Lifestyle | News

Coronavirus: i consigli per gli italiani bloccati all’estero

14 Marzo 2020
Coronavirus: i consigli per gli italiani bloccati all’estero

Sei suggerimenti del sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano.

Molti italiani sono bloccati all’estero a causa dell’emergenza coronavirus e delle restrizioni imposte da alcuni Paesi. Il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano in un post su Facebook, nel quale dice che sta ricevendo moltissime segnalazioni di italiani bloccati all’estero senza sapere come tornare in Italia. “Devo premettere che il problema non è facile da gestire perché dipende dalla scelta delle compagnie aeree di interrompere le tratte, cosa sulla quale non possiamo fare nulla”, ammette. È quanto riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos.

Ecco alcune opzioni che elenca Di Stefano:

  1. consultare sempre il portarle www.viaggiaresicuri.it per info e aggiornamenti in tempo reale;
  2. contattare le ambasciate e i consolati del Paese estero nel quale ci si trova in quel momento: alcune ambasciate hanno già attivato una taskforce Coronavirus (ad es. Madrid);
  3. contattare, solo in casi di estrema urgenza, l’Unità di Crisi a Roma al numero +390636225;
  4. provare a rientrare in Italia con voli con scali, provando diverse combinazioni e tenendo presente che, per adesso, sono consigliati i voli attraverso Germania, Svizzera e Francia perché, ad oggi, continuano ad essere garantiti. Meglio comunque consultare i siti delle compagnie aeree e degli aeroporti e prediligere sempre le compagnie di bandiera (es. Air France, Lufthansa, Alitalia);
  5. valutare anche i viaggi in nave (dalla Spagna, per esempio, Grimaldi Lines garantisce ancora la tratta Barcellona-Civitavecchia) e i treni a lunga percorrenza (Tgv, le ferrovie svizzere, ecc.);
  6. chi si trova negli Stati Uniti e intende fare ritorno in Italia può ricorrere ai voli con scalo, tenendo presente che la tratta Usa-Uk è attiva e Uk-Italia è ancora garantita oltre che un’alternativa potrebbe essere volare via Canada per l’Italia”.

“Andrà tutto bene!!!”, conclude il sottosegretario.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube