Diritto e Fisco | Articoli

Si può vendere un telefono con abbonamento?

4 Marzo 2020
Si può vendere un telefono con abbonamento?

Cellulare in promozione con abbonamento e prezzo ridotto: che succede se si vende prima del pagamento di tutte le rate?

Hai da poco acquistato un cellulare con una promozione: a fronte di un prezzo molto più basso di quello di mercato hai dovuto sottoscrivere un abbonamento telefonico mensile con una tariffa agevolata. Ora, però, hai intenzione di comprare un nuovo dispositivo e di vendere quello vecchio. Ti chiedi se lo puoi fare: si può vendere un telefono con abbonamento? Cerchiamo di vedere tutte le possibili ipotesi e soluzioni che si possono verificare in un caso del genere. 

Si può vendere un telefono con finanziamento in corso?

Se hai acquistato il telefono con un finanziamento ancora in corso, e pertanto lo stai pagando con rate mensili addebitate sulle bollette o corrisposte separatamente con bollettini a una finanziaria, sei libero di venderlo anche prima che il prezzo venga completamente versato. Difatti, la proprietà dell’oggetto si trasferisce con la firma del contratto: è quest’ultimo che rende efficace la vendita. Una volta quindi divenuto l’esclusivo proprietario del telefono puoi venderlo anche se ancora non lo hai pagato tutto. Chiaramente, ciò non ti libererà dall’obbligo di versare le residue rate, specie se il finanziamento è stato concordato con una finanziaria. Ecco perché, in queste ipotesi, ha senso vendere il dispositivo solo se il corrispettivo che si riceve consente quantomeno di estinguere il debito rimasto ancora in vita.

Si può vendere un telefono con una sim in abbonamento?

Quando compri un telefonino con abbonamento stai in realtà concludendo non uno ma due diversi contratti: il primo è costituito dalla vendita vera e propria dello smartphone, mentre il secondo è un contratto di abbonamento a un gestore telefonico. I due contratti sono collegati solo al momento della firma, nel senso che la promozione – costituita dallo sconto sul prezzo di vendita del dispositivo – opera solo se si sottoscrive anche l’abbonamento. Successivamente, però, i contratti restano distinti e seguono sorti autonome. Tant’è vero che la vendita esaurisce tutti i suoi effetti con la sottoscrizione del contratto (in questo momento, infatti, si trasferisce la proprietà e null’altro è dovuto se non il pagamento del prezzo), mentre l’abbonamento è un contratto di durata, ossia spiega i suoi effetti nel tempo (a fronte della disponibilità del traffico “voce” e “dati” si corrisponde un corrispettivo di solito à forfait). 

Detto ciò, è più facile comprendere come, una volta divenuto proprietario del cellulare, l’utente possa farne ciò che vuole, anche venderlo nonostante l’abbonamento sia ancora in corso.

Tuttavia, bisogna sapere che la vendita non estingue né l’obbligo di corrispondere alla compagnia telefonica le residue rate del prezzo di vendita del cellulare, né comporta il recesso dall’abbonamento mensile alla rete telefonica o internet. 

In buona sostanza, il venditore-utente, anche una volta sbarazzatosi del dispositivo, resta vincolato con la società di telefonia. Questi potrebbe, in teoria, recedere dall’abbonamento, ma solo se non è stata prevista una durata minima del contratto o se questa è già scaduta: diversamente, egli resta vincolato fino a quando non scade il termine fissato nel contratto. Viceversa, in caso di recesso anticipato, egli è di solito tenuto a corrispondere alla compagnia telefonica una penale, che è spesso di importo pari allo sconto ricevuto sul prezzo di vendita del cellulare. Egli dovrà comunque versare, anche in caso di recesso anticipato, le restanti rate del prezzo di vendita del cellulare.

Si può vendere un telefono in comodato gratuito?

Diverso è il caso di chi riceve il telefonino in comodato gratuito a fronte di un abbonamento mensile. Il comodatario, ossia colui che riceve l’oggetto, non ne diviene proprietario ma solo utilizzatore. Pertanto, non può venderlo. L’eventuale vendita implicherebbe il rischio di dover poi risarcire l’effettivo titolare del bene (la compagnia telefonica). 


note

Autore immagine https://it.depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube