Diritto e Fisco | Articoli

Come risparmiare sulle bollette

13 Aprile 2020 | Autore:
Come risparmiare sulle bollette

Il caro vita incide negativamente sulla finanza nazionale. Le famiglie, a fronte delle ristrettezze economiche, tendono a contenere le spese. Ma è possibile utilizzare questa logica in ogni contesto?

Tra le voci di spesa più importanti e mal tollerate dalle famiglie italiane, si collocano al primo posto quelle relative alle utenze domestiche. Le bollette di luce, gas, telefono, acqua, spazzatura assorbono buona parte delle risorse economiche mensili di molte persone e costringono alcune di esse a far fronte a continue rinunce.

Ed ecco perché una delle domande che ti poni più frequentemente è: come risparmiare sulle bollette?

In linea di massima, le utenze che impongono il sacrificio economico più grande sono quelle relative alla luce e al gas. Le altre, infatti, hanno cadenza annuale e non prevedono un pagamento bimestrale periodico.

Peraltro, sai che non ci sono alternative se vuoi usufruire di tali servizi. Conosci, infatti, le conseguenze della morosità: sul prezzo iniziale si sommano sanzioni e interessi e, se l’inadempimento perdura nel tempo, si incorre nella revoca coattiva della fornitura fino al momento della regolarizzazione della propria posizione.

In questo breve articolo proveremo insieme a trovare delle soluzioni che possano rispondere adeguatamente ai tuoi bisogni.

Sul punto non è, però, il caso di farsi illusioni: non esistono delle formule magiche. Ci sono, tuttavia, degli accorgimenti che – se adottati – consentono di contenere i costi e di ottenere un buon risultato sul bilancio familiare complessivo.

Confronta le tariffe

Come avviene in tutti i settori della vita economica, non è opportuno prendere delle decisioni in maniera superficiale. Prima di scegliere il tuo fornitore di energia elettrica e di gas ti conviene rivolgerti alle diverse compagnie esistenti sul mercato per ottenere dei preventivi da confrontare.

Ormai da qualche anno la fornitura di tali servizi opera in un regime di libero mercato. Pertanto, la concorrenza che esiste tra le imprese che lavorano nel settore, le porta a proporre delle soluzioni al ribasso: a parità di qualità, se riesci a cogliere l’attimo giusto, puoi usufruire di promozioni molto interessanti.

Tale operazione preliminare ti consente di individuare la tariffa più conveniente e di adottare la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Inoltre, attraverso le informazioni che ti vengono fornite dagli operatori presenti in filiale o contattati per telefono, puoi decidere se affidare entrambe le utenze a un unico gestore oppure stipulare due contratti diversi con due differenti operatori. Prendi in considerazione, infatti, le formule “all inclusive” che, attraverso il pagamento di un’unica bolletta, ti consentono di beneficiare contemporaneamente della fornitura di energia elettrica e di gas.

Se hai una buona dimestichezza con internet e le pagine web, puoi chiedere i preventivi direttamente on line e aderire così alla promozione che reputi più valida. Il ricorso alle piattaforme virtuali, in quanto caratterizzate dall’assenza di personale da pagare, consente di ottenere degli sconti o delle agevolazioni.

Fai la scelta giusta

Se hai confrontato adeguatamente i preventivi che ti sono stati proposti, sei nelle condizioni di scegliere il fornitore al quale vincolarti. Devi, quindi, sottoscrivere un apposito contratto che, di solito, ti viene consegnato in modello precompilato. In altri termini, la maggior parte delle condizioni contrattuali sono state già inserite dalla compagnia elettrica senza lasciarti margine di scelta.

Ricorda però che è non è mai opportuno firmare un documento, ancor meno un contratto di erogazione di un servizio, senza aver attentamente letto ogni singola voce.

E questo è ancor più vero se consideri che, delle volte, vi sono delle agevolazioni di cui sei ignaro e che, invece, possono fare al caso tuo se sei adeguatamente informato.

Te ne ricordiamo soprattutto due:

  • domiciliazione della bolletta: se attivi il pagamento diretto attraverso indicazione del conto corrente, ti avvantaggi degli sconti predisposti dalla compagnia elettrica, della riduzione dei tempi morti per fare la fila alla posta e del mancato pagamento delle imposte sulle transazioni;
  • tariffa agevolata per residenti: se risiedi nella stessa casa per la quale stai attivando l’utenza oppure vivi in una Regione specifica, puoi godere di particolari bonus che ti garantiscono un ulteriore risparmio.

Evita gli sprechi

Dopo aver sottoscritto il contratto più funzionale alle tue esigenze, per poter accorciare la lista dei pagamenti è opportuno adottare delle cautele finalizzate al risparmio. In altri termini, il tuo stile di vita può incidere pesantemente sull’ammontare definitivo da pagare.

È, dunque, appena il caso di ricordarti che non solo produce inquinamento, ma grava sulle tue finanze la cattiva abitudine di utilizzare gli elettrodomestici in maniera disordinata o, ancora peggio, di tenere la casa illuminata in pieno giorno. E se poi non fai ricorso alle nuove lampadine a risparmio energetico, stai pur sicuro che il salasso mensile è assicurato.

Chiaramente, l’opportunità di utilizzare una condotta piuttosto che un’altra deve essere rapportata alle condizioni contrattuali da te sottoscritte. Per fare un esempio: devi, anzitutto, valutare se hai optato per una tariffa monoraria o bifasica. Nel primo caso, è indifferente la fascia oraria in cui utilizzi la corrente elettrica; nel secondo, godi di un risparmio accentuato se usi gli elettrodomestici durante il periodo serale.

Alcuni suggerimenti

Oltre a consigliarti di tenere una condotta compatibile con il minor dispendio energetico e di gas possibile, possiamo ricordarti che le nuove tecnologie consentono di utilizzare degli strumenti alternativi alla fornitura di corrente elettrica.

Per fare un esempio: pensa ai pannelli solari fotovoltaici. Tali congegni, che vengono impiantati direttamente sul tuo appartamento, non solo ti permettono di riscaldare casa, ma sono assoggettati a specifiche detrazioni fiscali rinnovate di anno in anno.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube