Pagamento cartelle in ritardo: cosa si rischia

10 Marzo 2020 | Autore:
Pagamento cartelle in ritardo: cosa si rischia

C’è un margine di 5 giorni per versare interamente le rate, altrimenti i benefici della rottamazione e del saldo e stralcio decadono.

Tolleranza zero. Non c’è coronavirus che tenga: se il pagamento delle cartelle avviene in ritardo, saltano i benefici della pace fiscale. Un problema che si pone, soprattutto, nei casi in cui non c’è il ravvedimento operoso, come per la rottamazione e per il saldo e stralcio. In questi due casi, se il pagamento è incompleto o se non si rispetta la scadenza, i termini di prescrizione e di decadenza ripartono da zero e continua l’attività di riscossione senza poter più versare il debito a rate. Ciò che è stato pagato prima diventa un acconto.

Come ricorda questa mattina Il Sole 24Ore, grazie alla rottamazione ter è stato possibile estinguere i debiti risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017, senza versare le sanzioni comprese in tali carichi, gli interessi di mora, o le sanzioni e le somme aggiuntive.

Con il saldo e stralcio, invece, è stato possibile definire i debiti delle persone fisiche in grave e comprovata situazione di difficoltà economica e affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017, derivanti dall’omesso versamento di imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività di accertamento a fini Irpef e Iva, a titolo di tributi e relativi interessi e sanzioni. Si potevano definire anche i carichi derivanti dall’omesso versamento dei contributi dovuti dagli iscritti alle Casse previdenziali professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’Inps, con esclusione di quelli chiesti a seguito di accertamento. Le persone fisiche, che hanno potuto accedere al saldo e stralcio, hanno beneficiato di sconti variabili dal 65 al 90 per cento.

Per quanto riguarda la scadenza, sia per la rottamazione ter o per il saldo e stralcio c’è un margine di cinque giorni, oltre i quali o si pagano le rate interamente e per tempo oppure c’è la decadenza del beneficio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube