di accesso dei cani sulla spiaggia sono rappresentate dai cani guida per non vedenti, dai cani di salvataggio e dai cani di polizia.

Possono vietarmi di entrare col cane nel lido privato?

Chi ha una concessione da parte del Comune per gestire una parte della spiaggia, come i lidi privati e le strutture balneari in generale, può dettare specifiche regole per il pubblico che ha intenzione di accedervi. Quindi, ricorda che:

  • al tuo cane potrebbe essere impedito l’accesso su di una spiaggia privata, senza che tu possa far nulla al riguardo;
  • il divieto di accesso ai cani riguarda solo gli animali di taglia grande;
  • il divieto di accesso ai cani è efficace solo in alcune ore della giornata, magari le più affollate.

Se vuoi approfondire l’argomento leggi il nostro articolo: il cane può stare su una spiaggia.


note

[1] Ord. Min. della salute del 06.08.2013.

[2] Tar Puglia, sent. n. 359 del 16.03.2018.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube