Diritto e Fisco | Articoli

Pensione di reversibilità dell’ex: necessario l’assegno di divorzio per ottenerla

4 Ottobre 2013 | Autore:
Pensione di reversibilità dell’ex: necessario l’assegno di divorzio per ottenerla

Il divorziato può aver diritto alla pensione di reversibilità dell’ex solo se, al momento della morte di questi, godeva già di un assegno di divorzio.

Non basta essere stati sposati per avere diritto alla pensione di reversibilità dell’ex coniuge defunto.

Infatti, solo il soggetto cui il giudice abbia riconosciuto un assegno divorzile [1] avrà diritto a ottenere la reversibilità.

Ciò significa che:

1) non saranno sufficienti le sole condizioni per aver diritto all’assegno divorzile, ossia:

-non disporre di mezzi adeguati o

– essere impossibilitato per ragioni obbiettive a procurarseli [2];

2) non basterà nemmeno che l’ex coniuge deceduto, quando era in vita, abbia versato in maniera volontaria dei costanti contributi economici per sostenere il menage della famiglia.

Quello che rileva per la legge è che il divorziato, al momento della morte dell’ex, già godesse di un assegno di divorzio.

Nel caso in cui, poi, l’ex coniuge deceduto avesse contratto nuove nozze, la pensione di reversibilità dovrà essere ripartita con il coniuge superstite secondo una proporzione che tenga conto della durata del primo matrimonio [3].

È quanto ha ricordato la Cassazione [4] pronunciandosi su un caso riguardante la richiesta di una donna alla pensione di reversibilità dell’ex marito, ricevuta integralmente dalla seconda moglie di questo. La Suprema Corte aveva già pronunciato il principio in un recente precedente (vedi articolo nel box qui sotto “Precedenti favorevoli”)


Chi, alla morte dell’ex, intenda ricevere la pensione di reversibilità di quest’ultimo o anche ad una quota di essa (nel caso in cui debba essere spartita con l’eventuale coniuge di seconde nozze), dovrà già godere, al momento della morte dell’ex coniuge, di un assegno divorzile, riconosciuto dal giudice con la sentenza di divorzio.

note

 

[1] Art. 5 co.6 L. 898/70.

[2] Art. 9 co.2 L. 898/70.

[3] Art. 9 co.3 L.898/70

[4] Cass. sent. n. 9660/13.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube