Diritto e Fisco | Articoli

Se qualcuno ti querela ingiustamente come puoi difenderti?

4 Ottobre 2013


Se qualcuno ti querela ingiustamente come puoi difenderti?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 Ottobre 2013



Un tale ha presentato, nei miei confronti, una querela totalmente infondata che è stata archiviata dalla procura della Repubblica: mi conviene controquerelarlo per calunnia in un processo penale o chiedergli solo il risarcimento dei danni con un’azione civile? Che termini ho?

Chiunque accusi ingiustamente una persona, davanti a una pubblica Autorità (presentando una denuncia, una querela o un’istanza), di un reato nonostante sappia perfettamente che questa è innocente, commette un reato che si chiama calunnia.

Pertanto chi, al termine di un processo nei suoi confronti, risulti essere innocente, può controquerelare il querelante per calunnia, se dimostri che quest’ultimo ha agito in mala fede.

Nell’ambito del processo penale, poi, potrà chiedere anche il risarcimento del danno.

Ma se colui che è stato ingiustamente querelato non se la sente di intraprendere un nuovo procedimento penale, può anche solo agire per il risarcimento del danno davanti al giudice civile.

L’azione in sede civile per il risarcimento del danno, derivante dall’altrui calunnia, può infatti essere esercitata a prescindere dalla decisione di intraprendere l’azione penale. In altre parole, ove il giudizio penale non sia stato promosso per mancata presentazione della querela, il danneggiato conserva la facoltà di proporre l’azione di risarcimento del danno in sede civile.

Tale possibilità è concessa fino a cinque anni dal giorno nel quale si è verificato il fatto produttivo del danno (cosiddetta prescrizione).

Se il danno è causato dalla circolazione di un veicolo, il diritto si prescrive in due anni.

Il termine decorre dalla data del fatto, ovvero dal momento nel quale il danneggiato ha avuto sufficiente conoscenza del rapporto causale del danno lamentato [1].


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

4 Commenti

  1. la calunnia è un reato contro l’amministrazione della giustizia, come tale perseguibile d’ufficio per cui la querela è ASSOLUTAMENTE ininfluente. la calunnia sussiste SOLO allorquando il fatto denunciato come reato non è mai avvenuto, NON quando il fatto denunciato è VERO ma non costituisce reato.

  2. Va affrontato a parte il tema della distinzione tra colpa grave del querelante e dolo, inteso come consapevolezza della altrui innocenza. Nella prima ipotesi la calunnia non si configura e in sede civile vanno attentamente valutati i presupposti per un’eventuale richiesta risarcitoria.

  3. Neòlednote fornite non è precisata la circostanza che la prescrizione per chiedere il risarcimento del danno, in sede civile, decorre dal momento in cui sia stata emanata una sentenza che riconosca che il fatto denunciato non sussiste. E’ esatto ? Potete confermare ? Grazie.

  4. Ma se il reato si estingue per prescrizione può sempre esperirsi l’azione civile nei confronti del querelante sulla base del principio di legalità della presunzione di innocenza ? Tale circostanza è aggravata dal fatto che a seguito della denuncia del querelante l’imputato non è stato assunto in banca nonostante il concorso vinto, ciò a causa di un presunto antecedente penale che poi rivelatosi insussistente per estinzione prescrizionale del reato. In questo caso è necessario rinunciare alla prescrizione, se nei termini, o agire in sede civile per il risarcimento danni? Nei confronti della banca si può agire in sede civile o giudice del lavoro del lavoro ? In reintegra, in entrambi i casi è necessario o opportuno chiamare in causa il terzo querelante, o chiamare in causa la banca come terzo nel processo civile di risarcimento danni nei confronti del terzo querelante ? Gradirei un consilgio sulle strategie più opportune per agire giudizialmente. Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI