Diritto e Fisco | Articoli

Pensione: come viene pagata?

15 Maggio 2020 | Autore:
Pensione: come viene pagata?

Modalità di pagamento delle prestazioni pensionistiche riconosciute dall’Inps: quale scegliere, quali dati indicare nella domanda di pensione.

Le prestazioni pensionistiche riconosciute dall’Inps sono numerose: dalla pensione di vecchiaia ordinaria alla quota 100, dalla pensione anticipata all’assegno ordinario d’invalidità.

L’importo della pensione dipende da diversi fattori, tra i quali l’anzianità contributiva, l’ammontare dei contributi accreditati, la retribuzione pensionabile. Ma con quali modalità può essere corrisposto l’assegno pensionistico riconosciuto dall’Inps?

In altre parole, la pensione come viene pagata?

Innanzitutto, è bene tener presente che l’assegno di pensione può essere pagato presso la propria banca, alle Poste o presso un ufficio pagatore estero, in base alla scelta del pensionato.

Quando deve essere fatta la scelta? Bisogna scegliere la modalità di pagamento contestualmente alla presentazione della domanda di pensione: chi presenta la domanda di pensione online, autonomamente, tramite il sito dell’Inps, nel riquadro “pagamento” della procedura deve scegliere tra una delle seguenti opzioni:

  • banca;
  • posta;
  • estero.

Vediamo allora nel dettaglio come impostare il metodo di pagamento della pensione. Ricordiamo che alcune scelte specifiche sono riservate solo a determinate categorie di pensionati.

Pagamento presso la banca

Se il richiedente desidera che la prestazione pensionistica sia liquidata presso una banca, deve in primo luogo spuntare la casella “banca” e selezionare una modalità di pagamento tra quelle proposte:

  • sportello (questa modalità non è prevista per gli iscritti presso le gestioni di previdenza dei dipendenti pubblici);
  • conto corrente;
  • libretto di risparmio nominativo;
  • carta prepagata.

Chi dunque non ha il conto corrente, ma ha solo una carta prepagata, deve selezionare “banca” quale metodo di pagamento.

Sportello bancario

Chi ha scelto lo sportello della banca quale modalità di pagamento (ai pensionati ex dipendenti pubblici questa scelta non è consentita), deve compilare la sezione “informazioni pagamento” con le seguenti informazioni:

  • codice Abi;
  • codice Cab.

Al termine dell’inserimento dei dati si deve cliccare il tasto “valida”, per visualizzare il riepilogo delle informazioni inserite e l’indirizzo dell’agenzia.

Il richiedente, attraverso l’apposito chek box “Delegato alla riscossione”, ha la possibilità di aggiungere un delegato per riscuotere la pensione (se non ve ne sono, bisogna procedere con la pressione del pulsante “Salva e prosegui”).

Se risultano già registrati dei delegati associati alla domanda (o altri soggetti acquisiti in precedenza), il sistema li visualizza all’interno di un menu a tendina dal quale è possibile selezionarli; in caso contrario, è sempre possibile aggiungere un nuovo soggetto attraverso il tasto “nuovo soggetto “ (in tal caso, lo si deve ricercare negli archivi mediante il codice fiscale ed è necessario inserire gli eventuali dati mancanti: residenza, cittadinanza, etc.).

Dopo aver selezionato il delegato vengono visualizzati i suoi dati, se sono presenti all’interno di domande già presentate dallo stesso richiedente:

  • dati anagrafici,
  • cittadinanza,
  • residenza.

Bisogna poi cliccare sul pulsante “prosegui”, per visualizzare la maschera riepilogativa, contenente anche il nominativo del delegato. Terminata la scelta della modalità di pagamento, è necessario cliccare il pulsante “Salva e prosegui”, per accedere ai quadri successivi.

Conto corrente

Se viene scelta la modalità di pagamento “conto corrente”, compare la sezione “informazione pagamento”, da compilare con le seguenti informazioni:

  • Iban;
  • Bic (opzionale);
  • bisogna poi indicare se il conto corrente è intestato al solo richiedente la prestazione, oppure se è cointestato.

Al termine dell’inserimento dei dati si deve cliccare il tasto “valida”, per visualizzare il riepilogo delle informazioni inserite e l’indirizzo dell’agenzia. Terminata la scelta della modalità di pagamento, è necessario cliccare il pulsante “Salva e prosegui”, per accedere ai quadri successivi.

Libretto di risparmio nominativo

Se viene scelta la modalità di pagamento “libretto di risparmio nominativo”, compare la sezione “informazione pagamento”, da compilare con le seguenti informazioni:

  • Iban;
  • bisogna poi indicare se il libretto è intestato al solo richiedente la prestazione, oppure se è cointestato.

Dopo aver inserito i dati, si deve cliccare il tasto “valida”, per visualizzare il riepilogo delle informazioni inserite e l’indirizzo dell’agenzia.

Terminata la scelta della modalità di pagamento, è necessario cliccare il pulsante “Salva e prosegui”, per accedere ai quadri successivi.

Carta prepagata

Se viene selezionata la modalità di pagamento “carta prepagata”, compare la sezione “informazione pagamento”, da compilare con il solo codice Iban.

Al termine dell’inserimento dei dati si deve cliccare il tasto “valida”, per visualizzare il riepilogo delle informazioni inserite e l’indirizzo dell’agenzia. Terminata la scelta della modalità di pagamento, è necessario cliccare il pulsante “Salva e prosegui”, per accedere ai quadri successivi.

La pensione può dunque essere accreditata senza particolari problemi nella carta prepagata, come se si trattasse di un conto corrente. Alla data di scadenza della carta si dovrà ovviamente avere l’accortezza di modificare il metodo di pagamento.

Pagamento alle Poste

Se il richiedente desidera che la prestazione pensionistica sia liquidata presso le Poste, deve innanzitutto selezionare il check box “posta” e selezionare una modalità di pagamento tra quelle proposte:

  • sportello;
  • conto corrente postale;
  • libretto di risparmio nominativo.

Sportello postale

Se l’interessato seleziona la modalità di pagamento “sportello” (ai pensionati ex dipendenti pubblici questa scelta non è consentita), compare innanzitutto la sezione sulle informazioni di pagamento, attraverso la quale ricercare l’ufficio postale desiderato.

La ricerca dell’ufficio postale può avvenire attraverso due differenti criteri:

  • provincia/comune,
  • frazionario (numero distintivo assegnato ad ogni ufficio postale).

Se si utilizza il primo criterio di ricerca (provincia/comune), l’individuazione dell’ufficio postale avviene nel seguente modo:

  • si seleziona la provincia d’interesse da un apposito menu a tendina (in tal modo il sistema abilita il campo “comune”);
  • si seleziona il comune di riferimento da un apposito menu a tendina e si clicca sul pulsante “cerca” (in tal modo il sistema abilita il campo “ufficio postale”);
  • si seleziona l’ufficio postale preferito, da un apposito menu a tendina (qualora gli uffici all’interno del territorio comunale siano più di uno)

Qualora si utilizzi la ricerca per frazionario, l’individuazione dell’ufficio postale avviene semplicemente indicando il numero di frazionario.

Al termine dell’inserimento dei dati si deve cliccare il tasto “valida”, per visualizzare il riepilogo delle informazioni inserite e l’indirizzo dell’agenzia.

Il richiedente, attraverso l’apposito chek box “Delegato alla riscossione”, ha la possibilità di aggiungere un delegato per riscuotere la pensione (se non ve ne sono, bisogna procedere con la pressione del pulsante “Salva e prosegui”).

Se risultano già registrati dei delegati associati alla domanda (o altri soggetti acquisiti in precedenza), il sistema li visualizza all’interno di un menu a tendina dal quale è possibile selezionarli; in caso contrario, è sempre possibile aggiungere un nuovo soggetto attraverso il tasto “nuovo soggetto “ (in tal caso lo si deve ricercare negli archivi mediante il codice fiscale ed è necessario inserire gli eventuali dati mancanti: residenza, cittadinanza, etc.).

Dopo aver selezionato il delegato vengono visualizzati i suoi dati, se sono presenti all’interno di domande già presentate dallo stesso richiedente:

  • dati anagrafici,
  • cittadinanza,
  • residenza.

Bisogna poi cliccare sul pulsante “prosegui”, per visualizzare la maschera riepilogativa, contenente anche il nominativo del delegato.

Terminata la scelta della modalità di pagamento, è necessario cliccare il pulsante “Salva e prosegui”, per accedere ai quadri successivi.

Conto corrente postale

Se viene scelta la modalità di pagamento “conto corrente postale”, compare la sezione “informazione pagamento”, da compilare con le seguenti informazioni:

  • Iban;
  • frazionario;
  • bisogna poi indicare se il conto corrente è intestato al solo richiedente la prestazione, oppure se è cointestato.

Al termine dell’inserimento dei dati si deve cliccare il tasto “valida”, per visualizzare il riepilogo delle informazioni inserite e l’indirizzo dell’agenzia.

Terminata la scelta della modalità di pagamento, è necessario cliccare il pulsante “Salva e prosegui”, per accedere ai quadri successivi.

Libretto postale

Se l’interessato seleziona la modalità di pagamento “libretto di risparmio nominativo”, compare la sezione sulle informazioni di pagamento, attraverso la quale ricercare l’ufficio postale desiderato

La ricerca dell’ufficio postale può avvenire attraverso due differenti criteri:

  • provincia/comune,
  • frazionario (numero distintivo assegnato ad ogni ufficio postale).

Se si utilizza il primo criterio di ricerca (provincia/comune), l’individuazione dell’ufficio postale avviene nel seguente modo:

  • si seleziona la provincia d’interesse da un apposito menu a tendina (in tal modo il sistema abilita il campo “comune”);
  • si seleziona il comune di riferimento da un apposito menu a tendina e si clicca sul pulsante “cerca” (in tal modo il sistema abilita il campo “ufficio postale”);
  • si seleziona l’ufficio postale preferito, da un apposito menu a tendina (qualora gli uffici all’interno del territorio comunale siano più di uno);
  • si indica il numero di libretto,
  • si indica se il libretto è intestato al solo richiedente la prestazione, oppure se è cointestato.

Qualora si utilizzi la ricerca per frazionario, l’individuazione dell’ufficio postale avviene indicando:

  • il numero di frazionario.
  • il numero di libretto,
  • se il libretto è intestato al solo richiedente la prestazione, oppure se è cointestato.

Anche in questo caso, al termine dell’inserimento dei dati si deve cliccare il tasto “valida”, per visualizzare il riepilogo delle informazioni inserite e l’indirizzo dell’agenzia.

Terminata la scelta della modalità di pagamento, è necessario cliccare il pulsante “Salva e prosegui”, per accedere ai quadri successivi.

Conto corrente estero

Se il richiedente desidera che la prestazione pensionistica sia liquidata presso un ufficio pagatore estero, deve in primo luogo selezionare il check box “estero” e selezionare la modalità di pagamento “conto corrente estero”.

In seguito, compare la sezione “informazione pagamento”, da compilare con le seguenti informazioni:

  • Stato estero (che deve essere selezionato dall’apposito menu a tendina);
  • Iban;
  • Codice Swift/Bic;
  • bisogna poi indicare se il conto corrente è intestato al solo richiedente la prestazione, oppure se è cointestato.

Al termine dell’inserimento dei dati si deve cliccare il tasto “valida”, per visualizzare il riepilogo delle informazioni inserite e l’indirizzo dell’agenzia.

Terminata la scelta della modalità di pagamento, è necessario cliccare il pulsante “Salva e prosegui”, per accedere ai quadri successivi.

Pagamento della pensione all’estero: vantaggi fiscali

Ricordiamo che i pensionati residenti nei Paesi con cui l’Italia ha stipulato una convenzione contro la doppia imposizione fiscale, in possesso dei requisiti previsti dalla specifica convenzione, possono beneficiare di una tassazione agevolata della pensione, richiedendo all’Inps di non operare ritenute sull’assegno.

I pensionati pubblici residenti all’estero beneficiano della detassazione della pensione soltanto in 4 Paesi, in base alle convenzioni stipulate: Senegal, Cile, Tunisia, Australia. Per beneficiare della detassazione in altri Stati, devono acquisire la cittadinanza.

Per approfondire: Detassazione della pensione italiana per residenti all’estero.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube