Politica | News

Pac e Psr, verso la proroga delle scadenze?

2 Marzo 2020
Pac e Psr, verso la proroga delle scadenze?

Lettera del ministero delle Politiche agricole alla Commissione Ue. L’imperativo, per il ministro Teresa Bellanova, è allentare la morsa che stringe le imprese.

L’economia in sofferenza causa Coronavirus. Una crisi che non risparmia alcun settore, agricoltura compresa. Per questo dal ministero delle Politiche agricole e forestali arriva una richiesta finalizzata a posticipare di un mese le scadenze per le domande Pac, a prorogare al 15 ottobre alcune scadenze relative ai pagamenti diretti e al 31 dicembre i pagamenti delle misure a superficie dei Programmi di sviluppo rurale regionali e a prorogare l’attuazione dei programmi di promozione e dei programmi di sostegno delle Ocm.

Lo riporta l’agenzia di stampa Adnkronos, secondo la quale il Mipaaf ha inoltrato una lettera alla Commissione europea, al termine di una prima analisi dello stato dell’arte effettuata dalla task force insediata allo stesso ministero, per fronteggiare le criticità in seguito all’emergenza Coronavirus. Tali richieste raccolgono le sollecitazioni giunte in questa settimana da imprese agricole, associazioni di categoria, rappresentanti dei lavoratori, regioni.

“La difficoltà che sta attraversando il settore è evidente – afferma la ministra Teresa Bellanova – e bisogna fare di tutto per allentare la morsa che stringe imprese e lavoratori. Le richieste che facciamo a Bruxelles vanno in questa direzione e soprattutto tendono a impedire che possano vanificarsi risultati e sforzi di anni”.

“Lo slittamento – prosegue Bellanova – di una iniziativa pubblica significa mandare in fumo investimenti e lavoro rilevanti, ed è un problema che va assolutamente affrontato. Così i problemi nella gestione di alcune misure dei Piani di sviluppo regionali. Altra storia la Puglia. Lì dobbiamo evitare che l’agricoltura pugliese paghi un danno troppo alto per i milioni e milioni che la regione non è stata capace di spendere e che rischiano il definanziamento”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube