Tech | News

Truffa via internet: la mail sul coronavirus è un virus

6 Marzo 2020
Truffa via internet: la mail sul coronavirus è un virus

Un messaggio di posta elettronica, apparentemente proveniente dall’Oms, nasconde in realtà un tentativo di furto dei dati presenti sul nostro computer.

In un periodo di emergenza come questo è facile sottovalutare alcuni pericoli: alcuni messaggi che giungono sulle nostre caselle di posta elettronica potrebbero balzare agli occhi proprio perché parlano di coronavirus e si qualificano come provenienti dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità.

L’oggetto di questa mail è: “Coronavirus: informazioni importanti su precauzioni” e a firmarlo è tale “Dr. ssa Penelope Marchetti“. Tanto basterebbe per indurci ad aprirlo; ma in realtà è una truffa informatica, un tentativo di pishing per rubare i dati dei destinatari e basta un clic per consentirlo.  L’allegato presente nel messaggio contiene infatti un file di tipo malware, un tipo di virus in grado non solo di infettare il pc o lo smartphone ma anche di acquisire i dati in esso contenuti e di trasmetterli a ignoti malfattori.

Così oggi la Polizia Postale segnala il fenomeno e in una nota diffusa dalla nostra agenzia stampa Adnkronos avverte: “Non aprite la mail della dottoressa Marchetti!”. Il comunicato mette in guardia sui rischi di ‘infezione telematica’ e segnala a tutti gli utenti come gli hacker in questo momento, approfittando dell’epidemia da Covid-19, stanno inviando a moltissime persone questa pericolosa mail: “una volta caduti nell’inganno e aperto l’allegato, il malware in agguato all’interno della mail prenderebbe il possesso di tutti i dati sensibili del computer”, spiega la Polizia postale.

Purtroppo non è questo l’unico caso che si sta diffondendo in questi giorni; ce ne sono altri simili e altrettanto pericolosi. In proposito, leggi anche il doppio virus del Coronavirus.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube