Cronaca | News

Controlli coronavirus: c’è ancora troppa gente in giro

12 Marzo 2020
Controlli coronavirus: c’è ancora troppa gente in giro

Non bisogna uscire di casa se non per motivi di necessità, salute o lavoro. 

Dopo l’emanazione dell’ultimo decreto ministeriale, arrivato ieri in tarda serata, oggi bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti e negozi sono chiusi. Serrande alzate invece per supermercati, farmacie, parafarmacie e uffici comunali aperti al pubblico. Il messaggio è univoco: bisogna restare a casa. Lo ribadisce il sindaco di Verona Federico Sboarina in una nota stampa dell’agenzia Adnkronos.

Il sindaco sottolinea che “C’è ancora troppa gente in giro, per questo stiamo mandando i nostri agenti a controllare e spiegare l’emergenza a chi è ancora fuori in strada, per far capire alle persone che non devono uscire se non per motivi di necessità, salute o lavoro – ha detto il primo cittadino -. Oggi è il primo giorno anche a Verona di chiusura totale, comprese le misure che abbiamo deciso ieri, accesso vietato in tutti i parchi giochi, controlli nelle aree verdi non recintate, mercati annullati. La salute pubblica in questo momento è la priorità, se è necessario siamo pronti a rafforzare le misure”.

Per disincentivare gli spostamenti delle persone, le Forze dell’ordine stanno controllando strade e piazze, fermando anche quanti girano a piedi. E nei quartieri, da oggi pomeriggio, 3 pattuglie della Polizia locale munite di megafoni inviteranno i cittadini a tornare nelle loro abitazioni. Ieri sono state 171 le persone fermate e 63 gli esercizi commerciali controllati, nessuna denuncia è scattata per violazione al decreto ministeriale.

“Siamo in guerra, contro un nemico invisibile e per questo ancora più difficile da combattere – ha continuato il sindaco – ma abbiamo l’arma per farlo, restare dentro casa per limitare il contatto tra le persone. Questo è il momento di stringere i denti e fare i sacrifici che vanno fatti, per la salute nostra e della comunità. I veronesi stanno capendo che dobbiamo essere ancora più bravi. Ieri ho sentito alcuni sindaci della Lombardia per esprimere loro la nostra vicinanza, la situazione è davvero drammatica, per questo noi abbiamo l’obbligo di fare tutto il possibile per contenere l’emergenza”.

Tante, invece, le domande dei cittadini. In sole tre ore, dalle 8 alle 11 di questa mattina, il numero verde comunale 800644494 ha registrato 538 telefonate per chiarimenti e informazioni. Ben 195 le chiamate conteggiate ieri pomeriggio, subito dopo l’attivazione del nuovo canale di assistenza telefonica. “Rispondiamo a tutti nella maniera più esaustiva possibile, grazie a operatori adeguatamente formati che ovviamente si attengono alle indicazioni dei decreti del governo – ha spiegato Sboarina -. A tutti coloro che mi chiedono personalmente se possono fare o meno una passeggiata o una corsa all’aria, io però rispondo di no, di stare a casa e rimandare quello che non è necessario. Tra qualche settimana, se rispetteremo queste misure, potremo tutti tornare alla vita di prima”.

Chiudendo il bilancio di provvedimenti, verifiche e restrizioni, il sindaco ha voluto lanciare un pensiero positivo: “girando assieme agli agenti per i controlli, mi sono reso conto che questo momento drammatico sta facendo crescere l’empatia tra le persone. Siamo una comunità e lo stiamo dimostrando affrontando insieme questa emergenza. Si è capito che ognuno può fare dei sacrifici per tutelare se stesso e mettere in sicurezza gli altri. Sono orgoglioso dei veronesi e del senso di responsabilità che stanno dimostrando. Assieme possiamo vincere e spero che, ad emergenza rientrata, resti questo ritrovato spirito di unione”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube