Politica | News

Coronavirus, Salvini invoca la chiusura totale

12 Marzo 2020
Coronavirus, Salvini invoca la chiusura totale

Da Facebook il leader della Lega bacchetta il Governo sull’ultimo decreto anti Covid-19 e chiede di blindare il paese, lasciando aperti solo i punti vendita per mangiare e per curarsi.

Matteo Salvini attacca da Facebook. Con una diretta pubblicata nel pomeriggio dalla sua pagina contesta l’ultimo provvedimento della presidenza del consiglio dei ministri, che chiude i negozi ma non del tutto.

“Quello che è stato fatto fino ad ora non basta – afferma Salvini nel video -. Lo dicono gli italiani, che nella vita reale di oggi ancora non capiscono chi perché come quando. Se occorre chiudere si chiude e basta. Questa – e la mostra nel filmato – è la lettera ufficiale di regione Lombardia di ieri che chiedeva per i negozi, per gli artigiani e il commercio la chiusura totale. Che senso ha costringere a rimanere aperti quei negozi vuoti? Se gli italiani non possono andare in giro non vanno in tabaccheria, in lavanderia, in ferramenta. Chiediamo agli artigiani la reperibilità e lasciamo aperto l’indispensabile per mangiare e per curarsi”.

Secondo Salvini, il provvedimento del Governo non è chiaro e lascia il cerino in mano ai governatori delle regioni, che provvedono a propria discrezione a gestire l’emergenza, ma anche agli imprenditori, alcuni dei quali avevano deciso di chiudere ben prima del decreto del Governo. “Non è stato deciso nulla – dichiara il leader della Lega -. Tutto è lasciato al buon cuore degli imprenditori italiani che sono eroici, ma siccome non c’è alcuna prescrizione nel decreto alcuni imprenditori hanno scelto di salvare i propri dipendenti e di chiudere”. Riporta alcuni esempi pratici: Tod’s, Kiko, Calzedonia. Tutte aziende che hanno chiuso bottega su tutto il territorio nazionale per proteggere se stesse e i clienti.

“Non è un’influenzina – continua Salvini -. La situazione mi sembra stia sfuggendo di mano. Bisogna fare in fretta. Siamo come in guerra. E se sei in guerra non ci sono mezze misure. Segnatevelo: entro questa settimana sarà superata in Italia quota mille morti“.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. chiedo di fare pervenire ai nostri politici del governo di bloccare i pignoramenti della prima cada …vi scongiuro intervenite

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube