Cronaca | News

Coronavirus: l’elenco completo di chi resta aperto

12 Marzo 2020 | Autore:
Coronavirus: l’elenco completo di chi resta aperto

Tutti i negozi e le attività che hanno il permesso ti tirare su la serranda. Che succede con le attività imprenditoriali o professionali.

Era nell’aria, l’avevamo scritto ieri che l’Italia si stava preparando alla chiusura totale. Ecco che è arrivata. L’emergenza coronavirus porta da oggi il Paese ad una situazione mai vissuta nella storia della Repubblica. Tutta la Penisola è diventata zona rossa. Si esce di casa solo se c’è stretto bisogno di farlo. Niente cena al ristorante, nemmeno a due metri di distanza l’uno dall’altro. Niente caffè al bar. Meglio comprare la tinta al supermercato (quello sì resta aperto) e farsela da soli in casa, perché non si troverà un parrucchiere aperto. L’Italia appende il cartello «chiuso per coronavirus» e resterà in bella vista per un paio di settimane. Poi, come ha detto ieri sera il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nell’annunciare le nuove misure restrittive, vedremo i risultati.

Alcune attività, però, possono restare aperte per garantire i servizi essenziali ai cittadini. Decreto alla mano, si tratta delle attività commerciali di vendita di generi alimentari e di prima necessità. Ecco l’elenco completo:

  • Ipermercati;
  • supermercati;
  • discount di alimentari;
  • minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari;
  • commercio al dettaglio di prodotti surgelati;
  • commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici;
  • commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2);
  • commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati;
  • commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4);
  • commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico;
  • commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari;
  • commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione;
  • commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici;
  • farmacie e parafarmacie;
  • commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica;
  • commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati;
  • commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale;
  • commercio al dettaglio di piccoli animali domestici;
  • commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia;
  • commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento;
  • commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini;
  • commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via Internet;
  • commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione;
  • commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono;
  • commercio effettuato per mezzo di distributori automatici;
  • lavanderie, tintorie e lavanderie industriali;
  • servizi di pompe funebri e attività connesse.

Chiusi invece i mercati, salvo le attività di vendita di soli generi alimentari.

Restano aperti anche:

  • tabaccai;
  • benzinai;
  • mense e catering continuativo su base contrattuale;
  • ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto;
  • esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali;
  • banche, servizi finanziari e servizi assicurativi;
  • attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi;
  • il trasporto pubblico, il cui servizio può essere rivisto con soppressioni o limitazioni dai presidenti delle Regioni;
  • gli uffici pubblici.

Tutti comunque, sono tenuti a garantire e a far rispettare la distanza di almeno un metro tra le persone.

Per quanto riguarda le attività produttive e professionali, il decreto non usa più le parole «sospensione» o «divieto» ma «raccomandazione». Il Governo raccomanda, infatti, che:

  • sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
  • siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
  • siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
  • assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
  • siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;
  • siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni.


7 Commenti

    1. Grazie mille SAndro. Continua a seguire il nostro portale. Ogni giorno puoi trovare tantissime news e articoli sempre aggiornati.

  1. Io lavoro in uno studio medico visite specialistiche a pagamento…. sono costretta ad andare perché nn hanno chiuso , la mia collega responsabile è a casa da sett scorsa….posso rifiutarmi e mettermi in auto ferie x la mia sicurezza personale ????

  2. Buongiorno avrei bisogno di un chiarimento ! Se devo andare a fare la spesa posso farlo che siano 10 prodotti o 50 ? Mi serve l’autocertificazione ? Stiamo seguendo le regole ma dobbiamo anche capire cosa possiamo e non possiamo fare.
    Grazie.

  3. Buondì. Ho una Assoc dove si effettuano i ricorsi verso prefetture per verbali elevati su strada. Poiché sono in scadenza e vanno spediti entro 60 gg. dalla notifica ( essendo stati notificati a gennaio ) posso recarmi da casa sul posto di lavoro e con quale autorizzazione ? Grazie e complimenti per l’impegno a informarmi su tutti gli argomenti legali e non.

  4. E’ stato lasciato aperto solo quelle attività che proprio servono a poco o che non sono affollate da avventori accaniti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube