L’esperto | Articoli

Scioglimento comunione ereditaria: ultime sentenze

20 Aprile 2020
Scioglimento comunione ereditaria: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: domanda di scioglimento di una comunione; domanda in primo grado di divisione dell’eredità sulla base di un testamento olografo; stato di comunione ordinaria; asse ereditario in divisione; persistenza di comunione ordinaria; assegnazione di bene non comodamente divisibile nelle porzioni di più coeredi.

Scioglimento di comunione

Quando è proposta domanda di scioglimento di una comunione (ordinaria o ereditaria che sia) il giudice non può disporre una divisione che abbia ad oggetto un fabbricato abusivo o parti di esso, in assenza della dichiarazione circa gli estremi della concessione edilizia e degli atti ad essa equipollenti, come richiesti dall’art. 46 del D.P.R. 6.6.2001 n. 380 e dall’art. 40 comma 2 L. 28.2.1985, n. 47, costituendo la regolarità edilizia del fabbricato condizione dell’azione ex art. 713 c.c. sotto il profilo della “possibilità giuridica” e non potendo la pronuncia del giudice realizzare un effetto maggiore e diverso rispetto a quello che è consentito alle parti nell’ambito della loro autonomia negoziale. La mancanza della documentazione attestante la regolarità urbanistica dell’edificio e il mancato esame di essa da parte del giudice sono rilevabili d’ufficio in ogni stato e grado di giudizio.

Tribunale Catania sez. III, 04/11/2019, n.4325

Divisione ereditaria: la natura costitutiva

Gli atti di scioglimento della comunione ereditaria sono soggetti alla comminatoria della sanzione della nullità, prevista dall’art. 46, comma 1, d.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 (già art. 17 l. n. 47/1985) e dell’art. 40, comma 2, l. 28 febbraio 1985, n. 47, per gli atti tra vivi aventi per oggetto diritti reali relativi ad edifici o a loro parti dai quali non risultino gli estremi della licenza o della concessione ad edificare o della concessione rilasciata in sanatoria

Cassazione civile sez. un., 07/10/2019, n.25021

Testamento ritrovato in corso di divisione ereditaria

Una volta proposta in primo grado la domanda di divisione dell’eredità basata sulla prospettazione di una successione legittima, non costituisce domanda nuova ed è, pertanto, ammissibile in appello, quella diretta a ottenere la divisione in forza di un testamento olografo successivamente ritrovato, atteso che il titolo regolatore della successione prevale sulla disciplina legale in materia ed, inoltre, la sua deduzione non altera gli elementi essenziali del “petitum”, relativo ai beni ereditari da dividere, e della “causa petendi”, fondata sull’esistenza della comunione del diritto di proprietà in dipendenza della successione “mortis causa”.

Ne consegue che è possibile la modifica della domanda di divisione, poiché le diverse modalità di delazione dell’eredità configurano, comunque, un unico istituto e nel procedimento di scioglimento della comunione ereditaria esse non costituiscono una domanda, cosicché la parte può sempre adattarle alle evenienze e alle sopravvenienze di causa.

Cassazione civile sez. II, 27/09/2019, n.24184

Pagamento delle somme in favore dei coeredi

La sentenza con la quale il Tribunale dispone il pagamento delle somme in favore dei coeredi a titolo di conguaglio, non costituendo un atto traslativo della proprietà è soggetta all’aliquota del 3% sulla base imponibile.

In tema di imposta di registro, la sentenza con la quale il Tribunale dispone lo scioglimento della comunione ereditaria ed il pagamento delle somme in favore dei coeredi, a titolo di conguaglio (e in parte di frutti civili) e non costituisce un atto traslativo della proprietà, atteso che la consistenza dell’asse ereditario era costituita dall’unico bene già trasferito e non per effetto della suddetta pronuncia civile, non può essere applicata l’aliquota del 9% bensì quella del 3% sulla base imponibile.

Comm. trib. reg. Latina, (Lazio) sez. XIX, 18/06/2019, n.3626

Lo scioglimento della comunione ereditaria

Lo scioglimento della comunione ereditaria non è incompatibile con il perdurare di uno stato di comunione ordinaria rispetto a singoli beni già compresi nell’asse ereditario in divisione, giacché, compiute le operazioni divisionali, dirette ad eliminare la maggior parte delle varie componenti dell’asse ereditario, indiviso al momento dell’apertura della successione, la comunione residuale sui beni ereditari si trasforma in comunione ordinaria, con la conseguente possibilità, per il giudice, di attribuire, ex art. 720 c.c., un bene non comodamente divisibile, per l’intero, non solo nella porzione del coerede con quota maggiore, ma anche nelle porzioni di più coeredi che tendano a rimanere in comunione come titolari della maggioranza delle quote, a prescindere dal fatto che altri coeredi si oppongano.

Cassazione civile sez. II, 04/06/2019, n.15182

Successione legittima

In tema di successione legittima, il diritto di abitazione ed uso ex art. 540, comma 2, c.c. è devoluto al coniuge del “de cuius” in base ad un meccanismo assimilabile al prelegato “ex lege”, sicché la sua concreta attribuzione, nell’ambito di una controversia avente ad oggetto lo scioglimento della comunione ereditaria, non è subordinata alla formulazione di una espressa richiesta in tal senso.

Tuttavia, ove il giudice di primo grado abbia disposto la divisione della comunione ereditaria senza detrarre il valore capitale del menzionato diritto spettante al coniuge superstite (in aggiunta alla quota attribuita dagli artt. 581 e 582 c.c.) e questa statuizione implicita negativa sul punto non abbia formato oggetto di uno specifico motivo di impugnazione, il riconoscimento del citato diritto di abitazione ad opera del giudice di appello è impedito dalle preclusioni processuali maturate e, in specie, dal giudicato interno formatosi al riguardo.

Cassazione civile sez. II, 26/03/2019, n.8400

Giudizio di divisione ereditaria

L’istituto dell’istanza c.d. di subcollocazione del creditore, disciplinata dall’art. 511 c.p.c., consente al creditore del creditore di ottenere la realizzazione coattiva immediata del proprio diritto di credito attraverso l’assegnazione diretta delle somme che, in difetto di domanda di sostituzione, sarebbero assegnate al creditore-debitore.

La domanda di sostituzione non è assimilabile all’intervento del creditore nel processo e costituisce, piuttosto, un fenomeno processuale che trova occasione nella pendenza di una procedura esecutiva e nella conseguente esistenza di una somma ricavata da distribuire, del tutto svincolata, quindi, dalla sussistenza dei presupposti per l’esercizio dell’azione esecutiva.

Ciò detto, tale istituto non è ammissibile nell’ambito del giudizio avente ad oggetto scioglimento della comunione ereditaria perché gli atti di vendita di immobili a mezzo notaio, posti in essere nell’ambito del procedimento di scioglimento di comunione ereditaria, pur essendo disciplinati dagli art. 570 ss. c.p.c., espressamente richiamati dall’art. 788, comma 3, c.p.c., non sono riconducibili ad una azione esecutiva, avendo solo funzione attuativa dello scioglimento della comunione.

Tribunale Torino sez. II, 08/01/2019, n.41

Garanzia della trasparenza delle operazioni divisionali

In tema di scioglimento della comunione ereditaria, il criterio dell’estrazione a sorte nel caso di uguaglianza di quote stabilito dall’art. 729 c.c. a garanzia della trasparenza delle operazioni divisionali contro ogni possibile favoritismo, non ha carattere assoluto, ma soltanto tendenziale, e, pertanto, è derogabile in base a valutazioni discrezionali, che possono attenere non soltanto a ragioni oggettive, legate alla condizione funzionale ed economica dei beni, ma anche a fattori soggettivi di apprezzabile e comprovata opportunità.

Tribunale Gorizia, 08/10/2018, n.431

La sentenza di scioglimento della comunione ereditaria

Le sentenze di accertamento (così come quelle di costitutive) non hanno l’idoneità, con riferimento all’art. 282 c.p.c., ad avere efficacia anticipata rispetto al momento del passaggio in giudicato, atteso che la citata norma, nel prevedere la provvisoria esecuzione delle sentenze di primo grado, intende necessariamente riferirsi soltanto alle pronunce di condanna.

Di conseguenza la statuizione, resa nel giudizio di scioglimento della comunione ereditaria inter partes, in punto di non comoda divisibilità del bene e di vendita dello stesso, siccome oggetto di rituale impugnazione non può avere, stante la propria natura di accertamento e non di condanna, efficacia esecutiva anticipata.

Tribunale Lucca, 28/09/2018, n.1389

La domanda riconvenzionale

Qualora sia chiesta in giudizio la divisione ereditaria di un bene immobile e il convenuto abbia proposto una riconvenzionale devoluta alla competenza della sezione specializzata agraria, la “vis attractiva” di tale competenza non opera con riferimento alla domanda principale di scioglimento della comunione ereditaria.

Cassazione civile sez. II, 22/01/2018, n.1527

Il giudicato sullo scioglimento della comunione ereditaria 

In considerazione dell’autonomia e della diversità dell’azione di divisione ereditaria rispetto a quella di riduzione, il giudicato sullo scioglimento della comunione ereditaria in seguito all’apertura della successione legittima non comporta un giudicato implicito sulla insussistenza della lesione della quota di legittima, sicché ciascun coerede condividente, pur dopo la sentenza di divisione divenuta definitiva, può esperire l’azione di riduzione della donazione compiuta in vita dal de cuius in favore dell’altro coerede dispensato dalla collazione, chiedendo la reintegrazione della quota di riserva e le conseguenti restituzioni; il semplice riferimento alla idoneità delle donazioni a determinare la riduzione della quota indisponibile, deve essere inteso, in assenza di un’esplicita domanda di riduzione delle donazioni stesse, come riferibile alla possibilità di un successivo esperimento dell’azione di riduzione, ove il risultato della divisione non avesse assicurato ai ricorrenti il conseguimento di quanto dalla legge riconosciutogli, sulla base delle norme in materia di successione necessaria.

Cassazione civile sez. VI, 11/01/2018, n.536

Domanda di riduzione proposta dall’erede del legittimario

Qualora dal comportamento del legittimario sia possibile desumere, in maniera inequivoca, l’intenzione di rinunciare a far valere il proprio diritto potestativo di agire in riduzione per la reintegrazione della quota di riserva spettantegli sulla successione del coniuge, deve essere rigettata la domanda di riduzione e scioglimento della comunione ereditaria proposta, nella qualità di erede, da uno dei figli del legittimario, per rinuncia tacita di quest’ultimo.

(Nel caso di specie, la legittimaria aveva assunto un contegno, successivo alla morte del marito, assolutamente incompatibile con la volontà di far valere il diritto alla reintegrazione della quota di riserva spettantele per legge, avendo acconsentito o, comunque, non essendosi opposta agli atti di liberalità posti in essere dal marito a favore di uno solo dei figli).

Tribunale Palermo, 24/11/2017

Scioglimento della comunione e assegnazione del bene

Lo scioglimento della comunione ereditaria con assegnazione di un bene ad un condividente non è qualificabile come atto di alienazione e, quindi, non viola il relativo divieto imposto dal testatore, in quanto l’effetto “dichiarativo-retroattivo” della divisione rende ogni comproprietario titolare di quanto attribuitogli fin dall’epoca di apertura della successione.

Cassazione civile sez. II, 07/11/2017, n.26351



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube