Diritto e Fisco | Articoli

Come risparmiare carburante

2 Maggio 2020 | Autore:
Come risparmiare carburante

Il consumo di carburante incide notevolmente sulle spese quotidiane degli italiani. D’altronde, oggigiorno è impensabile fare a meno di un’automobile. Vediamo come contenere i costi.

La vita frenetica di tutti i giorni ti impone di utilizzare i mezzi pubblici o, quando hai particolarmente fretta, di metterti alla guida della tua macchina. La quantità di compiti quotidiani da portare a termine non lascia, peraltro, margini di scelta: anche tu sei assorbito dagli impegni familiari e lavorativi e devi spostarti rapidamente da un capo all’altro della città.

Per molte persone mettersi al volante è un piacere, per altre è una vera e propria fonte di stress: il traffico intenso, la difficoltà di trovare parcheggio, la guida spericolata di alcuni, i costi del carburante sono tutti elementi che provocano ansia e tensione nervosa.

Non è pensabile di cambiare radicalmente il proprio stile di vita o, perlomeno, non è possibile farlo nel breve periodo. Devi, però, sapere che l’adozione di alcuni piccoli accorgimenti ti permette di avere dei benefici economici. Ad esempio, proviamo a capire come risparmiare carburante. Ridurre la quantità di benzina utilizzata ti consente, infatti, di spendere di meno e di vivere più serenamente i tuoi piccoli o lunghi spostamenti in auto.

Ti presentiamo allora alcune indicazioni che ti possono essere d’aiuto.

Acquista un’automobile con bassi consumi

Se devi comprare una macchina o sostituire quella vecchia, è il momento giusto per fare un acquisto prudente e ponderato. Infatti, hai l’occasione di adottare tutti gli accorgimenti che ti consentono, tra le altre cose, di risparmiare anche sul carburante.

La nuova tecnologia adottata dalle case automobilistiche ti permette di compiere lunghi tratti di strada con una quantità minima di benzina. In particolare, si stanno immettendo sul mercato, accanto alle tradizionali macchine a diesel o a benzina, autoveicoli che sfruttano impianti a gas o che usano la formula cosiddetta ibrida.

Tali cambiamenti rappresentano la risposta sia alle esigenze economiche degli italiani sia alle necessità ambientali mondiali. Le immissioni di gas velenosi nell’aria, infatti, ha provocato un aumento pericoloso dei livelli di inquinamento.

Vediamo brevemente di cosa si tratta.

Le macchine ibride hanno un sistema di propulsione misto: infatti, al tradizionale impianto di combustione a benzina è affiancato un motore elettrico. Il doppio meccanismo di funzionamento (carburante ed elettricità) consente di beneficiare di un notevole risparmio economico (fino addirittura al 30% della quantità di benzina solitamente impiegata per spostarsi in città o in autostrada).

Sul mercato vi sono moltissimi modelli tra cui scegliere, funzionali alle esigenze tanto del single quanto della famiglia con bambini.

Se hai dei dubbi e sei alla ricerca di una soluzione efficace che non ti imponga di rinunciare allo stile, puoi chiedere aiuto ai consulenti delle concessionarie che trovi in qualsiasi filiale presente sul territorio.

Fai ricorso alle pompe bianche

Il costo del carburante è in continuo aumento: al prezzo base si aggiunge, infatti, tutta una serie di tasse che fanno lievitare la spesa finale.

Per contrastare tale tendenza, molte persone sono solite fare rifornimento presso le cosiddette “pompe bianche”. Si tratta dei classici distributori di benzina che, a differenza di quelli più noti, non sono collegati a nessun grande marchio.

In altri termini, sono sprovvisti dei costi di pubblicità e di marketing che caratterizzano i grandi sistemi di erogazione. Per fare un paragone: puoi equiparare le pompe bianche ai farmaci equivalenti presenti nelle farmacie.

Il minor prezzo del carburante ti consente, ovviamente, di acquistare una maggiore quantità di benzina e di fare percorsi più lunghi con spese ridotte.

Non utilizzare inutilmente il climatizzatore o l’impianto di riscaldamento

In estate o in inverno si tende a fare un uso smisurato ed eccessivo dell’impianto di aria fresca o di riscaldamento dell’abitacolo. Il ricorso a tale strumento, se non strettamente necessario, incide sulla quantità di benzina che consumi. Infatti, per poter funzionare, tali sistemi hanno bisogno di sfruttare l’energia che traggono dall’impianto di combustione.

Il nostro consiglio è allora questo: astieniti dall’usare il climatizzatore se le condizioni atmosferiche esterne ti consentono di godere degli stessi risultati a costo zero (ad esempio, apri i finestrini e fai circolare l’aria).

Evita, soprattutto, di lasciare la macchina accesa quando ti allontani per fare rapidamente degli acquisti (ad esempio, corri dal tabaccaio per comprare le sigarette). Oltre al pericolo che generi per la collettività se lasci un’automobile in funzionamento incustodita, sappi che, se mantieni attivi tali sistemi, la frescura o il calore che trovi al tuo ritorno ti costeranno molto caro.

Mantieni una velocità di guida costante

L’andamento che tieni alla guida è molto importante per risparmiare la maggiore quantità possibile di carburante.

Due sono, soprattutto gli accorgimenti da osservare.

Innanzitutto, conviene spegnere la macchina quando non puoi spostarti dal posto in cui ti trovi. Immagina, ad esempio, una coda chilometrica dovuta a un incidente stradale. In tali ipotesi, è assolutamente controproducente tenere il motore in funzionamento: sprechi carburante e comprometti l’ambiente circostante.

In secondo luogo, per quanto consentito dalle norme del codice della strada, è opportuno mantenere una velocità di guida costante ed evitare, soprattutto, frenate o accelerazioni improvvise.

Riduci il peso della macchina

Un ultimo aspetto da tenere in considerazione, soprattutto quando intendi affrontare un lungo viaggio in macchina, è quello del carico del bagagliaio.

Se stai dunque programmando le vacanze estive, inizia a fare un elenco delle cose veramente necessarie: appesantire inutilmente l’automobile corrisponde a imporle uno sforzo eccessivo e, di conseguenza, un maggior dispendio di benzina.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube