Diritto e Fisco | Articoli

Querela via web: come si fa?

14 Maggio 2020 | Autore:
Querela via web: come si fa?

Denuncia online: cos’è, come si prepara e a cosa serve? Per quali reati si può sporgere querela a mezzo internet? Occorre recarsi di persona presso le autorità?

Se sei stato vittima di un crimine non devi esitare a sporgere denuncia: le autorità inquirenti sono infatti costrette a intervenire ogni volta che viene segnalata una notizia di reato. Per sporgere una denuncia/querela devi presentarti presso la caserma dei carabinieri o la stazione di polizia a te più vicina e descrivere quanto ti è accaduto. Questo adempimento, tuttavia, potrebbe essere di gran lunga facilitato mediante lo strumento della querela via web. Di cosa si tratta?

La giustizia italiana mette a disposizione di tutti i cittadini un servizio che permette di anticipare il proprio atto di denuncia inserendo nell’apposita pagina internet le proprie generalità e le informazioni essenziali inerenti al fatto che si intende segnalare. Come ti spiegherò, però, la denuncia online rappresenta solamente un primo passaggio, in quanto successivamente occorrerà comunque recarsi presso le autorità. Se ne vuoi sapere di più su questo argomento, prosegui nella lettura: ti spiegherò come si fa una querela via web.

Querela online: a cosa serve?

Il sistema di querela online è stato messo a punto dalle autorità al fine di consentire alla polizia giudiziaria di poter lavorare con maggiore efficacia.

I vantaggi della denuncia via web sono i seguenti: da un alto, la vittima può sedersi al proprio pc e buttare giù la segnalazione con i dettagli che ritiene più opportuno indicare; dall’altro, le autorità potranno velocizzare la raccolta della denuncia/querela in quanto, quando la vittima si recherà di persone presso le forze dell’ordine, sarà sufficiente confermare le circostanze già indicate e sottoscrivere l’atto.

Querela via web: quando si può fare?

Al momento, è possibile sporgere una querela via web solamente per i seguenti reati:

  • furto ad opera di ignoti;
  • ogni tipo di reato informatico (accesso abusivo, frode a mezzo internet, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici e telematici, ecc.);

È altresì possibile presentare una denuncia via web nel caso di smarrimento del proprio documento d’identità ovvero di documento equipollente.

Querela via internet: come si fa?

Vediamo ora come si fa una querela via web. Innanzitutto, devi collegarti alla pagina del sito dei carabinieri o della polizia dedicata, appunto, alla denuncia online.

Bisognerà innanzitutto registrarsi, inserendo le proprie generalità complete. L’inserimento dei dati anagrafici confluirà direttamente nel corpo della comunicazione di qualsiasi denuncia, per cui non sarà necessario in futuro reinserirli, tranne che per modificarli, rendendo quindi più veloce il percorso dell’atto negli uffici di polizia.

Allo stesso tempo, i dati personali inseriti verranno anche analizzati dal sistema e permetteranno di evidenziare eventuali anomalie dovute ad un uso illecito e fraudolento delle generalità.

Occorre poi effettuare una scelta indicando presso quali uffici presenti sul territorio bisognerà poi recarsi personalmente per perfezionare l’iter di presentazione della denuncia.

Si tratta di una scelta importante, in quanto il servizio archivierà la querela entro le 48 ore successive all’inoltro online. Trascorso tale termine il sistema cancellerà automaticamente il documento inviato, ma sarà comunque sempre possibile ripetere l’atto, sia nelle modalità tradizionali, sia tramite procedura web.

Al termine della procedura di compilazione, il sistema rilascerà una ricevuta on line, un numero di protocollo con il quale potrete richiamare la pratica nell’ufficio da voi prescelto.

Cosa fare dopo la querela online?

La procedura indicata nel paragrafo precedente è fondamentale per sporgere una querela via web. Per completare la procedura, però, occorre recarsi fisicamente presso l’ufficio delle forze dell’ordine indicato nella compilazione della denuncia online.

Come detto sul finire del precedente paragrafo, al termine dell’operazione il sistema rilascia una ricevuta elettronica e un numero di protocollo con il quale sarà possibile recuperare la pratica presso l’ufficio dei Carabinieri o di Polizia prescelto.

La procedura online, dunque, non sostituisce la querela vera e propria: l’atto compilato in internet è solo lo schema sul quale sarà poi possibile effettuare, nell’ufficio prescelto, eventuali integrazioni, ed assumerà valore legale di denuncia solo con la sottoscrizione davanti all’ufficiale di polizia giudiziaria.

In buona sostanza, la querela via web consente soltanto di preparare un modello di denuncia che poi assumerà i connotati della vera denuncia/querela soltanto con la sottoscrizione reale.

Dunque, se hai compilato la tua querela via web inserendo tutti i dati richiesti, sappi che devi recarti entro 48 ore presso l’ufficio (stazione o comando) che ha scelto nella procedura online affinché tu possa sottoscrivere di tuo pugno l’atto di querela.

Solamente dopo che l’ufficiale di polizia giudiziaria ti ha identificato e fatto sottoscrivere l’atto questo potrà essere trasmesso alla Procura della Repubblica territorialmente competente per l’inizio delle indagini.


note

Autore immagine: Canva.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube