Questo sito contribuisce alla audience di
Politica | News

Coronavirus: misure economiche in arrivo

10 Marzo 2020
Coronavirus: misure economiche in arrivo

Paese allo stremo. Renzi: ora avanti tutta con le misure economiche.

L’emergenza sanitaria da Coronavirus porterà gravi conseguenze all’economia italiana. Questo è sotto gli ochhi di tutti. In un video postato su Fb, Matteo Renzi annuncia che: “Domani sarò in Senato per chiederlo al governo ad alta voce è giusto dire restare a casa, ma può farlo chi sa che può contare sulla cassa integrazione, anche nelle piccole realtà, sul rinvio dei mutui”, sulla possibilità di “sospendere le tasse e poi rateizzarle quando arriverà il momento di pagarle”.

“Bisogna pompare e iniettare liquidità nel sistema, altrimenti l’emergenza sanitaria non sarà vinta perché preverrà quella economica – rimarca – Mettiamo tutti gli strumenti economici e finanziari per
vincere la sfida”. Sulla stretta sanitaria decisa ieri, dopo il numero in aumento di contagi, “noi siamo d’accordo, l’avevamo proposto già qualche giorno fa – dice –  Siamo convinti che sia la scelta giusta per il paese, sapendo che ci sono tanti limiti, problemi difficoltà, ma pensiamo che questa sia la soluzione per limitare la diffusione del contagio. Se il contagio si diffonde con questi ritmi , c’è il rischi che collassi il nostro SSN”.

E a rischio di finire in terapia intensiva, ricorda l’ex premier oggi leader di IV, sono i “Nostri nonni, ma anche le persone della nostra età, in alcuni casi purtroppo anche persone più giovani”. Dunque avverte “la zona rossa nelle prossime settimane diventerà tutta Europa, nei prossimi 5-10 giorni, se il contagio continua a questi ritmi, e quindi diciamo ai nostri amici europei: non perdete tempo”. “L’Italia è un po’ la cavia, da noi virus é arrivato prima, ma fate tesoro delle nostre scelte e anche dei nostri errori per poter anticipare prima e ridurre i rischi. E’ una pandemia, lo e già – osserva Renzi – La vinceremo quando arriverà io vaccino e io sono sicuro che sarà italiano perché l’Italia è una superpotenza”.

Ma chiunque arrivi prima, per l’ex premier, quel che conta è che “La ricerca si sta prendendo una rivincita, rispetto agli apprendisti stregoni, a quelli che spargevano fake news, non si trova un no-vax nemmeno a pagarlo”.

“Non ci viene chiesto di andare in guerra ma di cambiare il nostro stile di vita, possiamo farlo, lo faremo, però attenzione bisogna avere l’intelligenza e la forza di dire che l’Italia deve tenere insieme tutte e due le condizioni: l’attenzione straordinaria alla salute e contemporaneamente la capacità di assicurare alle piccole e medie imprese la liquidità per andare avanti”, conclude.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube