Diritto e Fisco | Articoli

La separazione dei coniugi protegge dai creditori?

7 Marzo 2020
La separazione dei coniugi protegge dai creditori?

Mia moglie ed io, per sfuggire ai miei creditori, ci siamo legalmente separati. Preciso che il nostro regime patrimoniale è la separazione dei beni. E’ stato utile separarci?

Se il regime patrimoniale del suo matrimonio era, fin dall’origine, la separazione dei beni ciò significa che sono di proprietà esclusiva suoi o di sua moglie non solo i beni di cui lei e sua moglie eravate proprietari prima del matrimonio, ma anche quelli che sono stati separatamente acquistati dopo il matrimonio (a meno che, all’atto dell’acquisto, non abbiate deciso di acquistare un bene in comunione ordinaria).

Quindi se lei e sua moglie siete sempre stati in regime di separazione dei beni fin dalla data della celebrazione del vostro matrimonio, nessun bene acquistato prima o dopo il matrimonio (fatta salva una espressa volontà contraria all’atto dell’acquisto) è in comunione fra voi, ma tutti sono di proprietà esclusiva o sua o di sua moglie.

Se è così, allora per i debiti esclusivi di un solo coniuge rispondono soltanto i beni intestati a quel coniuge.

Questo vuol dire che se lei aveva dei debiti personali (cioè dei debiti non imputabili anche a sua moglie), i suoi creditori potevano aggredire solamente i beni a lei esclusivamente intestati e non anche i beni intestati esclusivamente a sua moglie.

Pertanto, se così stavano le cose (cioè se il regime di separazione dei beni esisteva fin dalla data di celebrazione del matrimonio), non c’era alcuna necessità di procedere alla separazione personale dei coniugi perché, mi ripeto, i suoi creditori personali potevano aggredire soltanto i beni esclusivamente a lei intestati (e non anche i beni esclusivamente intestati a sua moglie).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube