Diritto e Fisco | Articoli

Se un soggetto muore, chi paga il suo avvocato?

27 settembre 2013 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 settembre 2013



Per il debito del cuius con il proprio avvocato rispondono gli eredi, ma possono sempre far valere il beneficio d’inventario.

Sono gli eredi a dover pagare la parcella dell’avvocato che ha svolto attività professionale in favore del parente defunto. A chiarire questo principio – già implicito nelle regole generali della successione- è stata la Cassazione con una sentenza di qualche giorno fa [1].

Resta, ovviamente, salva la possibilità, per gli eredi, di accettare l’eredità con beneficio di inventario: in tal caso, risponderanno dei debiti del compianto parente, ivi compresi quelli nei confronti del suo legale di fiducia, solo nei limiti dell’attivo ereditato.

Questa scelta, tuttavia, non impedisce che gli eredi siano chiamati in giudizio dall’avvocato per essere condannati al pagamento della sua parcella. Essi allora dovranno difendersi evidenziando al giudice la limitazione di responsabilità dovuta al beneficio d’inventario, pena l’impossibilità di utilizzare quest’argomento di difesa in un successivo giudizio di esecuzione intentato dal loro creditore [2].

note

[1] Cass. sent. n. 21942/13.

[2] Diversamente, se vi è ancora incertezza sulla reale sussistenza e sull’ammontare del credito del legale, egli non potrà chiedere immediatamente la condanna degli eredi bensì dovrà procedere a una causa con cui venga accertato, alla presenza e nel contraddittorio con gli eredi, l’esistenza del proprio credito. In tale processo, secondo la Cassazione, gli eredi non possono difendersi sostenendo di aver accettato l’eredità con beneficio d’inventario giacché gli effetti di tale ultimo atto – ossia la limitazione di responsabilità verso i creditori del defunto – non si riflettono sulla specifica pronuncia del Tribunale sull’ammontare del credito, ma potranno comunque essere fatti valere in un secondo momento, ossia quando l’avvocato chiederà la condanna degli eredi per il debito del defunto.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI