Coronavirus: i benefici per professionisti e imprese

13 Marzo 2020 | Autore:
Coronavirus: i benefici per professionisti e imprese

Si riduce la platea interessata dal congelamento dei versamenti di Iva, contributi e ritenuti. Rivisti i termini di cartelle e rottamazione ter.

Non tutti i contribuenti potranno beneficiare della sospensione del versamento di Iva, contributi e ritenute a causa dell’emergenza coronavirus. L’agevolazione in arrivo interesserà solo chi fattura fino a 400mila euro per le prestazioni di servizi (società e professionisti) e fino a 700mila euro per la cessione di beni (commercianti, artigiani, piccole imprese). Non ci sarà, quindi, uno stop generalizzato, come previsto. Semmai, prima che le misure vengano attuate, si potrebbe rivedere il tetto di fatturato entro il quale è possibile spostare la scadenza dei versamenti.

La decisione finale che interessa imprese, autonomi e professionisti arriverà nelle prossime ore, visto che i versamenti dovrebbero essere fatti entro lunedì, 16 marzo. Il mancato pagamento delle ritenute Irpef comporterà per lo Stato oltre 12 miliardi di euro, a cui si sommano i 10 miliardi dei versamenti annuali dell’Iva dei contribuenti mensili e dei tributi. Una botta per l’Erario pubblico. Ecco perché il ministero dell’Economia e delle Finanze ha deciso di mettere dei «paletti» con una sospensione selettiva dei versamenti.

Rivisti anche i termini delle cartelle, del saldo e stralcio e della rottamazione ter. Resteranno nel cassetto del mittente le cartelle in generale e verranno congelati gli atti esecutivi.

Tra le misure in arrivo anche la probabile riduzione delle sanzioni per eventuali errori di calcolo degli acconti d’imposta con il metodo previsionale per tenere già conto del calo del fatturato provocato dall’emergenza coronavirus. Le società di comodo potrebbero beneficiare della riduzione del 50% delle percentuali di determinazione dei ricavi minimi e del reddito minimo. In altre parole, di uno sconto sui due parametri che determinano le maggiorazioni Ires per le società fittizie.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube