Trenitalia: prorogati i rimborsi per rinuncia ai viaggi

5 Marzo 2020
Trenitalia: prorogati i rimborsi per rinuncia ai viaggi

Le Ferrovie dello Stato estendono il bonus ai biglietti acquistati dopo il 23 febbraio se la partenza è annullata per motivi legati all’emergenza coronavirus.

Trenitalia ha prorogato i tempi per le richieste di rimborso dei biglietti su tutte le tratte italiane del Gruppo Ferrovie dello Stato in tutti i casi in cui la rinuncia al viaggio avviene per cause riconducibili al Covid-19, dalla quarantena all’annullamento di meeting, gite scolastiche o vacanze programmate.

Finora i rimborsi Trenitalia per chi rinuncia al viaggio erano previsti solo per i biglietti acquistati fino al 23 febbraio 2020, adesso questa possibilità è estesa anche ai viaggiatori che hanno acquistato i biglietti dopo tale data, indipendentemente dalla tariffa.

Potranno ottenere il rimborso integrale per rinuncia al viaggio presentando la richiesta- come spiega Trenitalia in una nota diffusa dall’agenzia stampa Adnkronos – “entro i termini indicati nelle disposizioni nazionali in materia e giustificando il mancato viaggio con i seguenti motivi:

  • per quarantena, permanenza domiciliare e per tutti i viaggi con arrivo o partenza nelle aree indicate dal provvedimento;
  • per viaggi programmati per partecipare a gite scolastiche, concorsi, manifestazioni, eventi o riunioni che sono stati annullati, rinviati o sospesi;
  • per viaggi programmati verso l’estero dove è impedito o vietato l’arrivo secondo le disposizioni emanate”.

Per i treni a media e lunga percorrenza, il rimborso integrale è erogato in forma di bonus utilizzabile entro un anno. La richiesta può essere effettuata compilando l’apposito web form disponibile su trenitalia.com o presso qualsiasi biglietteria.

Per i treni regionali, il rimborso integrale avviene in denaro. La richiesta può essere effettuata compilando l’apposito modulo on line o presso le biglietterie.

Queste misure – spiega Trenitalia nel comunicato – “si aggiungono a quelle già adottate, in via autonoma e per sensibilità sociale, da Trenitalia che ha garantito alla propria clientela il rimborso integrale, richiesto entro il 1 marzo 2020, di qualsiasi tipologia di biglietti, anche di quelli di solito non rimborsabili, con qualsiasi data di viaggio e con qualunque destinazione”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube