Diritto e Fisco | Articoli

Fare i pettegoli può costare una condanna

26 Dicembre 2011
Fare i pettegoli può costare una condanna

Raccontare tresche amorose, pettegolezzi scabrosi, flirt e, più in generale, fare gossip ai danni di terzi, può costare caro.

La Cassazione ha recentemente condannato a un anno e due mesi di reclusione e al risarcimento del danno un tale che aveva rivelato, al proprio datore di lavoro, la tresca in atto tra una dipendente e un collega sposato. La voce è giunta alla moglie di quest’ultimo il quale ha intrapreso l’azione legale nei confronti del pettegolo.

Non rileva, infatti, se i fatti attribuiti siano veri o meno: non si può comunque ledere la privacy delle persone.

I giudici della Suprema Corte sottolineano che la diffusione, all’interno del ristretto ambito lavorativo della notizia della esistenza di una relazione, sentimentale e sessuale, clandestina tra due impiegati può costituire diffamazione, specie se uno dei due è sposato.

Secondo un’indagine condotta da Aol.com, il comportamento che crea più attriti sul posto di lavoro è proprio il pettegolezzo tra colleghi (23% degli intervistati), preceduto solo dalla altrui negligenza(41%).

Raccontare tresche amorose, pettegolezzi scabrosi, flirt e, più in generale, fare gossip ai danni di terzi, può costare caro.




Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube