Diritto e Fisco | Articoli

Posso demolire la canna fumaria nascosta nella colonna condominiale?

14 Marzo 2020
Posso demolire la canna fumaria nascosta nella colonna condominiale?

Il mio vicino (proprietario dell’appartamento sotto il mio) da più di venti anni fa uscire i fumi del suo camino attraverso una canna fumaria murata dentro una colonna di scarico condominiale. Posso demolirla?

Occorre dire quanto segue:

  • la Corte di Cassazione ha più volte precisato (ad esempio con sentenza n. 434 del 28 gennaio 1985) che è possibile l’esistenza di una servitù a favore di un singolo condomino e a carico di beni comuni: questo vuol dire che nel suo caso è possibile, ricorrendone tutti i presupposti di legge, che il proprietario del piano inferiore abbia usucapito il diritto di passaggio dei fumi di scarico del suo camino attraverso una canna che attraversa una colonna di proprietà condominiale;
  • in un caso come il suo c’è l’apparenza della servitù (e, di conseguenza, la possibilità di usucapire il diritto di scarico dei fumi) anche se risultano visibili soltanto i fumi provenienti dal torrino della canna, posto sul soffitto, che li conduce all’esterno (in questo senso si è espresso il Tribunale di Milano con sentenza n. 14.529 del 9 dicembre 2008);
  • bisogna distinguere il rapporto esistente tra i proprietari privati dei beni coinvolti nella vicenda ed il rapporto tra privato e pubblica amministrazione: questo vuol dire che anche se il suo vicino dimostrasse di aver usucapito il diritto di condurre all’esterno i fumi del suo camino attraverso una canna posizionata all’interno di una colonna condominiale, il Comune se accertasse (mediante sopralluoghi) che le opere, da lui realizzate per far evacuare i fumi, fossero abusive conserverebbe sempre il potere di ordinarne la demolizione (anche quindi, mi ripeto, se il proprietario avesse acquistato per usucapione, nei confronti degli altri condomini, il diritto di far passare i fumi attraverso di esse).

Preciso infine che il Comune, invece di ordinare la demolizione della canna fumaria abusiva del suo vicino, potrebbe concedere, su sua richiesta, la sanatoria dell’opera (dietro versamento di una somma di denaro a titolo di oblazione) se verificasse che l’opera abusiva fosse sanabile secondo le vigenti norme di legge.

Articolo tratto da consulenza resa dall’avv. Angelo Forte


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube