Lesioni stradali: cambia la procedura per i risarcimenti

3 Marzo 2020 | Autore:
Lesioni stradali: cambia la procedura per i risarcimenti

Il reato di lesioni gravi o gravissime non verrà più perseguito d’ufficio ma bisognerà presentare querela. L’obiettivo: accorciare i tempi delle cause.

Chi ha subìto una lesione stradale anche grave o gravissima in seguito ad un incidente e vuole fare causa per ottenere i rimborsi, dovrà presentare querela: non si procederà più d’ufficio. Lo ha stabilito il Consiglio dei ministri qualche giorno fa, ma il provvedimento è rimasto «nascosto» dalle polemiche sullo stop alla prescrizione dopo la sentenza di primo grado. L’obiettivo è quello di rendere più snelli i processi penali e, quindi, concludere più velocemente la pratica che porta al rimborso. Tuttavia, si deve attendere l’approvazione da parte del Parlamento della legge delega in materia e la successiva attuazione del Governo entro un anno, anche se la Corte costituzionale potrebbe accelerare i tempi.

A stabilire la procedibilità d’ufficio delle lesioni stradali gravi e gravissime era stata una legge del 2016 [1], che introdusse il reato nel Codice penale [2]. C’è, infatti, nella normativa un articolo che punisce con la reclusione da tre mesi a un anno per le lesioni gravi e da uno a tre anni per le lesioni gravissime «chiunque cagioni per colpa ad altri una lesione personale con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale».

Prevista, poi, la reclusione da tre a cinque anni per le lesioni gravi e da quattro a sette anni per quelle gravissime nel caso in cui il conducente di un veicolo a motore provochi l’incidente sotto gli effetti di alcol o droghe, per eccesso straordinario di velocità, per un sorpasso azzardato o per aver circolato contromano.

Ora le cose sono cambiate, dopo diverse proposte di legge presentate nei due rami del Parlamento: il Governo ha deciso di introdurre la procedibilità a querela affinché venga contestato il reato di lesioni gravi o gravissime.

Si attende ora il parere della Consulta, a meno che il Parlamento non decida di approvare la legge delega prima che si esprima la Corte. La conseguenza pratica sarebbe quella di accorciare i tempi delle cause e di accelerare, per tanto, il risarcimento del danno.


note

[1] Legge n. 41/2016.

[2] Art. 590 bis cod. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube