Revisioni auto: saranno prorogate le scadenze?

13 Marzo 2020
Revisioni auto: saranno prorogate le scadenze?

La richiesta della Cna per assicurare il corretto svolgimento dei controlli.

Per effettuare la revisione dei veicoli occorre una proroga delle scadenze fino al termine dell’emergenza Coronavirus. A chiederlo è la Cna per scongiurare il mancato rispetto di un obbligo di legge ma registrando le criticità delle imprese di revisione che, pur mantenendo aperte le proprie officine per garantire il corretto svolgimento dei controlli, stanno ricevendo una valanga di disdette rispetto agli appuntamenti già presi.

Si tratta, nella stragrande maggioranza, di casi, come riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, in cui la Cna sottolinea che “di vetture le cui revisioni scadono a fine marzo. Operazioni di controllo non più rinviabili, che, se non effettuate nei tempi previsti, rischiano di precludere l’uso dell’automobile a tanti italiani. Il più delle volte, è il clima di giustificabile paura ad indurre i proprietari dei veicoli a rimandare il controllo; in altri casi, sono le stesse Forze dell’ordine che, nel corso degli accertamenti sugli spostamenti, inibiscono i guidatori dal recarsi presso il centro di revisione“.

La proroga, rileva Cna, “è necessaria in quanto la revisione rappresenta un obbligo di legge, atto a certificare la sicurezza del veicolo. Un controllo da eseguire ogni quattro, due o un anno, entro il mese corrispondente al rilascio della carta di circolazione o corrispondente all’ultima revisione”.

Le vetture da revisionare entro il 31 marzo, spiega Cna, sono circa 1.300.000. Una cifra considerevole, a cui aggiungere i veicoli con portata superiore alle 3,5 tonnellate, da revisionare ogni anno. Sono numeri rilevanti, assodato il divieto di circolazione con revisione scaduta, da cui consegue il sequestro del veicolo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube