Attenzione: pesticidi nelle bacche di Goji

11 Marzo 2020
Attenzione: pesticidi nelle bacche di Goji

Richiamo dal ministero della Salute per numerosi lotti di frutti rossi provenienti da uno stabilimento in provincia di Rovigo.

L’allerta, stavolta, riguarda le bacche di Goji. Dopo i richiami dei giorni scorsi, per frammenti di vetro in alcune salse di pomodoro ed escherichia coli in un particolare tipo di taleggio, sono i frutti rossi dai tanti benefici a finire nel mirino del ministero della Salute.

Il dicastero di Roberto Speranza ha ritirato dal commercio per rischio chimico numerosi lotti di prodotto a marchio Mainardi Nicola srl. Le bacche in questione vengono dallo stabilimento di Lendinara, provincia di Rovigo.

Il motivo del richiamo è la presenza di carbofuran ed esaconazolo in quantità superiore ai valori di legge [1]. Si tratta di due pesticidi.

Il richiamo del ministero della Salute riguarda i seguenti prodotti, alcuni contenuti in piccoli vassoi incellofanati e altri in buste:

  • vassoi da 130 grammi, lotti 190305021 scadenza 31/03/2020; 190307093 scadenza 31/03/2020; 190401005 scadenza 30/04/2020; 190306017 scadenza 31/03/2020; 190313049 scadenza 31/03/2020; 190213019 scadenza 29/02/2020; 190315013 scadenza 31/03/2020; 190227031 scadenza 29/02/2020; 190325111 scadenza 31/03/2020;
  • busta da 2,5 chili lotto 190318079 scadenza 31/03/2020;
  • busta da 500 grammi lotto 190314045 scadenza 31/03/2020;
  • busta da 100 grammi lotto 190219075 scadenza 29/02/2020; 190305008 scadenza 31/03/2020; 190404070 scadenza 30/04/2020.

Si raccomanda di non consumare il prodotto che riporta questi numeri di lotto e, laddove sia già stato acquistato prima del richiamo ministeriale, restituirlo al punto vendita dov’è stato comprato.


note

[1] art. 18 co. 1 regolamento CE 396/95.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube